VUOI AGGIUNGERE UNA VOCE?

 

-C-

 

: (contrazione di càstia) guarda (Es.: cà cussu calloi!ma itta cazz'è farendi?; guarda quel coglione!ma che cazzo stà facendo?) (Segnalazione di Unkus)

Cabbiggio: capezzolo. (es: ghissa pizzinna va li cabbiggi chi parini caschaddini! - trad.: quella ragazza ha i capezzoli che sembrano due formagelle! (Grazie a Pisolo per la segnalazione)

Cabbu d'agnoni: testa o testina d'agnello (in senso letterale-gastronomico ma anche e soprattutto lato). (es.: Cosa cazzu hai fattu ? Mi chi sesi un cabbu d'agnoni ; Trad.: 'Ma che diamine fai ? Guarda che la tua testa si assomiglia ad una testina di agnello.' Ovvero i tuoi processi mentali ricordano quelli delle pecore ( invero non conosciute per la loro arguzia ). ) (Segnalazione di tottoi )

Cabillu: Nuorese. Detto nel Campidano per indicare il "Nuorese" (di Nuoro o Provincia.) (Es.: custusu cabillusu non d'anti mai biu casteddaiusu incazzausu!; questi nuoresi non ne hanno mai visto Cagliaritani incazzati!) (Segnalazione di Carota)

Cabiscedda: lucertola (Es.: là is cabisceddas pighendi su soli; guarda le lucertole che prendendo il sole) (Segnalazione di matt)

Cabonu mÓnnu : Letterale: Gallo Grande. Figurato: almeno fosse! (es: Bona cussa tipa ch'Ŕ passada? diasta bolli in mesu ais cambasa?ufff cabonu mannu!!!! - trad: Graziosa quella ragazza che Ŕ transitata qua davanti? la vorresti tra le gambe?UUFFFFF speriamo!!!! ) Grazie a Tontu po doxi per la segnalaizone.

Caboniscu: Galletto, play boy sbruffone. (es: Maria: castiarì cussu becciu tottu allicchiriu, currendi a palasa de is pippieddasa... ta brigungia! Gavina (vecchia lussuriosa e sospirante) e itta boliasta chi faida, o Maria, cussu caboniscu est nasciu e caboniscu atturara! - trad: Maria: guarda quell'anzinano facendo il galletto appresso alle ragazzine...che vergogna! Gavina: e cos'altro vuoi che possa fare? Quello è nato galletto e galletto morirà...)

Cabbu di bagna: testa di sugo (Es.: "Caz vilthi l'hai ri peri di chissu?". "Caz no...e no lu sai chi è un cabbu di bagna!"; "Caspita, hai notato la capigliatura particolare di quel tipo?". "Certamente....non sei stato informato del fatto che è considerato dalla maggior parte dei sassaresi una persona che ha un colore di capelli così tendente all'arancione che lo si paragona al colore del sugo?") (Segnalazione di parasanga)

CÓbbu di cÓzzu a molla: Tipica frase sasarese utilizzata per dire a qualcuno che Ŕ una testa di cazzo ma in piu' a molla. (Segnalazione di Pier)

Cabuzzu (o scabuzzu): bello (Es.: seu andau a cinema a su "4 funtana", appu biu unu film, cabuzzu puru!; sono andato al cinema "4 fontane" ho visto un film bellissimo!) (Segnalazione di giuseppe)

Caccau: pieno di merda fino al collo. Ha tre tipici esempi 1) L'han postu sa 357 magnum in cucuru e ses tottu caccau; gli hanno messo la 357 magnum in testa e si Ŕ tutto cagato; 2) Ei fracu de  merda, tue as troddiau o ti ses caccau?; che odore di merda, hai scorreggiato o ti sei cagato?; 3) Cuddu sero Zuanniccu Trittillu ser vessiu e ses caccau dessa cottura!; l'altra sera Giovannino Trittillu si Ŕ portato a spasso (nel senso che Ŕ uscito in giro con gli amici) e si Ŕ cagato dalla sbornia! (Segnalazione di Trinitroglicerina)

Cacchi piudu: coglione (Es.: se che u cacchi piudu; sei un coglione) (Segnalazione di caddozzu)

