VUOI AGGIUNGERE UNA VOCE?

 

-P-

 

Pabassinu: papassino. Tipico dolce sardo fatto con qualche mandorla, glassa e...una marea di perline di zucchero colorate! (Es.: appo fattu sos pabassinoso po sa festa de sol moltoso...; ho fatto i papassini per la festa dei santi che cade il 1° novembre...) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

Pab'e proceddu: spalla di maiale (Es.: ti pottu a pab'e proceddu; ti porto in spalla) (Segnalazione di Deu)

PaccÓi: imbrogliare (es.1 : appu paccau Franco donendusý una parýga 'e merda. Issu crieara chi fiara fumu; ho imbrogliato Franco dandogli un p˛ di escrementi mentre lui credeva che fosse hashish! ; Es. 2: Oh, a quel marocchino danti paccau s'accendinu! ; Trad.: "Oh a quel marocchino gli hanno rubato l'accendino!") (Ringraziamo ^DiO-LeCcIo^ per la seconda segnalazione)

Pacci˛cciu: in sassarese ha lo stesso significato di cunnu e altri sinonimi (Grazie a M@re per la segnalazione)

Padenti: bosco o foresta (Es.: in padenti appu isparàu unu sirboni mannu mannu; nel bosco ho sparato un cinghiale enorme) (Segnalazione di Pillenzu)

Padulu: Uccello migratore caratterizzato dalla forma del becco simile all'organo genitale maschile. Es: Chi no studiasa a sa fine de s'annu beniri a ri scrucullai su paneri su Padulu!!- Trad: Se non studi alla fine dell'anno scolastico viene a sconquassarti il sedere il Padulo (Grazie a Scacchy per la segnalazione)

Paggallamossa: in realtà non è una parola sarda. Sarebbe anzi la frase italianissima "paga la mossa", ma il tono con cui viene pronunciato e "amalgamato" in un unico vocabolo lo trasforma in una locuzione unica che potete apprezzare solo in quel di Cagliari e dintorni. Il detto si riferisce al gioco di mimare un pugno o uno schiaffo e deridere il credulone di turno che magari si è schernito o protetto come se il colpo gli stesse arrivando sul serio. (es.: Na... ti 'ongu unu buccicconi o nenno... ceeee! Paaaagallamossaa! o lollone!! - Trad: Adesso ti do una di quelle sberle... eilà! CI sei cascato! Paga pegno per la tua distrazione o stupido ! ) (Ringraziamo Danieloz + Ivaz per la segnalazione)

Pagaredd˛so: Pochi (es.: Piseddoso, ja sezzisi pagareddoso, ma cando cazzu coddadhese? ; Ragazzi, ma quanti siete?! Cosý non riuscirete mai a fare l'amore con una ragazza) (Ringraziamo Maruzzino)

Paggiolu: termine sassarese indicante il paiuolo, pentolone per il rancio. Usato anche per identificare il culo di qual si voglia sesso (inteso come magazzino della cacca) (Es.: mi chi chissu pizzinnu t'iffascia lu paggiolu; attento che quel bambino ti rompe il pentolone per il rancio) (Segnalazione di Figaro qua Figaro la)

Pagu bessýu: sprovveduto. Letteralmente "poco uscito", si dice di persona con poca conoscenza del mondo esterno (es.: o pagu bessýu! lÓ ghi s'orecchinu no esti prusu de moda! Sei proprio sprovveduto! Non lo sai che l'orecchino non si usa pi¨?) (grazie Seme)

Pagu bona puru: Veramente carina!!! (es.: Oh Gianni, è passendu Valentina! mmmm....pagu bona puru! ; Trad.: Hey Gianni, sta passando Valentina! mmmmm....é veramente carina!) (Segnalazione di Guarro)

Pagu'ei miu: povero me!! (Es.: s'attra di appu cumbidau lello a sa bettua,"Pagu'ei miu!!!"; l'altro giorno ho offerto da bere ad antonello al bar,POVERO ME!!) (Segnalazione di squevez)

Palanchinu: palanchino. Si usa nel campo lavorativo della manovalanza quando c'è qualcuno fermo che è un po' svogliato (Es.: E itt'è? Asi inguttu su palanchinu?; Cosa c'è? Hai ingoiato il palanchino quindi non puoi piegarti?) (Segnalazione di Scream is back)

Paliazzu: pelandrone. (es.: cussu est unu paliazzu mandrone. - Trad: quello Ŕ un pelandrone scansa fatiche) (grazie a su balente per la segnalazione)

Pampadasa: gattonare. (es: su pippiu Ŕ caminendi a pampadasa ! - trad: il bambino va a gattoni !) ringraziamo Lucolino per la segnalazione

Pamporisi: Vampate, eccitazione. (es: Seu tottu a pamporisi - trad: Sono tutto/a accaldato/a per il caldo ma soprattutto perchŔ c'e' qualcuno o qualcuna che mi ATTIZZA!) ringraziamo SpigolaGM per la segnalazione.

Pandino: Fiat Panda. (es: cehhh, currendi a perda furriada in sa centutrinta appu scallau su Pandinu!; o per bacco, correndo a rotta di collo sulla S.S.130 ho rovinato la mia Fiat Panda) (Ringraziamo StefxPBK)

Paneri: posteriore, sedere (Es.: 'Ti du bennisi a fai unu giru?'. 'No'. 'E tandu cravarì unu diru in su paneri!'; 'Vieni a farti un giro?'. 'No'. 'E allora infilati una falange nel fondoschiena!') (Segnalazione di O'dinu)

Panettoni : dicesi di ragazza con il sedere molto pronunciato. (es: Per strada: Su mascu: << Ceee, Ŕ pitticcu su panettoni! >> Sa femmia: << Ti praxidi? Beni a dommu mia ca fradi miu t'indi faidi unu ugualli ugualli!>> - Trad: Lui: << Dhe, hai proprio un bel posteriore! >> Lei: << ti piace? Seguimi a casa che mio fratello Ŕ in grado di fartene uno per la segnalazione)

Panninnu: panino in dialetto sinnaeso (Es.: andaus a si piggau nu panninnu cu sallamminni e pattattinnasa??; andiamo a prenderci un panino con salame e patatine ?? (tipico dialogo fra amici di Sinnai che si apprestano a mangiare al Cavalluccio Marino)) (Segnalazione di Spaccatroddiu)

Pantuma: ombra, apparizione notturna, in senso esteso: persona insignificante, che non vale nulla. Forse ha affinitàcon la parola "fantasma" (Es.: ses abarrau in cue cumente unu pantuma...; sei rimasto là come un ombra, inerte...) (Segnalazione di sindria)

Papèri: carta. (es: appu accabàu 'e cagai...mi du passasa su paperi po su culu!!!!! - trad: ho finito di defecare..me la passeresti la carta igienica??) (ringraziamo SuDrumm3r)

Pappa, buffa e fairì coddai: mangia, bevi e fatti scopare (Es.: chi ti nanta ca deppis traballai mera, arrespundi: pappa, buffa e fairi coddai; se ti impongono di lavorare tanto, rispondi: mangia, bevi e fatti scopare (vivi e lascia vivere- goditi la vita)) (Segnalazione di nico (sasaio))

Pappagani: mangia cani (Es.: t'appu nau chi no deppisi andai in Quattu, poitta innia è prenus de pappaganisi; ti suggerisco vivamente di non recarti a nella cittadina di Quartu sant'Elena, poichè in tal luogo vi risiedono individui che si cibano di cani) (Segnalazione di fabri fibra)

Pappai de s'oru tu: letteralmente "mangiare dalla tua parte". (es.: si ti ponnisi contra de mimi ti facciu pappai de s'oru tu. - trad.: Se ti metti contro di me ti faccio mangiare dalla tua parte - cioè, mi faccio rispettare - ) (ringraziamo barrancu per la segnalazione)

Pappa, mancai ti pappidi su bremmi in su baullu!: mangia,magari ti mangiassero i vermi nella bara! (Es.: Chicchinu Narada"Oi,seu morrend'e fammini!"E su babbu arrespondidi:"Pappa,mancai ti pappidi su bremmi in su baullu!"; Invito rivolto a persone in sovrappeso,di mangiare sempre piu',cosi ci sara' piu cibo per le larve necrofaghe al momento del decesso) (Segnalazione di squevez)

Pappa pani puru!: mangia anche pane! Accompagna la degustazione della carne con dell'ottimo prodotto da forno! (Segnalazione di Plin)

Pappara de pruppu a is'ottu de mengianu: si dice per dire di una persona non facilmente digeribile, pesante, insopportabile (es: "se cummenti de una pappara de pruppu ais'ottu de mangianu" - trad: "sei come un' insalata di polpo a colazione") (ringraziamo Nurhadda per la segnalazione)

Pappina: schiaffetto sulla nuca dato senza eccessiva violenza, però con decisione, con la mano tesa e in particolare con le quattro dita eccetto il pollice (Es.: O Maurè, chi non d'accabasa de castiai su culu a sa picciocca mia ti pigu a pappinasa; Maurizio, prego, smetti di guardare con insistenza il deretano della mia fidanzata perchè sennò mi vedro costrtto a colpirti con schiaffetti in regione occipitale) (Segnalazione di Toniccu de Lanusè)

Pappingiu: Prurito (es.: Mallaittu su pizziadroxu! Pitticcu su pappingiu ; Trad.: Accidenti all'ortica! Ora ho un gran prurito ) (Segnalazione di Sa Cricca De Is Caghinusu ) 

Pappixeddu: diminutivo di Pappo, nomignolo usato per indicare il pene. (es: mi du ponisi su pappixeddu in culu!! - trad: me lo metti il pappo/pene in culo!!) (ringraziamo Pirikitta)

Pappo: cappella, glande, parte superiore del pene. Es: Naraddi a sorri tua de d'accabai de si bistiri a trass'e troia! chi di sighiri aicci una di o s'attra mi da tregu in pineta e di dongu custa scorriad'e pappu a mesu schina!! - TRAD: Avvisa la tua sorellina di evitare di uscire di casa vestita in modo cosl provocante. Se continua cosl prima o poi tenterò un approccio e la inviterò per una romantica uscita a due (ringraziamo Grankio)

Pappu arrescottau: glande ricoperto di ricotta (Es: pottada su pappu tottu arrescottau!; ha il glande ricoperto, per via della scarsa igiene intima, di una sostanza biancastra che ricorda la ricotta!) (Segnalazione di Forfait)

Pappu scruzzu: lett.: cappella scalza. (es.: Sesi cummènti unu pappu scruzzu! ; trad.: Sei come una cappella scalza!) (Grazie a Vam)

Pariginu: abitante di Quartucciu (Es.: oi appu biu cussu conche cazzu de Frizzi Pazzi con is amigusu Pariginusu; oggi ho visto quel testa di cazzo di Frizzi Pazzi (noto spilungone) con i suoi amici di Quartucciu) (Segnalazione di Spaccatroddiu)

Partimmus sos brozzos: letteralmente: ci dividiamo la ricotta. (Es: belle'... bisto pagu a partire sos brozzos ! - Trad: bello... visto che impiego poco a dividere la ricotta! Dicesi di due soci o anche marito e moglie che decidono di porre fine alla relazione sia d'affari che di amore ) (ringraziamo Massulone per questo detto buono in ogni occasione!)

Partire: picchiare, colpire. (es: la chi ri partu!! - usata prevalentemente da gaggi (personaggi che uniscono modi poco distinti a scarse doti dialettiche )- trad: guarda che ti colpisco !!) (ringraziamo Lercio)

Partidu Podda: Partito Podda (Es.: Oh Fisieddu ma tui itta botasa a s'elezionis?A Ziu Silviu o Ziu Walteru?Oia, tiddappu nau ca deu seu de su Partidu Podda: pappa, buffa e Codda!!!!; Oh Efisio ma tu chi voti alle elzioni?Destra o Sinistra? Oh ti ho detto che io sono del partito Podda: mangia, bevi e copula!!!)

(A lu) Passasa!!: passalo, mandalo! (rivolto a uno spinello) (Es: Oh lul a lu... passasa custu boch male chi ti lu mandighese!!!- trad: Luigi mi passeresti cortesemente questa canna senza magiartela?) ringraziamo Donkey

Pasci: Pascolare Es: ma bai a pasciri cumenti is sizzigorrus - trad: Ma vai a pascolare insieme alle lumache) ringraziamo il zio

Patteollesu: dolianovese (Es.: du connoscisi a Ghirillu caga bancomat? La ca è patteollesu!!!; Lo conosci Franco Ghirillo!! Guarda che è di Dolianova!!!) (Segnalazione di Macaleo)

(una) Pedana 'e birra: unità di misura della birra adottata dagli studenti del nord sardegna in trasferta a Cagliari. (es.: oh tziu chri' custu sero cola a dommo ca nor buffamusu una pedana 'e birra! - trad.: ciao Cristian, questa sera porta la signoria tua a casa,cosi' potro invitarti un numero non definito di birre) (ringraziamo scemo per la segnalazione)

Peddecca: Sputo. (es1.: pesarindi de mesu ca ri scuru una peddecca a bucca e r'alluppu! ; Trad1.: Spostati leggermente che altrimenti ti catapulto uno sputo all'uovo in bocca e ti annego! ; es2.: Zia Tattalla ari scuttu una peddecca in terra e a fattu sgommai su postalinu po casteddu!! ; Trad2.: Zia Natalia ha catapultato uno sputo sulla strada che ha fatto slittare la corriera per Cagliari!!) (Ringraziamo mallariusu e tottoi per la contemporanea segnalazione e gli esempi)

Peddi: lett. pelle, usato per indicare persone maldestre e pure un po' tonte (Es.: oh Matte, no faisi unu cazzu de ammengianu a merì!! Sesi una peddi; oh Matte, non fai niente oziando tutto il dì! Sei un tonto) (Segnalazione di cricca delle pelli)

Pedduzzoni (o Peddizzioni): barbone (Es.: Oh Gianni e sciaccuarì chi mi parisi unu pedduzzoni; Oh Gianni e datti una lavati che mi sembri un barbone) (Segnalazione di gervaso)

Pedra: pietra (molto usato anche il sinonimo crastu) (Es.: si non ti franghese ti colpo a pedra a conca; se non ti sposti, ti sbatto la pietra in testa) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

(Li) Pedi di brocciu: I piedi di ricotta. (es.: "Puzzinosu sii, li pedi di brocciu" ; Trad.: "Che tu possa diventare puzzolente (perche morto), i piedi di ricotta (con i quali ti sara alquanto difficile la deambulazione, distruggendosi essi in pochi attimi)) (Grazie a Gadduresu)

Pedra furriada: lett. pietra rovesciata. Disperatamente (Es.: seu cicchendiddu a pedra furriada; lo sto cercando disperatamente) (Segnalazione di Deu)

Pei a sa udda: calci in culo (Es.: oh calloneddu, chi no ti'ndì andàsa ti onausu ua passad'e pei a sa udda!!!; ehy coglioncello, se non vai via ti prendiamo a calci in culo!!!) (Segnalazione di Sbertidori)

Pelandra: scansafatiche (Es.: gia se pagu pelandra; non hai voglia di fare un cazzo) (Segnalazione di il migliore)

(o) Peldeu!: perbacco! Il termine "peldeu" o "peldeu santu" può essere utilizzato sia di fronte a eventi tragici che davanti a scene simpatiche e gioiose, come quando si assiste ad un'uscita in cunetta o ad uno sgambetto. (Segnalazione di Kossoine)

Pèrdas pesàras: pietre tolte, spostate (Es.: ma abua fusti? ti fu circhedu a perdas pesaras!!!!; ma dove eri? ti stavo cerando spostando anche le pietre) (Segnalazione di durgo88)

Perd'e molla: pietra di mola. Quando finiva il grano nella mola iniziavano a scendere pietroline generate dall'attrito pietra contro pietra. Sta a significare una perdita di tempo, un'attivita' inutile (Es.: 'Chicchina, inz'a' candu mi fais coddai?'. 'Gi ad'a calai perd'e mola!'; 'Piccola Francesca, allora quando mai faremo l'amore?'. 'Guarda che stai sprecando il tuo tempo') (Segnalazione di Iamlorenzo)

Peringionisi: geloni alle dita dei piedi (Es.: giai seu acconciu.... Seu addendi zoppia zoppia po curpa dei's peringionisi...; sono conciato male...sto zoppicando per colpa dei geloni ai piedi...) (Segnalazione di Kobrasardo)

(sa) Petta cambia: si dice quando a una donna dorgalese piace prenderla in culo da diverse persone (Es.: 'a cussa baldracca ezza l'aggradada sa petta cambia'; TRAD: 'a quella puttana vecchia gli piace prenderla in culo da diverse persone'.) (Segnalazione di birronzo e muzzanu)

Pettonadì: Imperativo del verbo pettinare. (es.: Ses tottu scrabionàu...ascù fai una cosa... E pettonadì! ; Trad.: Non hai i capelli a posto... Senti, fammi la cortesia: pettinali.. grazie!!!) (Segnalazione di treq_2)

Pexiottino: piccola Peugeot (Es.: la ghi ri ongu unu buccicconi a conca chi ri fazzu is ogusu cummenti is farusu de unu pexiottino; guarda che ti do un colpo in testa che ti faccio gli occhi come i fari di una Peugeot) (Segnalazione di *unu BURDU*)

Pezz'e calloni: carne di testicolo. Termine offensivo che si rivolge ad un'altra persona per insulatarla (Segnalazione di Perdingianu)

Pezz'è pudda: carne di pollo (Es.: se cummenti sa pezz'è pudda; sei tirchio (asciutto) come la carne di pollo) (Segnalazione di Triumviro)

Piaghesu: ploaghese, abitante di Ploaghe (Es.: "bidu l'hasa su pizzinnu nou de Juann'Anghela?". "Eja, naki è furistheri...Piaghèsu mi pàrede..."; "hai visto il nuovo fidanzato di Giovanna Angela?". "Si, dicono che sia forestiero...Credo sia Ploaghese...") (Segnalazione di Ganzera)

Pibirizziri: cavalletta (Es.: asi biu cussa pippia cummenti e sattiendi?...paridi unu pibirizziri incazzau!; hai visto quella bambina come sta saltando? Sembra una cavalletta adirata!) (Segnalazione di juilonia)

Pibýzziri Prýngiu: Cavalletta incinta (es.:cÓstia c¨ssa picci˛cca, mi pariri unu pibizziri pringiu; guarda quella ragazza, mi sembra una cavalletta incinta) (Grazie a Pibizziro)

Pibinca: Irrequieto. Dicesi di persona irrequieta ed indaffarata, che opera incessantemente senza tregua (Segnalazione di Idem)

Pibione: acino d'uva, ubriacone. (es 1: Seu andau da pizza e ndì seu torrau tottu appibionau! - es 2: Maurizietto pibione as spacciau su bottillioni - trad 1: Sono andato ad una rinomata pizzeria da asporto di cagliari e sono tornato ubriaco fradicio - trad 2: Maurizietto ubriacone ha finito il bottiglione) (ringraziamo Pistillone)

Pic: pene. Lemma tipico algherese che indica il membro maschile (Es.: tè un pic com una butifarra; ha un membro come un salsiciotto catalano (sanguinaccio)) (Segnalazione di Dante&prendente)

Picchiu: picchio (Es.: calliadi pagu pagu, mi parese unu picchiu!; stai zitto un pò, mi sembri un picchio!) (Segnalazione di Iron Killer 78 (Borore))

Picciocchedd'Ú Ghiglieri (espressione tipicamente Iglesiente): Ragazzino di Ghiglieri: fattorino di un panificio storico di Iglesias famoso per il Mustatzeddu (focaccia al pomodoro tipica sulcitana) (es.: (dom.)Oh Lallo mi vai a prendere le sigarette in macchina? (risp.) E itta seu, su picciocchedd'Ú Ghiglieri? ; Trad.: (risp.) E cosa sono, il ragazzino di Ghiglieri? Espressione tipicamente in risposta a richieste di prestazioni di bassa manovalanza. ) (Segnalazione di Istrangiu ) 

PicciÓcciu: Pipý. (es.: Puuuuu pittýccu su frÓgu de piciÓcciu!!! ; Trad.: Puuuu, piccolina la puzza di piscio!!!) (Ringraziamo Iaiaper la segnalazione.)

Picciacc'e eg¨a: pipì di cavalla, dicesi per bevanda troppo calda. (es: Custa birra paridi picciac'i eg¨a - trad: Questa birra sembra pipý di cavalla) (ringraziamo Power)

Picciacciu 'e mongia: pipý di suora, si dice per una bevanda dall'aspetto non proprio invitante. (es.: Ciccittu, eita sesi buffendi? Paridi picciacciu 'e mongia! - Trad: Ciccittu, eita sesi buffendi? Paridi picciacciu 'e mongia! ) (grazie testine!)