Cacchi siccu: tirchio (Es.: Dom: "Peppinu su dinari dadu ti l'hada?" Risp: "ma itte si esthe unu cacchi siccu!!"; Dom: "Giuseppe ti ha dato i soldi?" Risp: "Ma che...è proprio un tirchio!!!") (Segnalazione di palas de monte)

(O) Cacchittu : sgorbio, brutto, schifoso. ES: o cacchittu: fairý unu lifting!!! TRAD: o bruttone , fatti un lifting !! (Grazie a Tiger per la segnalazione)

CacciÓre: vomitare, rimettere, rivedere i pasti, dare di stomaco, rivoltarsi come un guanto. (es.: 'fisio s'Ŕsti imbriagÓu mera e ari cacciÓu tottu su prandi. Imm˛i p˛rtara sa conca a cummenti una zampogna; Efisio si Ŕ preso una bella sbornia che l'ha costretto a rimettere tutto il pranzo. Adesso ha un mal di testa talmente forte da sentirsi una zampogna al posto del capo) (Un ringraziamento ai Cypress Hill che ce l'hanno ispirato...put your face in the grass..eheh!)

Cachi piudu: cachi peloso (Es.: se che u cachi piudu no se bonu a fai u cazzu; sei come un cachi peloso nn sei buono a fare un cazzo) (Segnalazione di bizio)

Caddaioni: medaglione dell'ano. Concentrato di merda, peli di culo e carta igienica (Es.: 1) ma castia custa mantininca pudexia!!! Fragada cummenti una craba insuada in circa de minca arretta. Ma poita non si sciacquada su stampu de su culu tottu prenu de caddaionis siccaus et mannus cummenti cussa conca de cazzu de su meri; 2) sesi 'na conch'e caddaioni. Trad. 1) ma guarda questa scimmia puzzolente!!! Odora come una capra in calore in cerca di un cazzo irrequieto. Ma perchŔ non si lava la macchinetta della cacca tutta incrastata di medaglioni secchi e grandi come quella testa di uccello padulo del padrone; 2) sei una testa di merda, peli di culo e carta igienica) (Segnalazione di Prozac e uomoMORTO)

Caddicare: scopare (Es.: che l'hos appo caffaos caddicande in pittu de una moridina e l'is appo abbochinau: "Mi ca che pode'falare su tramezzu"; li ho sorpresi a scopare sopra un muro a secco e li ho ammoniti: "Guardate che potreste sfondare la parete") (Segnalazione di Murripinta)

Caddicazzare: fare sesso (Es.: appo gana e caddicazzare; ho voglia di scopare) (Segnalazione di Barbagia)

Caddozzone: (vedi caddozzu) Per estenzione: chioschetto che vende panini, patatine e roba del genere (Es.: andausu ande su caddozzoni des'Ossigenu a ci picai unu paninu?; andiamo al chioschetto dell'Ossigeno a prenderci un panino?) (Segnalazione di Pankine Mikele)

Caddòzzu: sporco, , lercio, zozzo, malsano, putrido (Es.: Torigheddu este andadu a pastorigare cun su babbu, es'torrau e fidi caddozzu! - Trad: il piccolo Tore Ŕ andato assieme al padre in campagna a pascolare il gregge, Ŕ ritornato che maleodorava (lett. era sporco) Es2: Es.: puuuuu ma ti sciacquasa? Oh caddozzu!!! - Trad: puuuu ma ti sei lavato? Oh zozzone?) (Segnalazione di Bebbeio [Es1] e di Prohu [Es2])

Caddu: cavallo (Es.: oe leo su caddu e lu pigho a campagna; oggi prendo il cavallo e lo porto su in campagna) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

Cadina: secchio per mungitura (es: LA MAESTRA: E tu Giuseppe cosa ci porti all'esame? GIUSEPPE: Un'alveghe,una cadina e bol fatto iere comente si mulghede. - trad: MAESTRA:...... GIUSEPPE: Portatemi un secchio e una pecora e vi faccio vedere come si munge. - tratto da una storia vera! -) (Ringraziamo diddo-spozy-gimmy per la segnalazione)

Cadira o Carira: sedia (Es.: setziu a cadira; seduto sulla sedia, nel senso di persona che ha poca voglia di fare) (Segnalazione di Magnus)

Cadumu: persona poco intelligente. (es.: Sesi unu cadumu segau de cresciri! - trad.: Sei uno stupido fin dalla nascita - in dialetto stretto di Seui ) Grazie della segnalazione a Si .