Picha ddhoooo!!!!!!: prendi questo!!!!!!! Durante un eccitatissima partita a play the game se uno dei due segna un super goal il quale può risultare decisivo al fine del raggiungimento dell'eccitazione il bomber urla "picha ddhoooo!!!!!!" facendo un movimento testugginesco con il collo. (Segnalazione di Demu)

Pidocciu o purizza:  pidocchio o pulce o piattola.
Esempi:
-Pidocciu azzaddu: Chi, da rango di pidocchio, crede di essersi elevato a rango di Leone;
- La purizza cu la tossa: letteralmente la pulce con la tosse: piccolo sapientino;
-Pidocciu pantera: quello che infesta il capillizio di Tore Trementina noto anche Tore varecchina;
-Allegru chi pidocciu: allegro come un pidocchio ( vedi il capillizio di Tore Trementina ). (grazie ancora, Giuanniccu lu Griccu)

Pidocciu azzaddu/aizzadu: lett. pidocchio alzato, nel senso di poveraccio arricchito che fa l'arrogante. Termine utilizzato nel sassarese (Es.: ma ga ti credi d' assÚ abÓ chi v' hai dui franchi, o pidocciu azzaddu; anche se hai fatto fortuna sei sempre un pidocchio presuntuoso (di umili origini) - ES2: Nigora l'asthru annu era morendi di fammi e abÓ chi ha vintu a la lotteria si fazi sempri vidý su una Mercedes. - Eh, Ŕ unu pidocciu aizzaddu! TRAD2: Nicola l'altr'anno stava morendo dalla fame e ora che ha vinto alla lotteria si fa sempre vedere su una Mercedes. -Eh, Ŕ un "pidocchio in piedi"! (Segnalazione di G.Marco.Bruxelles e Alain Delogu )

Piena: gravida (utliizzata a Sorso (SS) Es.: "chissa femmina
è piena!" oppure " " lu pizzinnu l'ha pienadda finz'a bocca!"; Traduz: "quella donna è gravida";
"il ragazzo l'ha messa in cinta") (Segnalazione di pincopallino)

PigÓu a ogu: Preso d'occhio (es.: TŔngu sa callent¨ra a corÓnta giÓi de unu mŔsi e ancora  non Ŕ passÓra, nun arŔssi chi m'Ónti pigÓu a ogu? ; Ho la febbre a quaranta giÓ da un mese, non sarÓ che mi hanno preso d'occhio? Fa riferimento a superstizioni presunte arti magiche ; il Voodoo sardo) (Ringraziamo Lubumba per la segnalazione)

Pigliaddu mari: annoiato,scoglionato (Es.: Giusè, ma cosa gazzu v' hai? Sezzis' pigliaddu mari!; Giuseppe, perdiana, che ti è successo? Sembri annoiato!) (Segnalazione di Gangia)

Pigliazi bè: prendici bene, nel senso, mettici il buon umore, facci ridere (Es.: cazz, pigliazi bè!; acciderbolina, prendici bene!) (Segnalazione di Lauradibiagio)

Pignègna: termine usato sia per indicare i drogati (droghini n.d.r.), sia per la droga leggera (per lo meno così ci hanno segnalato.) (es: 1) Du bisi a cussu? S'intèndiri mali? Ma bah! èsti una pignegna!!! 2) Ge ses pagu drommiu, itta cazzu ti ses fattu un a pignegna? No, mi seu fattu mamma tua!!! - Trad: 1) Lo vedi quello? Si sente forse male? Ma và! E' un drogato!!! 2) Sei proprio addormentato, ma ti sei fatto di droghe leggere? No, mi sono fatto tua madre!!!) (ringraziamo Artificier Ragno e gesturesusu zorbusu)

Pilla: soldi (Es.: boga sa pilla e paga su traballu; per favore dammi i soldi del lavoro) (Segnalazione di Treq_2)

PillŔdda: Piccolo pene. (es.: Aýntru su spogliat˛iu: Ceeeeeeeh, Mario tennýsi una pillŔdda pitticchŔdda pitticchŔdda cummŔnti unu pippýu!!! Trad.: Dentro lo spogliatoio: Mamma mia Mario, hai un pisello piccolo piccolo come quello di un bambino!!!) (Ringraziamo Skizzo per la segnalazione)

Pillinca arrungiosa: pene rognoso (Es.: nara o pillinca arrungiosa midda accabbasa?; ascolta o pene rognoso l'hai finita di seccare?) (Segnalazione di kikko75)

Pillinca pisciada: bambino mocciosetto (Es. (su fillu a su babbu): 'Oh babbu, potzu andai con Fisieddu a piscai in su canali de Mamma Aranca?' (su babbu a su fillu): 'Tocca abbarra in domu, pillinca piscada!!!; (il figlio al padre): 'Papà posso andare a pescare con Efisio al Canale di Terramaini?' (il padre al figlio): 'No. Tu rimani a casa perchè sei ancora un mocciosetto!!!') (Segnalazione di Gervaso)

Pillitteri: coddone, playboy, stallone. (es: femminas tui? ses unu pillitteri - trad: donne tu? sei uno stallone!!!!) (ringraziamo io e basta)

Pillýttu: vagina. Nella formazione del Cagliari, vincitrice dello scudetto 69/70, figurava un tridente temuto da tutta l'Europa: Bellu, Pillittu e Nieddu (bella passera nera)

Pillittu aresti: "figa non addomesticata". (es.: lassada a perdi, tanti non ti di onada, esti unu pillittu aresti! - trad.: lasciala perdere, tanto non te ne da, è una figa non addomesticata! ( e non addomesticabile...)) (ringraziamo Gianchi per la segnalazione)

Pillýttu de craba: Taglio in testa. (testualmente: figa in testa) (Es.: mi seu fattu unu pillittu de craba!; mi son fatto un taglio in testa!) (Ringraziamo Liuk per la segnalazione!)

Pillittu scanciaffau: figa aperta come un carciofo (Es.: Oh Craminetta teisi su pillittu scancioffau ca parridi ua scivedda po fai pai!; oh Carminetta hai la figa aperta "a carciofo" che sembra un contenitore gigante per mettere il pane a lievitare!) (Segnalazione di arrogau tottu a pappu tostau)

Pillittu sciustu: pube bagnato (Es.: castia biri cussa.....pota sempri su pillittu sciustu!!!; guarda quella tipa....ha sempre il pube umidiccio!!!) (Segnalazione di Kledycor)

Pillýttu scrabionÓu: Pube spettinato. (es.: PeppinŔdda, giŔi sŔsi acconcia! TŔnisi su pillýttu t˛ttu scrabionÓu, poýtta non ti fÓisi sa mŔssa in piega?! ; Trad.: Giusy, che brutta che sei! Hai il pube tutto spettinato, pettinatelo!) (Segnalazione di Testine.)

Pillýttu spinniÓu: Pube senza peli. Termine volto anche ad indicare una ragazza in etÓ adolescenziale. (es.: Peppina poýtta sŔgasa is call˛nisi a su pivŔllu mýu?! Tantu no ri c˛ddada, sŔsi ¨nu pillýttu spinniÓu! Trad.: Giusy perchŔ importuni il mio fidanzato?! Tanto non hai speranze, sei troppo giovane!) (Grazie a Testine)

Pillittu sprappaddau: vagina aperta (dal troppo utilizzo) (Es.: "Oh Ciccittu beisi a coberri cu mei?". "Tocca baidindi Peppinedda ca du faisi cun tottusu e pottasa su PILLITTU SPRAPPADDAU!"; "Oh Ciccittu vieni a far l'amore con me?". "Vedi d'andartene che lo fai con tutti e hai la vagina aperta (dal troppo utilizzo)") (Segnalazione di arrettu che caisi)

Pill˛na: membro maschile (es.: a cussa picciocchŔdda dĺappu cravÓu sa pill˛na in su stampĺ Ĺe sa udda; a quella signorina le ho infilato il membro nella vagina)

Pill˛na a s¨su: Cazzo eretto (es.: oh Giorgina, cosa de fÓi tŔnnisi ca mindi seu scirÓu a pillona in susu? Giorgina dormi ancora? Mi sono svegliato e mi sento cosý romantico...) (Grazie a Arroddug˛ per la segnalazione)

Pillon'e ferru: aereoplano (Es.: 'Cèèè o Lino, castiaddu ta bellu su pillon'è ferru 'e s'AirFrà. Aiò tocca ghi nosu puru s'ind'andausu a Pariggi a coddai calincuna troiasa franzesa, chi m'anti nau chi fainti is pompinusu mellusu de is bagassasa niedda de vialle Elmasa'; 'Incredibile Lino, guarda che bello l'aereoplano della Air France. Dai che anche noi andiamo a Parigi a fare all'amore con qualche meretrice francese. Mi hanno detto che praticano la fellatio persino meglio delle prostitute di colore di Viale Elmas') (Segnalazione di Luisellino)

Pillòni: Uccello, membro maschile. (es.: Mèllus pilloni tentu ca bolendu centu! ; Trad.: Meglio un uccello preso che cento che volano!) (Ringraziamo Partitopodda per il proverbiale esempio!)

Pilloni allappau: Pipistrello (Es.: Mirai, unu pilloni allappau!; Guarda, un pipistrello!) (Segnalazione di Zimbawbe)

Pilloni de taccula: griva. (es.: domigu femmu a su stadiu s. elia e sa polizia m'ari sequrestrau su peraccu. Poi ari proppiu e mi seu inciundiu tottu sa conca, cummenti unu pilloni de taccula!!!!- trad.: domenica ero allo stadio s.elia e la polizia mi ha sequestrato l'ombrello, poi ha piovuto e mi sono bagnato la testa come una griva!!!!) (ringraziamo OMINI DE CRESIA per la segnalazione)

Pillotta: organo genitale maschile (Es.: non mi seghis sa pillotta; non mi rompere il cazzo) (Segnalazione di Magnus)

Pillu dé cullu: pelo del culo (Es.: o Isteffanu mollamì a lulli la ghi ti pigu e t'abrusciu su pillu de cullu!!!!!; o Stefano lascia stare a lulli guarda che ti prendo e ti brucio il pelo del culo!!!!!) (Segnalazione di Codda Proccusu)

Pýlu: pelo. (inteso come figa) (Es.: (parlando di una festa):...a bind'at pýlu?; ce n'Ŕ figa?) (Segnalazione di Esoanche)

Piludu: peloso (Es.: minca mia a tui ses piludu cummenti unu cunnu; cavolo sei peloso come il pube di una ragazza che non se la rade da 5 anni) (Segnalazione di Zeelow (Zillo))

Pilu 'e bambula: capelli da bambola. Si dice di persona con i capelli acconciati in maniera goffa, cotonati e non alla moda (Es.: anti acciappau a pil 'e bambula a Sant'Elia!; hanno catturato capelli di bambola (un noto malvivente del quartiere di Sant'Elia)) (Segnalazione di zia antioga)

Piluma: Vigile Urbano di Cagliari (es.: Esti bistiu commenti sa Piluma ; Trad.: E' vestito come un Vigile (in bianco) ) (Segnalazione di S'urtimu Casteddaiu ) 

Pimpiralla: mucchio di bambini (solitamente indicato per bambini che giocano in strada) (Es.: ma là custa cazz'e pimpiralla faendi casinu. Mi funti boccendi...; ma senti questi cazzo di bambini il rumore che combinano. Mi stanno recando fastidio...) (Segnalazione di Lollobriggido)

Pýncaro: gioco di strada fatto con una pietra e una serie di caselle disegnate per terra con un gessetto. Noto anche in logudorese-olbiese come Pampana (Seme docet)

Pindàcciu: Persona che porta male, "gufo". (es.: Mì chi è arribbèndi...chissu pindàcciu de Antoninu... ; Trad.: Guarda un pò chi sta arrivando...quel portasfortuna di Antonino!) (Segnalazione di Maffello)

Pindraguli: Ciondoli, catenine, collane (Es.: bogatinni chissi pindraguli chi mi pari un oreri; togliti tutte quelle catenine che mi sembri un orefice) (Segnalazione di Local)

Pinnaccio: vagina. (es: ti sesi scraffendi su pinnacciu tottu sa di e non as fattu nudda! trad.: ti stai grattando la vagina tutto il giorno e non hai fatto niente...) Grazie a omar e ivan

(a) Pinnettu fattu: Con una grande erezione. (es.: Mi che so pesau a pinnettu fattu... ; trad.: Mi sono alzato con un'erezione non indifferente...) (Segnalazione di Bobore)

Pinnigau: sinonimo di caghineri, omosessuale (Es.: ma la chi ses pinnigau; ma guarda che sei omosessuale) (Segnalazione di Callisto Passera)

(A) Pinnigosusu: cazzotti, pugni. Es: fai a pinnigosusu - Trad: fae a botte (Grazie a accaghinau perdiu)

Pintu: Cazzo (es.: Boga su pintu si ses mascu ; Trad.: Tira fuori il cazzo se sei uomo ) (Segnalazione di Isilesu)

Pinzellu: pennello (Es.: oh middu passasa su pinzellu po favori?; oh me lo passi il pnnello x favore?) (Segnalazione di °°°ArZaNeSa°°°)

Pioccu: letteralmente "tacchino", significa anche sciocco, stupido. (es: Oh pioccu, t'indi bogasa de is callonis? - trad: Oh stupido, potresti cortesemente spostarti?) (ringraziamo nemoz)

Piombo: lasciami fumare (Es.: Lillo, lÓ ki seu senza e dinai, e morendimý de fummai, dammi piombo...!!!; Ragazzo non ho soldi, e mi sto fumando addosso, mi fai fumare...!!!) (Segnalazione di Billyebis)

Piombo al piombo: fammi fumare, anke tu lasciami 2 tiri (Es.: Lillo seu senza e dinai, ma tengu gana de fummai, dammi piombo, piombo al piombo gino, deu puru seu senza dinai...!!!; Ragazzo, nn ho soldi, mi fai fumare, gino lasciami 2 tiri anke a me, ankio sono senza soldo (In memoria dei periodi di carestia studentesca, rievochiamo PIOMBO AL PIOMBO, ha fatto storia.) (Segnalazione di Billyebis)

Pipiriola: pene (Es.: artiadi sa braghetta... Si che viede sa pipiriola!; chiuditi la lampo... Ti si vede il pisello!) (Segnalazione di Devoto-Oli)

Pipisia (o Pibisia): brufolo, pustola (Es.: 1) spremmiri' sa pipisia chi pottasa in facci; schiacciati il brufolo che hai in faccia; 2) me' bessida ua pibisia in cu; mi e' uscita una pustola nel culo) (Segnalazione di dragone)

Pippia: Bambina (Es.: "O ma' a dichisi chi appo perdiu sa sporta?". "M'esse pippia morta po tenni genti simili!"; "Mamma lo sai che ho perso la cesta nuova?". "Preferivo morire da piccola che avere un figlio del genere") (Antoneddu77 rinrazia la madre per le dolci cazziate)

Pippìalla: ammasso di bambini piccoli, ad esempio all'uscita dalle scuole medie o superiori. Spesso usato per indicare la prevalenza di giovanissimi nei locali (Es.: custu logu è prenu de pippìalla; questo posto è pieno di bambini) (Segnalazione di Pino PIso)

Pippiedda e' lalla: bambinetta di lalla. E' un modo di dire di persone che assumono comportamenti da bambini piccoli che non sono ancora in grado ragionare..in un certo senso e in modo carino gli stai dando dello stupido)(Es.: arrexionendi diaicci mi parisi una pippiedda e' lalla; facendo questi ragionamenti sembri una bambina di lalla) (Segnalazione di claudiana)

Pira cotta pira cr¨a, dogni¨nu a d˛mu sua; Pira cotta pira cr¨a deu mi coddu a mamma rua: Pera cotta, pera cruda, ognuno a casa sua; Pera cotta, pera cruda, io avvier˛ un rapporto sessuale con tua madre seduta stante (Es.: GiuÓnni: -Beh, pira cotta, pira crua d' ogni¨nu a domu sua! ;  Lelledda: -o GiuÓnni, e apÓrra un antru pagu.. ; - Giuanni: -Appu nÓu ca no! A si býri! -  Giovanni: -Beh, pera cotta, pera cruda, ognuno a casa sua, io me ne vado a casa che si Ŕ fatto tardi! ; -Antonella: -oh Giovanni e rimani ancora un po, per dinci! ; Giovanni: -Ho detto di no, 'ca madella) Ringraziamo dfrey per la caratteristica segnalazione)

Pirasa de appiccai : pere da appendere. (es: oh sa zia fezzasia intrai ca pottausu is scalloisi cummenti duas pirasa de appiccai. tr.:oh signora ci faccia entrare che abbiamo i coglioni gonfi come due pere giganti) Grazie a minca motta

Pire: scemo (in senso buono); ES: beh, o pire, comment' andausu? - TRAD: (incontrando un vecchio amico) beh, o scemo, come va? (Grazie a Matia per la segnalazione)

Piredda: pernacchia (Es.: d'airi fattu una piredda; gli ha fatto una pernacchia) (Segnalazione di pato)

Piregalloni: Coglione (es: La ghi sesi propriu unu piregalloni!!! - trad: Guarda che sei proprio un coglione!!!) Grazie a Matia

Piricciou: trattasi di vino con acqua, che viene messo per due giorni a fermentare, a scelta si può aggiungere anche dello zucchero in base alla quantità dell'uva (Segnalazione di scoffau)

Piriccocco Isperraiolla: lett. Albicocca che si spacca. (es.: - Abbadia cussa, mi dio coddada pagu... - Tocca ca cussa Ŕ roba de piriccocco isperraiolla! ; Trad.: - Guarda quella dolce donzella, quanto mi piacerebbe entrare nelle sue parti intime... - Lascia perdere, quella sicuramente ha l'albicocca ancora vergine (che potrebbe spaccarsi, appunto!!!)) (Segnalazione di Paulle)

Pirichiccu: sbarazzino. (es: d`accabasa ka mi parrisi u pirichiccu! - trad: la smetti che mi sembri uno sbarazzino!) (grazie a pincopuddu)

Pirichita: il pene nel linguaggio dei bimbi (Es.: ma laga sesi una pirichita; sei proprio un pene) (Segnalazione di pirichitaface)

Piricòcco: albicocca, ragazza molto bella e appariscente; organo genitale femminile (es. mi seu pappau unu piriccoccu: mi sono mangiato un'albicocca. - Cheeeessss, d'as bia gussa, giÓ Ŕ pitticcu, su piriccoccu!: ohhhhhh, l'hai vista quella, Ŕ una gran bella ragazza! - Dai, o Franca! Fammi assaggiare il piricocco!; Suvvia, Franca, concedimi la possibilitÓ di effettuarti un "cunnilingus")(grazie a Emanuele Cocco che ce l'ha segnalato)

Piricoccu comunalli: vagina comunale, pubblica. (es.: Peppineeeddaa...! Si, babbo? Eita sesi fendi? Sto bevendo dalla fontanella comunale. De comunalli innoi cesti scetti su piricoccu tuu! - Giusyyyy...! Si babbo? Cosa stai facendo? Sto bevendo dalla fontana pubblica. Di pubblico qui c'Ŕ solo la tua vagina! ) (ringraziamo testine per la simpatica segnalazione)

Piric˛ccu Scadrýu: Vagina irritata. (es.: PottÓi su piric˛ccu t˛ttu scadrýu , mi seu frigÓu lÓdru callŔnti e sa gÓttu mi dÓdi mussiÓu! ; Trad.: Avevo la vagina tutta irritata , mi sono spalmata lardo caldo di maiale e il gatto me l'ha morsicata!) (Ringraziamo Testine per la segnalazione)

Pirulà: tapis roulant (Es.: a su pipiu de Mariolina chi est imparendu a caminai, ddu pongu sempri in su pirulà alluttu!; al bambino piccolo di Mariolina che sta imparando a camminare, lo metto sempre nel tapis roulant acceso!) (Segnalazione di Marco)

Pisc'è carinu: pesce del cesto. Utilizzato quando qualcuno si addentra in faccende che non li riguardano e magari c'azzecca (Es.: oh Paolè, custa porta as tocau pisc'è carinu..Mi pariri chi Lallo s'esti incazzau..; caro Paolo, questa volta hai osato troppo. Mi sà che Lallo si è risentito...) (Segnalazione di bistecca57)

Pisciabalcone: giovane senza esperienza (Es.: escimene da mezzo pisciabalcone!; spostati, ingenuo giovine) (Segnalazione di sulupu)

Pisci a collettu (faa buddia): pesce nobile (in realtà fave lesse) (Es.: oh Lino, seusu a fin'è mesi, su dinai è spacciau. Oi puru pisci a collettu; caro Raffaele, anche questo fine mese siamo in ristrettezze. Anche oggi dovremo cucinare pesce nobile (in realtà fave lesse)) (Segnalazione di bistecca57)

Pisciadura 'e boi: Letteralmente :minzione di bue Figurato: Derapata. (es.: Mi a Sciumacche itta naras chi da fairi andai a pisciadura e boi sa macchina! - Guarda un po' che razza di derapate esegue Shumacher al volante della vettura!) (ringraziamo cannuga)

Pisciallau: fifone (in campidanese di Oristano) (Es.: chi no dù faisi sesi proprio unu piscialluau!; Trad: se non lo fai sei un fifone!) (grazie a Gattoi Nieddu)