CaffŔ scighittaddu: CaffŔ scekerato. Trovandoti in un zilleri del posto si pu˛ usare utilizzare questa parola al posto del termine corrispendente in italiano(es: al bar "ajo cumpa, poni unu caffŔ scighittaddu in tazza beddu fresco". - trad: buongiorno, potrei cortesemente avere un caffŔ scecherato bello fresco grazie?). (ringraziamo Peruviano per la segnalazione)

Cagadì ca sbroccu: sai zitto che vado fuori di me (Es.: Tore: "Oh Francu t'appu arresigau sa macchina scusamidda meda...". Franco: "Itt'ha fattu?!?!". Tore: "T'appu arres...". Franco: "Tocca cagad' ca sbroccu, baidindi!!!"; Tore: "Oh Franco guarda ti ho accidentalmente graffiato l'auto scusami tanto...". Franco: "Cos'hai fatto?!?!". Tore: "Ti ho graff...". Franco: "Guarda stai zitto che vado fuori di me lasciami solo!!!") (Segnalazione di Catartico(pallanchinu))

Cagadìnai : Caga Soldi, persona piena di disponibilità finanziaria. ES: Castia su marmittinu de cussu balossu! Esti unu cagadinai, esti prenu de pilla ! TRAD: Guarda la marmitta di quello stupidotto! E' un caga soldi, Ŕ pieno di soldoni ! (Grazie a Grongo per la segnalazione)

Cagaddone: vedi tarzaninos

Cagadori: deretano (Es.: cussu casu mrazzu m'hadi scadriggiau su cagadori; a forza di mangiare formaggio coi vermi ho avuto problemi di emorroidi) (Segnalazione di guido sollai)

Cagadùrasa: letteralmente cagature, dicesi di alimenti confezionati, poco sani e genuini (patatine, wafer, ecc...). (Es: " 'Gnazzìnu, accabbadda 'e pappai cagadurasa!", "Ignazietto, smettila di cibarti di porcherie".) (ringraziamo Reitano Mino per la segnalazione)

Cagafogu: uomo con emorroidi (Es.: 'Lah..lah..Cenzinu pottara unu pallanchinu in su culu..'. 'Nossignora oi Ŕ cagafogu tottu sa dý!'; 'Ma guarda, Vincenzo non riesce ad inchinarsi..'.'Per niente oggi ha le emorroidi!') (Segnalazione di Calloi)

CagagÓzzu : persona seccatrice che rompe le palle. (es.: sesi unu bellu cagagazzu! - trad.: sei un bel scassa uccello!) Grazie a ninuzzo

Cagallòni: stronzo. (es.: sesi unu cagalloni - trad: sei uno stronzo) (ringraziamo kocis)

Cagallòi: Tipico termine dispregiativo utilizzato che unisce insieme due insulti: cagone & coglione. (es: La mamma a Effisieddu: "oh Effisieddu, sesi propriu u cagalloi" Effisieddu:"poitta?" La mamma:"poitta sesi u calloi c'asi cagau afforasa" - Trad: La mamma al piccolo Efisio:" Oh Effisio sei proprio un cagallone" Efisio:"PerchŔ?" La mamma:" PerchŔ sei un testicolo che ha fatto la pop˛ oltre i margini della tazza del water") (ringraziamo Cinciosgniaps)

Cagall˛ni (o Cagall˛ni): Escremento di forma cilindrica oppure culturista di statura molto ridotta. (es.: 1- No pÓssisi ing¨nisi ca 'ndoi Ŕsti unu cagall˛ni aýcci mÓnnu!!! 2-  D' Ós býu a PorŔddu? Sý Ŕsti gonfiÓu a týppu cagall˛ni in sa palŔstra!!! , Trad.: 1-Attento a dove metti i piedi, non vedi che c'Ŕ un escremento di grosse dimensioni! 2- Hai visto Paoletto? A furia di fare culturismo ha assunto le caratteristiche di un escremento di forma cilindrica!) (Mitico Zio_nchello!!!)