Pisciallettu: piscia letto. Fiore giallastro (Es.: in custu campu esti prennu de pisciallettu; in questo campo è pieno di piscialetto) (Segnalazione di k4rb0)

Piscinargiu: Colui che non si fa gli affari suoi, pettegolo. (es.: Babbu tu esti piscinargiu cantu mamma tua esti bagassa ; Trad.: Tuo padre è pettegolo quanto tua madre sgualdrina {ogliastrino} ) (Segnalazione di Lanu6 )

Pisciarure'boi: simile all'urinata di bue (Es.: c'happu calau una cascia de birra.. moi ci cravu una pisciarure'boi; ho bevuto una cassa di birra.. adesso faccio un bel pò di pipì come il bue, mentre cammino) (Segnalazione di Spaccatroddiu)

Pisc'e braghetta: letteralmente: pesce di braghetta (intesa come patta dei pantaloni). In senso figurato: pene (Es.: "Là Pinuccia.. it'adessi comprau oi a su mercau?pisci?". "Eia...pisc'è braghetta ca di anda meda..."; "Guarda sta passando Pinuccia di ritorno dal mercato cosa vi avrà mai comperato oggi?forse del pesce?". "Sicuramente dell'ottimo pesce di patta del pantalone... che è tra l'altro il suo favorito") (Segnalazione di Barroi)

Pisciònisi: polpacci. (es.: de cantu appu camminau m'è begniu tottu unu dolori in is piscionisi - trad.: da quanto ho camminato mi fanno male i polpacci) (ringraziamo bibito per la segnalazione)

Pisciottu o pisciotto: ragazza molto bella, bona, ma anche organo sessuale femminile (Es: cŔ ma das bia kussa??? pittikku su pisciottu! EilÓ...hai mica notato codella? Pare essere proprio una bella figliuola!) (Grazie a Fuego73.)

Piscitta: pene. (es: v'aggiu una piscitta chi pari un paru di ra ruzzi. trad.: ho un organo genitale maschile che in stato di erezione assomiglia ad un palo della luce.) (Grazie a Pisolo)

Piscitta di t'an germana: la vagina di tua sorella; Termine Algherese usato per maledire qualcuno quando l'altro si spaziendisce... (es.: Es. mamma, oggi la maestra mi ha sbattuto fuori dalla classe- e la madre- la piscitta di t'an germana!! ; Trad.: cara, le tue vicende scolastiche non attraggono il mio interesseů ) (Segnalazione di maialetto arrosto!! ) 

PisciurrŔ: Pesce Re - pesce di scoglio colorato molto aggressivo, comune nelle nostre coste. Termine usato per indicare una persona con abiti molto colorati (es: Oh Giuanni, ita asi piscau? - Scetti pisciurrè! Trad: Giovanni??, Cos'hai pescato? Solo pesci re!; es2: Là!! Oi esti bistiu de Pisciurrè Trad: Guardalo un pò! Oggi è vestito da pesce re!! ) (grazie a Su Pisci )

Pisilittu: cazzo. (es: n'de oliasa colada'e pisilittu!!!! E itte ses faendo appisilittando? Trad: GiÓ la volevi una passata di cazzo!!! E che cosa stai facendo, trombando??) (grazie a connottu nais)

Pisitte: gattina (es: "nara Vide ha biu sa pisite?" - "no! no dapu bide sa pisitte!." - "adessi kun su gattu?" - trad: "Senti elvira hai visto la gattina?" - "No, non lho vista" - "forse è con il gatto...") (ringraziamo scoffau)

Pisittu scrosciau: gatto scuoiato (persona magrissima) (Es.: Giancarlo, pappadý custas figus ca ses marriu cummenti unu pisittu scrosciau; Giancarlo, mangiati questi fichi che sei magro come un gatto scuoiato) (Segnalazione di Gippio)

Pispiniu: vocabolo barbaricino che sta ad indicare una persona perennemente arrapata (es: su mangianu so sempes pispiniu; di mattina sono sepre arrapato) (Grazie a Edivad per questa chicca)

Pissa: pene, molto usato in locerese (Es.: da olisi sa pissa mia, la cà est pronta!!; lo voui il mio pene, guarda che è pronto) (Segnalazione di mauro)

Pissetta: Pene, uccello (Es.: soe essiu eris notte in custa pizzocca e l'appo dau una surra 'e pissetta; ieri notte sono uscito con una figona e le ho dato una passata di uccello) (Segnalazione di piero)

Pissigà: inseguire (Es.: "Chi (o anche Mancu) ti pissighiani ri gani!!", "Mancu ti pissighia l'eba di ru Vajont"; "Che t'inseguano i cani", "che ti insegua l'acqua del Vajont") (Segnalazione di sassaresuinciabi)

Pissighýtto: Inseguito. Termine sassarese poliŔdrico dai pi¨ svariati utilizzi.(es.: Chi ti pissigheggiÓni li gÓni! ; Trad.: Che ti inseguano i cani!) (Grazie Franz)

Pissiottu: pisellino, pene (Es.: gompa si di torro a biere un sorre mea ti che seho su pissiottu; caro compare se ti rivedo con mia sorella ti taglio il pisellino) (Segnalazione di DAG. Ollolai)

Pissitta: pene (Es.: ceh, zuchede pissitta e metro; ceh, ha un pene di un metro) (Segnalazione di mugopulica)

Pissudu: in sardo locerese, possiamo dire di uomo dotato di grande pene. Generalmente detto simpaticamente agli amici in sostituzione di altri saluti. Anche se la qualita viene riscontrata personalmente. (Es.: oh pissudu!!!!; oh cazzone!!!) (Segnalazione di mauro)

Pisti: ... che caldo, scotta! Esclamazione utilizzata nel nuorese per comunicare ad altra persona che una cosa è caldissima, scotta. (es.: Assaggiando un caffè piuttosto bollente: "Pisti diaulu cazz, itte calore!" ; Trad.: "Questo caffè è un pò troppo caldo!") (Ringraziamo Bissente per la segnalazione)

Pistilloni : geco. Piccolo rettile diffuso nel bacino del mediterraneo lungo circa 16 cm. (es: Andrea Floris Pistilloni - trad.: Andrea fiori geco. Come non ricordare la famosa scritta che fino a qualche anno fa capeggiava su tutta Cagliari, Quartu, Selargius e dintorni? ) Grazie a Prohu per la segnalazione con esempio Revival e a Pistillone per la descrizione stile Quark.!

Pistinaga: Carota. Es: in mesu de sa birdura ponici puru sa pistinaga! - Trad: in mezzo alla verdura metti anche la carota (grazie a IlCaTtIvO per la segnalazione)

Pistincu: Pagliaccio, spaventapasseri, pupazzo. (es.: Gnazzinu, bogadindi de castiai is pistincusu tottu s'ora ca d'accabbasa tzegau!! - Trad: : Ignazietto, scansati dal guardare tutta l'ora i cartoni animati che la finisci rincoglionito.) (grazie a Mino Reitano per la segnalazione)

Pistocchio : colpo infierito con il dito medio, usando il pollice come leva. NOto anche come "Ghinga" ES: oh la chi ti ongu unu pistocchio a sa callonera e ti fazzu bessiri is ogusu afforasa !! TRAD: attento! Guarda che che ti potrei infliggere un colpo con il dito medio nei genitali e farti uscire gli occhi dalle orbite ! (grazie a bobo per la segnalazione)

Pistoccu: tipico dolce sardo, ma anche pane tipico (Es.: ge funti pagu bousu custus pistoccusu.... is pistoccusu funti ancora in su forru...; come sono buoni questi dolci.... i dolci sono ancora nel forno) (Segnalazione di genoni)

Pitrali: pietre, brutezza pietrificante Es: Sei suzza/o pitrali! Trad: Sei brutta/o come le pietre! (grazie a La Greffa)

Pittia sa catta: piccola la carta. Si usa quando qualcuno dice una cazzata (Es.: du scisi ca ariseu mi seu coddau ua musca........ spaaaaa pittia sa catta catta chedi nai cazzada manna....; lo sai che ieri mi sono trombato una mosca....spaaaaaa... piccola la carta) (Segnalazione di ajeje)

Pittýcca sa ¨dda: Lett.: Piccolina la vagina! Esclamazione cortŔse usata quando vi passa davanti una bella ragazza. (es.: ma býra d'Ósi? Pittýcca sa ¨dda!!! ; Trad.: Ma l'hai vista? Piccolina la vagina!!!) (Grazie aCinter.)

Pitturrasa de acciuga: mingherlino col petto piatto senza pettorali. Es: poita non andasa a mulli brebeisi chi tenisi is pitturasa de acciuga!! trad: perchŔ non vai a praticare il body building per irrobustirti un p˛! (grazie a giorgio e roberto)

Pitzuau: pizzicato, alterato da sontaza stupefacente (alcool o droga). Usato principalmente nel medio campidano (nord di Villasor) (Es.: seu pitzuau de mallavasia; sono leggermente brillo a causa della Malvasia che ho bevuto) (Segnalazione di Brownsugar)

Pìu de calloi arricciau: lett.: Pelo di testicolo arricciato. (es.: Nara o piu de calloi arricciau, ma itta bolli cettai? ; trad.: Attenzione pelo di testicolo arricciato , ma per caso vuoi litigare con me?) (Grazie a **vale)

PivŔllu: effemminato (da pivella: ragazza) (Un ringraziamento a Seme che ce lĺha segnalato)

Pizzinnu bizzoni: Ragazzo giocherellone (es.: O' pizzinnu bizzoni, mi si ti bosi chi mi sei fendi lu gabbu a caco? ; O ragazzo giocherellone, vedi di sederti un momento visto che mi stai facendo girare la testa?) Ringraziamo Godzilla & Maciste per la segnalazione.

(sa) Pizza: non c'Ŕ una traduzione specifica, meglio guardare l'esempio... (Es.: ti giao una passada 'e pizza a culu!!!; ti inculo!!! (o anche " ti trombo!!!") (Segnalazione di Akkadaddu)

PleistŔscio: Neologismo che denota un adeguamento dei nostri giovani ai tempi, sta per "Playstation", famosa consolle della Sony. (es.: oh Fabietto, all¨i sa pleistŔscio cÓ 'ri str¨ppiu a tecchien!!! ; Trad.: oh Fabietto, accendi la consolle che ti sfido al noto picchiaduro!) (Grazie a Hbadda.)

(Partito) Podda: Partito PODDA - Pappa, buffa e Codda; Partito GIAVA: mangia, bevi e chiava! (es.: Elezionisi: Gavino: - "Effýx ma tui po chini votasa?" Effisio: - "Bainzu, deu votu PODDA,  poitta chi 'ndi bessidi pappa, buffa e codda!" ; Erezioni politiche: Gavino: - "Efisio ma tu per chi voti?" Efisio: - " Oh Gavino, io voto per GIAVA, perchÚ se viene eletto, si mangia, si beve e si chiava!") Un ringraziamento a Scanner per la segnalazione.

Poba: Succhia. (es.: eh! poba mela tutta... Trad: eh! succhiamela tutta... ) (grazie a Pappo - grazie al pappo!)

Pobamidda: succhiamela (Es.: "Eh?!". "POBA...MIDDA...ANCU TI CODDIDI TOTTU SA BIDDA"; "Eh?". "Succhiamela...Ti trombi tutta la citta") (Segnalazione di Lux Dj)

Pobera bestia: povera bestia (Es.: castia cussu: ta pobera bestia chi esti...; guarda quello, che povera bestia che è...) (Segnalazione di Pillo)

Pobiddu: marito (es.: oi, pobiddu miu, esti rientrau de trabballai e fiada infogau; Trad.: quest'oggi, mio marito, Ŕ rientrato da lavoro molto "accalorato" (disponibile a dare e ricevere attenzioni sessuali) ) (Segnalazione di pippo )

Po caridari: per carità (Es.: 'su de Iglesias no cumprendinti nudda cazzu, po caridari...; quelli di iglesias non capiscono niente caz, per carita'...) (Segnalazione di maxc)

Poccioro: figa. (es.: est propriu una bella poccioredda - Trad: Ŕ proprio una bella figa) (ringraziamo lul¨)

Pòddini: crusca. Il termine viene utilizzato nell'esclamazione offensiva "brent' 'e poddini" (lett. pancia di crusca), indirizzato a chi ha la pancia di grandi dimensioni (ringraziamo Gavvino Rundeddu)

Poddosu: appiccicoso (Es.: potu i mausu poddosasa!!!; ho le mani appicicose!!!) (Segnalazione di Su Proccu)

Poggiadì: poggiati, stai calmo. Il termine deriva dalle parole pronunciate dal fantino per far calmare il cavallo se è imbizzarito. Ultimamente viene usato per fare apprezzamenti su ragazze carine che se la tirano troppo."Poggiaesì" (Es.: "Oh ma itta sesi castiendi?". "Ma itta cazzu olisi poggiadì a cussa patti e no seghisi"; "Oh ma cosa guardi?". "Ma cosa vuoi stai calmo in quell'angolino e nn rompere") (Segnalazione di Tattico88)

Poýtta (?): PerchŔ? (es.: Poýtta sŔsi incazzÓu?? Poýtta m'Ósi pigÓu ascall˛nisi!!!!! ; Trad.: PerchŔ sei incazzato? PerchŔ mi hai preso ai coglioni!!!) (Grazie a Squiz.)

Poitta pagu è: perchŔ Ŕ poco! (Es.: appu fattu dexi gol poitta pagu Ŕ; ho fatto 10 gol perchè sono pochi!) (Segnalazione di Minca In Cu)

Pomentu: disordine (es: alla! tengiu tottu su su logu in pomentu!! - trad: dio! ho tutto in disordine!!) (ringraziamo scoffau)

Pompa Bìnu: Versa del vino!!! (es.: Aiò, pompa bìnu!!! ; trad.: Dai, versa del vino!) (Segnalazione di al-col-izzato)

Pompinu: Versione sarda del pompino. E' uguale al resto d'Italia, a parte il fatto che in certi paesi devi aver paura dello strusciare nei baffi delle donne... ES: bei a? innoi bella ca mi faisi u pompinu! TRAD: vieni cara per praticarmi delle cure salivari al mio organo di riproduzione (Segnalazione di ciao)

Pompu: Paese della Sardegna lontano da ogni luogo. (es: Cèss, custu calloni de Marieddu esti finiu a casinu 'e Pompu- trad: Gesù mio, quel deficiente di Mario è finto molto lontano!) (ringraziamo k4rb0)

Ponch: pompino (Es.: "Oh Nico sesi una peddi, la ca no si faidi aicci!!". "Oh Matte, faimmi unu ponch!"; "Caro Nico, sei una pelle. Guarda che non si fa in codesto modo". "Carissimo Matte, ma perchè non t'inchini e mi fai un gradito pompino?") (Segnalazione di cricca delle pelli)

Ponipoténza: Esortazione, orsù, suvvia...ecc. Si usa per incitare qualcuno nel compiere un'azione. (es.: Aiò , oh bruttu tròddiu bolendi! Oi ses toddu spuligàu...e ponipoténza, tocca!!! ; Trad.: Avanti, brutto peto volante! Oggigiorno sei di una passività dovuta ad una esagerata attivita' sessuale (anche faidate)! Orsù, svegliati!!!) (RIngraziamo Bruno motocross per la segnalazione)

Poniriddu/a a sezzi: sieditici sopra (ficcatelo in culo) (Es.: "Oh gommai, tengu una bella minca tostada; ita si podi fai?". "Goppai, poniridda a sezzi"; "cara comare se lei volesse concedersi a me sono pronto tosto". "Compare, se lo ficchi in culo") (Segnalazione di maimeisbistaicci)

Poniriddu/a a strexiu po cullu: usalo come straccio per il culo . Es: Una mamma dei bassifondi ai colloqui del figlio: Christopher piga sa paggella e donamidda. Né Oh sa maestra: poniridda a strexiu po cullu - Trad: Christopher prendi la pagella e dalla a mamma. Mi, cara maestra: usala per pulirti il culo. (Ringraziamo Bruno motocross per la segnalazione)

Ponis po ciciri: fai sesso per ceci/soldi (Es.: ascu! ponis po ciciri?; ascolta! fai sesso per denaro?) (Segnalazione di INDIGO)

(su) Popper : anche se il nome è originalmente inglese, in riferimento al Popper, droga liquida da inalare e dal tipico odore pungente, ha una variante tutta sarda, che sta per "puzza pestilenziale". ES: Du intendisi custu fragh'e popper?? Est stonendimiì!! TRAD: Lo senti questo odore di ascelle ? Mi sta ubriacando! (Grazie a derfel per la segnalazione pestilenziale)

Popoetto: pochetto. Usato nel campidanese. Sinonimo: paghitteddu. (Es.: "Mamma ollu pappai su drucci". "Ti faidi mali, t'indi ongu scetti un popoetto"; "Mamma voglio mangiare il dolce". "Ti fa male, te ne dò solo un pochetto") (Segnalazione di moth)

Poppota : chi ce la segnala la traduce come "prostituta". Ma sono in tanti a ricordarsi a Kasteddu di una certa Poppotta che insieme a Lampus e Tronus apparteneva a quei personaggi pittoreschi di un tempo, che oggi sopravvivono solo nella memoria. Nota per il suo abbigliamento appariscente il suo soprannome è forse stato frainteso negli anni fino a diventare sinonimo di "prostituta". ES: hiiii... taddannu!... mi parisi poppotta... commenti ti sesi conciara! - TRAD: hiii...mamma mia!.. mi sembri poppotta... come ti sei vestita! (Ringraziamo gemmixedda e ivaz per aver riesumato questo ricordo)

Porca: Ragazza assai avvenente, che ispira attrazione sessuale. (es.: La cussa porca! Mi dia pagu coddai!! ; Trad.: Guarda quella ragazza molto avvenente! Mi piacerebbe tanto fare conoscerla meglio. ) (Segnalazione di Kicco23 di Terralba )

Porca madosca: porca vacca. E' un modo per evitare di bestemmiare pesante! (Es.: "Ha nau mamma tua de torrai subitu a dommu!". "Porca madosca propriu immu ca mi femmu spassiendi!"; "Dice tua madre di tornare subito a casa!". "Porca vacca proprio ora che cominciavo a divertirmi") (Segnalazione di maxc)

Porco d** burdo fillu e bagassa troia pompinara: porca divinitÓ figlia illegittima di donna poco seria e particolarmente dedita alla fellatio; imprecazione usata in caso ad esempio di inaspettati incidenti. (es.: candu ci arruisti: porco d** burdo fillu e bagassa troia pompinara ; Trad.: nell'inciampare cadendo: porca divinitÓ figlia illegittima di donna poco seria e particolarmente dedita alla fellatio ) (Segnalazione di je la ) 

Poriressi: esclamazione, contrazione di podi essi - può essere. (es.: castia chi bolisi furriai a dommu pagu pagu, poriressi - trad.: a che ora rientri a casa? può essere) (ringraziamo bibito per la segnalazione)

(su) Porru: lo spinello (Es.: po su porru, chi rincises fumendi tottu....o sballoni!; passa lo spinello che te lo stai fumando tutto...o sballone!) (Segnalazione di TwO FaCe)

Portu Cunnu: Altro modo (vedi Pompu) per indicare un luogo lontano da tutti i paesi sardi e di localizzazione geografica non chiara. (es.: - "T'àppu ciccàu tottu su mengiànu; aubi cazzu fùstisi?" - "Soi andau in dommu èEfisieddu" - "E aubi cazzu esti? In casinu e Portu Cunnu?" ; trad.: - "Ho passato tutta la mattinata a cercarti; dove eri?" - "Mi trovavo a casa del piccolo Efisio" "E dove è ubicata tale abitazione? In un luogo lontano e inarrivabile?") (Ringraziamo Bellixeddu per la segnalazione)

Poschu futtudu: porco fottuto. Frase tipica del logudorese che indica un individuo losco e ingannevole - Es."bae, bae bruttu poschu futtutu, itte bi faghisti d'eri notte cun muzzere mia?" TRAD: "Vattene via, brutto maiale fottuto, cosa ci facevi ieri notte con mia moglie?" (Segnalazione di C'hodoredigas)

Postalli: corriera (Es.: in cussu postalli ci azianta una surra de cristianusu; in quella corriera salgono tante persone) (Segnalazione di Dado)

Posta a prumbu: letteralmente "messa a piombo". Es:ce o andrea ma dasi bida cudda pivella???e tiada prasci posta a prumbu! -Trad: ce andrea l'hai vista quella ragazza????eeeh ti piacerebbe messa a piombo! (Segnalazione di roby)

Pottami sa minca a pisciai: portami l?ucello a urinare (Es.: "Dusu sss'pesasa 50 killusu de terra?". "Eia". "Inza pottami sa minca a pisciai"; "Li sollevi 50 kili da terra?". "Si". "Allora portami l' uccello a urinare") (Segnalazione di porco pio)

Praizosu: pigro (Es.: Matteo, ma ti ollisi pesai, bruttu praizosu chi no ses'attru? Oi ti ghettu una sicc'e abba a susu; Matteo, ma ti vuoi alzare, brutto poltrone che non sei altro? Oggi ti butto sopra un secchio d'acqua) (Segnalazione di Praizosu)

Prancia: ferro da stiro (Es.: Giggineddu chi no d'accabbasa de fai su scimpru tinci scudu sa prancia a conca!; Giggineddu se nn la smetti di fare lo scemo ti lancio il ferro da stiro in testa!) (Segnalazione di Ginnna)

Pranesu (o Pranu): lett.: Pianura, usato per indicare gli abitanti di Guspini, Gonnos e tutti quei luoghi in pianura. (es.: Là cussu grezzu, tenniri sa Panda a cerchiusu in lega e alettoni! Deppi 'ressi calincunu pranesu! ; trad.: Guarda quel grezzo, ha la Fiat Panda con i cerchi in lega e l'alettone. Dev'essere della pianura...) (Segnalazione di lillone)

Pranta ferru: pianta ferro. Detto degli abitanti di Paulilatino che, una leggenda narra, in antichità tentarono di seminare il ferro per averne le piante e di conseguenza il frutto (il ferro) (Es.: compà, biese cussu picciocu? Este unu pranta ferru!!; compare, vedi quel ragazzo? E' di Paulilatino!!) (Segnalazione di Iron Killer)

Pratichesa: Pratica, allenamento (es.: Pro coddare bi keret sa pratichesa ; Per avere rapporti sessuali ci vuole una certa pratica) Grazie a Corbaglio per avercela segnalata.