Cagallonis cun bagna: stronzi col sugo (Es.: tenisi unu fragh'e merda in bucca.. ita as'pappau cagallonis cun bagna?; la tua alitosi mi induce a pensare che tu abbia mangiato stronzi col sugo) (Segnalazione di mauro)

Cagamitzasa: Defeca Sorgenti. (es.: sesi unu cagamitzasa! - trad: sei un defeca-sorgenti!) (ringraziamo BarraliRulez)

Cagamuddàndi: Incontinente di culo. (es.: E vai chi si un caggamuddàndi! ; Trad.: Va via che sei un caga mutande!) (Ringraziamo Massimo Langiu per la segnalazione)

Cagaranzu: Margheritone. Es: ceee ma itta gazzu di sesi fuliau a terra in mesu e is Cagaranzusu uoatasa tottu su paneri caddotzu!! Trad: ceee ma cosa ti sei buttato per terra in mezzo ai margheritoni? Hai tutto il culo sporco! (Ringraziamo Prohu per la segnalazione)

Cagaredda: Diarrea. (es. n.1: "O Boiccu; ta strollicu chi sesis, accabbadda Ŕ nai callonadasa... ta cagaredda leggia chi sesi!" - es. n.2: "Xida passada seu brintau in s'ortu e Ziu Sidoru a furai pruna, nd'appu pappau quattru chilusu e m'esti movia una cagaredda... seu abarrau quattru disi caghendi mancu chi mi fia buffau una dimizana e guttalax!!" - Trad n.1: Senti Salavore; che prolisso e fastidioso che sei, piantala di dire coglionate... che brutta diarrea che sei!" -Trad n.2: "La settimana scorsa sono entrato nell'orto dello zio Isidoro a rubare prugne, ne ho mangiato giusto quattro chili e mi Ŕ mossa una diarrea... sono rimasto quattro giorni defecando nemmeno mi fossi bevuto una damigiana di guttalax!!") (grazie a Reitano Mino)

Cagarrexionisi: Bastian Contrario. (es.: Pino: "Sa pizza Margeritta Ŕ bella mera cun frutti di mare e cancioffeddu" Gino: "Oh, Pino ma itta ses narendi?? La chi sa margheritta cun frutti di mare e cancioffeddu no esistiri!!" Pino:" Oh Ginu, malascallonisi... sesu unu cazzu e cagarrexionisi a bortasa.. no fairi a ti ponni a sruccu!" - Trad: Pino: "La pizza margherita Ŕ assai prelibata con i frutti di mare ed i carciofini sott'olio" Gino: " Hey Pino, che vai dicendo?? Bada che la margherita con i frutti di mare e i carciofini sott'olio non esiste!!" Pino: "Hey Gino che palle... sei un cazzo di bastian contrario a volte.. non ti si pu˛ mettere a solco!" ) (ancora grazie a Reitano Mino)

(A) Cagarura: in fallimentosu pistoleru. Usato anche nel senso di "ci sei rimasto male" (Es. 1: pogarirari, esti accabbau tottu a cagarura!; per carità, è stato tutto un fallimento. Es. 2: ndi sesi arruttu de una matta de pedrusemini e ti ci sesi fattu a cagadura; sei caduto da una pianta di prezzemolo e ci sei rimasto male) (Segnalazioni di pierino e di su pistoleru)

Cagasucci: tirchio, avaro (Es.: mancu unu francu dasi donau, ses propriu unu cagasucci; neanche una lira gli hai dato, sei proprio un tirchio.) (Segnalazione di Su Baronesu)

Cagau a prenu: Cagato addosso. (es.: Cussu tziu s'est imbriagau e a pusti s'es cagau a prenu! ; trad.: Quel signore prima si è ubriacato e poi si è cagato addosso) (Segnalato da lepucciu)

CÓggapantar˛nisi: Personaggio con i pantaloni "sporchi" (es.: LassÓru pisdhý, no lu vedi chi Ú un caggapantaroni ; Lascialo perdere, non vedi che Ú un ....  Inteso come uno che non vale a nulla) Grazie a Lillo per la segnalazione.

CagghŔndi: Defecando (es.: T'aggiu vistu cagghendi a dareddu alla janna, t'aggiu vistu la canna e la merda farendi ; Ti ho visto nel mentre che defecavi dietro all'uscio, ti ho visto l'ano e le feci che fuoriuscivano) (Un ringraziamento a Gi˛ Dj per la segnalazione)

(Ses) Caghèndi afforas: Stai cagando fuori. Fare qualcosa in malo modo. Tipica frase che si può leggere nelle porte dei bagni pubblici o di qualche attività commerciale. Da sottolineare che la scritta in esame possiede caratteri molto ma molto molto piccoli, costringendo colui che defeca ad avvicinarsi per la lettura della frase con conseguente risultato de....cagai afforas!!!! (es.: Oh nenno..... là chi ses caghèndi afforas..... ; trad. Oh ragazzino, guarda che stai cagando fuori!) (Segnalazione di Fraulas maccas)

Caghèra: dissenteria. (es.: mi seu pappau unu pisci becciu e mesti bennia una caghera a tippu bassa - Trad: : ho mangiato un pesce poco fresco e il mio intestino si Ŕ un p˛ ribellato) (grazie a mamex!)

CaghinŔri : omosessuale o effeminato (vedi anche pivellu) (Un ringraziamento a Seme che ce lĺha segnalato)

Ca ghi no: guarda che è no (Es.: ca ghi no studiasa ba ga sa motu no da pigasa mancai chi neri stisti; guarda che se non studi la moto non la prendi anche se tu dici) (Segnalazione di Libre)

Caghinosturiasa!: contrazione di "La ca ghi non studiasa..." ovvero "Guarda che se non studi !!!" detto con fare minaccioso. (es: Bai Caghinosturiasa bagassa bicicletta non da pigasa!! - trad: Vedrai che se non studi bicicletta non ne prendi !) (Grazie a Zio per la segnalazione)

Cagosu: uomo dalla sessualità ambigua (Es.: castia custu scrimpu chi camminada a culu strintu, deppiri essi cagosu meda; ma guarda tu quasto ragazzo stolto come contrae il suo deretano mentre passeggia, parrebbe un ragazzo dalla sessualità ambigua) (Segnalazione di D&V)

(sa) Cai: puttana, ragazza messa alquanto male, trascurata e cogliona (Es.: o sa cai, innoi pisciasa!?!; o troia, dove vai!?! (Segnalazione di Ciocci e Fuckyou, Samassi)

Calai: scendere, calare. (es.: 1) cala ca buffasa - 2) caladindi is mudandasa - Trad: 1) scendi che bevi (detto ad un automobilista di passaggio con soffusa allusione al coito orale) - 2) abbassati le mutande (invito sessualmente esplicito) (grazie a Frobilo)

Calasciu: cassetto. (es.: Oh Bustianu, sbarrau! Serrandu su calasciu aicci forti m'asi fattu tremmai sa callonera! - Trad: Caro Sebastiano, che ti cadano le mandibole! Chiudendo il cassetto con tanta forza hai fatto si che mi tremassero i testicoli!) (grazie ancora a Geimsdin)

CallŔlla: in barbaricino Ŕ il vocabolo indicante l'organo genitale maschile (es.: che la collis sa callella; ciao bella ragazza vorresti uscire con me in giro e coronare la bella serata con un rapporto sessuale?) In campidanese ha un significato molto differente: rappresenta infatti la stanchezza e la voglia di dormire in generale ma, pi¨ in particolare, il momento successivo alla fine del pranzo in cui cadono gli occhi per l'abboffata

Callellu locu: tonto, stupido (Es.: naraddu ai cussu callellu locu de d'accabbai de cantai; digli a quello scemo di smetterla di cantare) (Segnalazione di pato58)

CallazzŔri: persona che quando arriva fa cessare ogni refolo di vento (Es.: sesi unu bruttu callazzŔri; sei una che porta la bonaccia di vento) (Segnalazione di Mistral)

Call'e frori: cavolfiore (Segnalazione di Toniccu de Lanusè)