Praxiri: piacere. Nel barbaricino ma anche nelle zone periferiche attigue a Sant'Elia, Pirri, Quartucciu (Es.: t'ada praxiri; ti deve piacere) (Segnalazione di Prince)

Preffa: farlocco, falso (Es.: oh Nenno, deppiasta benni ais cinku e non t'appu biu, ses propriu de preffa; ragazzo dovevi venire alle cinque, e non ti sei fatto vedere, sei farlocco) (Segnalazione di Billyebis)

Pregunta: Domanda (Es.: Minca, funti tottusu accallonau a sa pregunta e professoru!; Accidenti, erano tutti sbalorditi alla domanda del professore!) (Segnalazione di Su Cuaddu)

Prena: piena (Es.: tengu sa minca prena, ti prengu su cu a minca, no mi prengasta is callonisi; sono ormai stufo "pieno" di questa situazione, ti riempio l'orefizio anale, non "riempirmi" le scatole) (Segnalazione di Su Conti de Cuartu)

Prenciau: Schiacciato, spiaccicato. (es: Oh! Traversane il piccolo Jhonny che assinunca du prencia il postalino! - trad: Ehi! Aiuta il piccolo Jhonny ad arrivare alla parte opposta della strada poichŔ rischia di essere investito da un autobus della CTM!) Ringraziamo ancora Winnyna per la segnalazione.

Prenda: tesoro (Es.: sa prenda chi tenidi sa jaia; il tesoro della nonna) (Segnalazione di Remy)

Prenimý de pezza: riempimi di carne (Es.: Dusu chi si ointi: -Inzandu itta fareusu oi, Efisia? -Prenimý de pezza, amorixeddu!; tra due innamorati: -Cosa facciamo stasera di bello, Efisia? -Penetrami tutta, amoricino!) (Segnalazione di Masikekko)

(in) Prennu: In pieno. (es.: Ti praxiri cudda macchiNNa? Ohhhhhhhhhhh!!!! In preNNu! ; Trad.: Ti piace quella macchina? Oh! In pieno...) (Segnalazione di jolly)

Prenzendi: pressando, schiacciando (Es.: mi sè prenzendi porca bagassa!!!!; Mi stai schiacciando, porca puttana!) (Segnalazione di Obia)

(Sa) Pressi Tziu Concu Baracca: La fretta di Zio Concu Baracca. Mi dicono che tale Zio fosse un tale che correva sempre di fretta perchè aveva i Carabinieri che lo inseguivano, usato nel campidanese(Es.: "Andausu?". "No". "Immoi?". "T'appu nau ca no!". "Immoi andausu?". "Olluu!!! Sa pressi tziu Concu Baracca"; "Andiamo?". "No. "Ora?". "T'ho detto di no!". "Ora andiamo?". "Che palle!!! La fretta di zio concu baracca") (Segnalazione di Atze ^__^)

Pretta: blatta, scarafaggio (es.: s'atra diri appu craccau una pretta pudescia - trad: l' altro giorno ho pressato nel pavimento una povera blatta) (ringraziamo Magnumpillai)

Pretticchinosu: lanciatore di pietre. Si dice per i loculesi che prendevano a pietrate i forestieri (Es.: loculesu pretticchinosu; loculese lanciatore di petre) (Segnalazione di Baroniesu)

Priduccu: pidocchio (Es.: ti c'est pappande su priduccu; ti si stanno mangiando i pidocchi) (Segnalazione di Fonni OlŔ)

Prigh' 'e guÓ: pene di cavallo (Es.: 'Biondo...Svari?'. 'Prrrrigh' 'e guÓ'; 'Biondo... Sei fuori di testa?'. 'Molto come Ŕ grande un pene di cavallo) (Segnalazione di Mau a Morri)

Prýngia: Incinta. (es.: C¨ssa picci˛cca, o Ŕsti prýngia, o sin c'Ŕsti pappÓda una srýndia sÓna! ; Trad.: Quella ragazza, o e' incinta, o ha ingerito un'anguria intiera!) (Segnalazione di Krueger.)

Pringia mÓnna: Donna in avanzato stato di gravidanza. (es.: FueddŔndi fueddŔndi cun su prŔri, imm˛i s'agattÓra prýngia mÓnna! Trad.: A forza di parlare con il prete, adesso si ritrova in avanzato stato di gravidanza.) (Grazie a Quintomoro.)

Prinz verde: la macchina che porta sfiga per eccellenza. Credo che abbia segnato una generazione il "tuo prinz verde senza ritorno" (Sempre Seme)

Priogòsa: LETT. pidocchiosa, per estensione 'acida' ; l'esclamazione 'Oh Priogòsa!', tipica di Pirri, viene rivolta a quelle donne che, profondamente convinte della propria avvenenza, dimostrino scarsa disponibilità affettiva/sentimentale ('priogosità' appunto) nei confronti degli ammiratori (Es: Christian: Ceeeee Buuuuff oh pillitto!! Itta 'ndi narasa se ci imboschiaschiamo assutta l'asse mediano col pandino ca ti provu is forzasa?
Sara: Salvarì! Ma già sei poco gaggio! Là che il mio pivello ti abbungia! Christian: Ceeee o PRIOGOOOSAAAAA!!!
- Trad: -Christian: Cribbio che bella gnocca! Sarei lieto di accompagnarti a visitare i pilastri dell'asse mediano con la mia panda perchè vorrei testare le tue doti atletiche! - Sara: Mi dispiace ma non sei il mio tipo! Considera inoltre che il mio ragazzo potrebbe risentirsi e provocarti delle protuberanze sulla scatola cranica! - Christian: O donna poco disponibile/acida !) (Si ringrazia Strollicu e CoddacÓisi per la segnalazione)

Pri˛gu: pidocchio, da cui priog˛su, spilorcio (Ringraziamo Seme per la segnalazione)

Priogu resuscitau: letteralmente "pidocchio resuscitato", significa povero arricchittosi. ES: Giai m'andada custu priogu resuscitau... - TRAD: Non sopporto questo pidocchio resuscitato! (Riferito appunto a colui che era povero, ma povero diarerusu, e adesso che ha qualcosa si crede assai ricco e importante... e ne conosciamo molti!) Grazie a CODDONE master per la segnalazione, e per il soprannome!

Priorissa: capo femminile nominata dal comitato che organizza una festa religiosa (Es.: sa priorissa passara ad arrigoli su dinai po sa festa; la signora passa nelle case a raccogliere i fondi per la festa) (Segnalazione di Gnazio bagasseri)

Prìscia: squattrinata (Es.: soi priscia che bagassa in cira santa....; sono squattrinata come una passeggiatrice durante la settimana santa (NDR: si ricorda che, in antichità, durante la settimana santa le prostitute fanno ferie!!) (Segnalazione di gra...& ...gia)

(birdi) Prisucci: (verde) pisello (Es.: Francesca entra in classe con il maglione verde... Roberta: "Ohhhhh ta bellixeddu su maglioni bidri prisucci chi pottasa!"; Francesca entra in classe con il maglione verde... Roberta: "Ohhhhh che bellino il tuo maglione verde pisello!") (Segnalazione di Rosbif e Mikios)

Prisummýttu: Altezzoso. (es.: Pruýtte non bi risp˛ndese, cando ti dimÓndana sa cosa, ja sŔs pÓcu prisummýttu!!! Trad.: PerchÚ non rispondi, quando ti viene fatta una domanda?! Sei un poco altezzoso!!!) (Grazie a Meyna.)

Pr˛ccu: suino (es.: - Stizzýa ri coddiri, Andrea! SŔ cummenti a unu proccu! - Po itta, seu grassu, bŔrusu? - No..."bruttu"! ; - Accidenti Andrea, sembreresti quasi un maiale! - Grasso, vero? - No alquanto poco lavato!) (Grazie a Zepet)

Proccu a pei segau: lett. "maile con la zampa rotta", significa svogliato, apatico (es: Pesadindi de su divanu! A tottu die che proccu a pei segau! - trad: Alzati da quel divano! Hai 24 ore al giorno di apatia totale!) Grazie a Winnyna per la segnalazione.

Prodda: macchia (Es.: pittica sa prodda in su maglioni!!!; piccolina la macchia nel maglione!!!) (Segnalazione di k4rb0)

Pr˛hu: termine fonnese per porco, maiale (Es.: cras deppo huscrare su prohu...; domani devo abrustolire - per levare il peli - il maiale) (Segnalazione di - chi meglio di lui - Prohu)

Pr˛ntus CuÓddus: antico gioco di forza e agilitÓ eseguito da 2 squadre di ragazzi. Esiste anche nella variante gallurese "Li cabaddi longhi" (Grazie a Seme per averci fatto tornare ai gioche dell'infanzia)

Pr˛su: in sassarese ha lo stesso significato di cunnu. Dicesi anche per indicare un deretano di pregevole fattura. (es.: Oh Giuà, pitticcu su prosu!! ; trad: Oh Giovanni, guarda che bel deretano che ha quella ragazza!) (Grazie a M@re e Pinko per la segnalazione)

Pruò (o le sue possibili varianti: 'Priò', 'Appriò', 'Appruò'): Non ha una traduzione ben precisa. E' il tipico verso del villacidrese che si lancia contro chi suscita malcontento, invidia o contro chi fa una figura di merda, per infierire. (es.: Passa uno in motorino facendo lo sborone, cade malamente, la reazione sarà: Appruòòòòò! ; Trad.: E' tutto sopra...) (Grazie a Guarro)

(A) Prupp'Ŕ pani: finirla tra lanci di mollica di pane, finirla male (un caloroso grazie a Seme)

Pruppu svenniu: polpo svenuto. (es.: Oh Luigi sesi tottu ammincau. Sesi fattu e lassau, a bottasa mi parisi propriu unu pruppu svenniu...e Scidadindi. Sinonimi:Minca zurpa, puligone. - trad.: Oh Luigi sei tutto rincoglionito. Sei fatto e lasciato, a volte mi sembri un polpo svenuto... e svegliati.) Grazie a Anna & Sabry per la segnalazione

Prusaaaaai !: Mitico verso che il contadino o il pastore o il cavaliere rivolge alla propria bestia per farlo muovere o spostare. Sta quindi per "spostati" ES: prusaiiii cuaddu! TRAD: Spostati cavallo! (Ringraziamo il signor cazzo in calore per la segnalazione)

Psssssss, pssss !: verso tipico del cascamorto che tenta di attirare l'attenzione di una ragazza. Es: Lino (credendo di non essere udito) : << Psss, Psss... o panettoni! Giradiddi pagu pagu!>> Maria: << itt'è psss, psss... Stampau asi?!>> - TRAD: Lino: << Psss, Psss... o bella gnocca! girati un pochino per farti guardare !>> Maria: << Cos'è questo pssss, psss... Hai forse bucato!?>> (Ringraziamo Sulcis per la segnalazione)

Pucciii!: espressione di disgusto generico (es.: pucci chi fiaggu. pari una buttadura di cabaddu! ; Trad: che schifo questo odore, pare una vamitata equina! ) (Grazie a EL CABRON )

Pucioni: civetta (uccello del malaugurio) (es.: Tu no faidda chi sei unu pucioni ; Tu non parlare che porti sfiga) (Grazie a Cris & Gigi)

Pudesciu: maleodorante. (Es.: Su fragu pudesciu de is bottinus' de Efis m'anti fattu biondu; l'olezzo proveniente dalle scarpe di Efisio mi ha fatto diventare biondo) (Grazie a Pietro per la segnalazione)

Pud˛i o pud˛ni : masturbazione maschile. (es: Cummenti andada cun sa pivella tua? Cittu scetti!Pudoi fissu!! - trad: Come va la situazione amorosa con la tua anima gemella? Non parlarmene!In questo periodo non faccio altro che masturbarmi!!) Grazie a Zizzimurreddu per la segnalazione.

Pudda 'e milli francusu: gallina da mille lire (Es.: "Ti praxidi cussa picciocchedda?". "Ma chi cussa pudda 'e milli francusu?". "Giustizia da coddidi..."; "Ti piace quella ragazzina?". "Ma chi quella gallina da mille lire (di poco valore estetico)?". "La giustizia se la scopi...") (Segnalazione di sambenadu)

Pudda zazzada a trigu: gallina ingrassata con a grano. Si dice di ragazza grassa (Es.: parridi ua pudda zaddada a trigu; sembra una gallina ingrassata con grano) (Segnalazione di miro)

Puddecca: donna dai facili costumi (Es.: appu biu cussa puddecca de sorri dua a mengianu chi fiara castiendi callenti Nanni su scimpru!; ho visto quella donna dai facili costumi che è anche tua sorella che stava guardando accaldata Nanni lo scemotto) (Segnalazione di Juilonia)

Puddone: uomo non eccessivamente acuto (o particolarmente tonto) (Es.:giannitteddu ada regaladu sa ferrari a unu albanesu! Risp: a unu puddone!!!; giannetto ha regalato la sua ferrari ad un albanese.
Risp: che uomo non eccessivamente acuto!) (Segnalazione di Nanigno)

Puddora: donna (Es.: brutta puddora Sinnaresa; sporca donna sennorese) (Segnalazione di Diabolik)

Pugnetta: masturbazione maschile, sega, Maria Mano, raspone che dir si voglia, o cacciavite a pressione manuale (Es.: 'Ma cantu vi poni a iscinni?' 'Aisetta un mamentu chi soggu finendi di fammi una pugnetta'; 'Ma quanto impieghi a venir fuori?' 'Attendi un momento che termino di avvitare questa vite') (Segnalazione di Figaro qua Figaro la)

Pugnolara: pugnalata, enormità, accidenti (Es.: 1) ma tà pugnolara sesi cumbinendimi a pari?; 2) de aundi pugnolara 'ndi ses bessiu?. Trad. 1) ma che accidenti mi combini?; 2) da quale posto abnorme sei venuto fuori?) (Segnalazione di Gessa Alberto)

Pulania: Donna di aperti costumi, zoccola. (es.: cardia cussa pulania ; Trad.: guarda quella zoccola ) (Segnalazione di cassonetto )

P¨liga o (Pulliga): la masturbazione maschile (Es.: seu senza pivella, mi fazzu una pulliga; sono senza ragazza, mi faccio una sega) (Grazie a Seme e a Lillo per la segnalazione)

Pulighedda: atto che compiono gli uomini durante la loro fase erotica, da soli o in dolce compagnia. (es.: oh ma non tidda faisi sa pulighedda a meri? - Trad: oh ma non la fai la sega di pomeriggio?) (ringraziamo babatore)

PulighŔri: Ragazzo solitamente molto giovane, solito a praticare particolari auto-pratiche sessuali. (es.: E ite cazzu! TŔngiu giÓi trint'Ónnus e no agÓttu de coddÓi: ýta dŔppu m˛rri, pulighŔri? Trad.: Perdinci! Ho giÓ 30 anni e non riesco a trovare una partner per accoppiarmi sessualmente: non dovr˛ mica morire auto-erotomane?) (Ringraziamo Quintomoro per avercela segnalata.)

Pullig˛ni: Individuo di sesso maschile che trascorre la maggior parte del tempo a masturbarsi. Dicesi anche di persona stanca che non si regge sulle gambe. (es.:  A sa partýra. Tifoso A: - "E stamborrÓddu su portiŔri!!!" Tifoso B: - " Ma mollÓddu cÓ Ŕsti unu pullig˛ni!!!" ; Trad.: Alla partita di calcio. Tifoso A: E tira forte verso il portiere avversario! Tifoso B: - "Ma lascialo perdere, non vedi che non si regge sulle gambe?!") (Grazie a Zio_nchello.)

Pultascione: processione (Es.: ma es passada sa pultascione?; ma è passata la processione?) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

Puntar'e pei a su ghi fai cacca: pedata nel posteriore (Ringraziamo Cibalgina Neo per la segnalazione)

Puntar'Ŕ pŔi a culu : calci in culo (casteddaio). (es: : ti dongu una puntarepei a kulu ki kagasa bottinusu po un'annu! - trad: ti do un kalcio in kulo ke kaghi skarpe per un anno!) Grazie ancora a fuego73 per la segnalazione.

('na) puntar'e pei a sa udda: un calcio nel culo (es.: ti ongu n'a punte de pei a sa udda chi ti fazzu ammesturai sa merda cun su ciorbeddu!!! ; Trad.: ti do un calcio nel fondoschiena cosý da farti miscelare le feci con il cervello!!! ) (Segnalazione di pays ) 

Punt˛re: morto stecchito (Es.: puntore i di piede; morte veloce che ti prenda) (Ringraziamo i Fonnesi per la segnalazione) In campidanese, invece, il termine Ŕ utilizzato per indicare malattia (Es.: mi seu pinnighendi unu punt˛ri cun su friusu chi c'esti; a causa del grande freddo credo proprio di essere vicino ad ammalarmi)

Punzonare: Copulare. (es.: Luca este faladu a punzonare chin Maria Pompitta ; Trad.: Luca è sceso a copulare con Maria Pompitta. ) (Segnalazione di Graziano 'e Biana )

Puppamela: abboccamela (Es.: Dus picciokkedus, su primu sghey dek lapillola??? Su secundu: 'Aahh'. Su primu: 'Puppamela'; Tipico gioco studentesco, si trattava di far dire 'Aahh' al primo che capitava, la risposta: 'Abboccamela') (Segnalazione di Billyebis)

Pupuione e Putrone: rispettivamente il chicco d'uva e il grappolo. (Es: "Mamma me lo dai un pupuione (chicco) d'uva?" - "Se impari a dirlo bene in italiano te ne do anche un putrone (grappolo)" - Traduzione in Cagliaritano:" Mamma mi dai un'axina (chicco) d'uva?" - "Se impari a dirlo bene in italiano te ne do anche un cordone (grappolo)") (ringraziamo vinu nieddu per la segnalazione e Artificier Ragno per la versione che gira a Cagliari)

PurdiÓu: marcio, in decomposizione (Es.: is callonis a purdiau ti 'ndi calinti!; che i tuoi organi genitali ti cadano a terra marci!) (Ringraziamo Ivan l'ogliastrino per la segnalazione)

Purèsciu: marcio, in stato di necrosi avanzata, schifoso, puzzolente. (es: Babbu miu fiara pappendi casu marzu e s'esti intendiu unu fragu puresciu: mio padre stava mangiando formaggio marcio quando si Ŕ sentito un odore schifoso)( Grazie a newboundfixed )

(Su) Pusher: in realtà è un termine inglese degli anni sessanta che nulla ha a che vedere col sardo, e che mantiene invariato il suo significato di "spacciatore" anche qui da noi. Non basta infatti aggiungerci davanti l'articolo "Su" pusher per considerarla sarda. Ma poiché ce la segnalate in tanti, eccovi accontentati!

Puzzesciori: carogna (Es.: baidindi puzzesciori......; vai via carogna....) (Segnalazione di fy90)

Puzzidda: Che schifo! (es: Puzzidda cudda cosa..lassada stai! - trad: Che schifo quella cosa...lasciala stare!) (ringraziamo Pistirrinkeddu)

Puzzinnosu: schifoso. Usato a Baunei. (Es: puzzinosu chi siasa...giai noga non faese ischiffu!! - trad:schifoso...!!Quanto fai schifo!) (ringraziamo venere)

Puzziora mabasa: senso di nausea. Es: Oi tengiu genti a prandi.... puzzioramabasa... TRAD:Oggi ho invitati non tanto graditi... mi viene la nausea! (ringraziamo la serrentese)

Puzzipuzzi: Bleah, che schifo ! (es: Puzzipuzzi! Non du tocchisi ca t'ara pottai maladìa! - trad: Bleah ! Non toccarlo ti potrebbe trasmettere qualche malattia!) (ringraziamo Pistirrinkeddu)

VUOI AGGIUNGERE UNA VOCE?

 

TORNA INDIETRO