Callenti : caldo/calda (Es.: ses callenti cummenti un egua; trad: sei calda come una cavalla / sei una donna di facili costumi, detto generalmente da persone cui la cosa non dispiace ) (Segnalazione di Vanessa Succa Nuraminis)

Callixetta: lucertola. E' universalmente considerata un potente portafortuna (Es.: Oh Francu, arrazz'e culu! Oi ses bincendu tottu! E itta tenisi dexi callixettasa in bucciacca???; (giocando a carte) Oh Franco oggi la dea bendata ti assiste! Hai per caso dieci portafortuna teco?) (Segnalazione di Iamlorenzo)

Callompiu: coglione forte. Letteralmente Ŕ l'unione di due parole: calloni e lompiu (Es.: sesi callompiu!; sei un coglionazzo!) (Segnalazione di Sardus)

CallonÓra: bugia, esagerazione, resoconto inesatto di un fatto (es.: e bÓi, ses narŔndi callonÓrasa; ma va' stai dicendo scemenze) (Ringraziamo Seme per la segnalazione)

Calloneddu: coglioncello (Es.: e cittidì o calloneddu; e stai zitto o coglioncello) (Segnalazione di Tenente)

CallonŔra: scroto (es. tengu Ĺna pariga e craccionisi chi mi strecanta sa callonera; ho un paio di pantaloni tanto stretti che mi comprimono lo scroto)

Call˛ni (o Calloi):  1) genitali maschili, testicoli; 2) detto di individuo stolto, testardo (es.: oh call˛ni!;  oh minchione! oppure: portu is call˛nis prenus!; ne ho le palle piene, sono stufo. Altro esempio pervenutoci: "sesi pru calloni de is calloni miusu chi vunti callonisi", che significa: "sei piu coglione dei miei coglioni che sono coglioni") (Un ringraziamento ad Andrea Baccoli e a tetsuo)

Calloni tontu: coglione stupido (Es.: nara...o calloni tontu la ca ti segu su cu chi non mi d'accabbasa e mi segai is callonisi; oh...o coglione stupido guarda che ti rompo il culo se non la smetti di rompermi i coglioni) (Segnalazione di Palla)

Callullu: persona molto dotata sessualmente (es.: sa emmina tua m'ha natu chi pro ti la mantennere a pissare bi kerene battor manoso, tando ses propriu callullu! - trad: la tua donna mi ha riferito che quando vai in bagno per i tuoi bisogni fisiologici ci vuole l'operaio per reggertela, ma sei proprio un elefante!) (grazie a ka ti coddo)

Camiamè (contrazione di "minca mia a mei"); il mio pene a me stesso (Es.: camiamè! Propriu in sa conca mia doppiara cagai cussu gazz'e piccioni!; il mio pene a me stesso! Proprio sopra la mia testa doveva cagare quel cazzo di piccione!) (Segnalazione di mimmixeddu)

Cambuzzu: parte dell'arto inferiore compresa tra il piede e il ginochio (Es.: compà, abbaida cussa femina. Bella e giuchede puru unu bellu cambuzzu!!!; compare,guarda quella ragazza. Bella,e ha pure delle belle gambe!!!) (Segnalazione di Iron Killer 78 (Borore))

Camicazzu: Cazzo divino. Parola derivante dal sardo/giapponese (Es.: bogari is murandasa ca tenisi 'nu camicazzu; togliti le mutande che hai un cazzo divino (solitamente attribuito a personaggi famosi di Casteddu come Onofrio)) (Segnalazione di Camicazzu)

Camis'e'cantanti : camicia sgargiante, molto vistosa, di quelle da grandi occasioni, del tipo hawaiiano ma stretta...( es: Ceeeeeh, minca mia a tui! Ma, aundi depisi andai oi, cun custa camis'e' cantanti? Itta tenisi unu appuntamentu? Mi parisi Little Tontu... - trad: Per bacco! Ma dove vai con questa camicia sgargiante? Hai un appuntamento? Mi sembri Little Tony/Tonto) ( Grazie a Bruno Motocross per la segnalazione)

Campu Campu: indica il percorrimento di strade impervie, fuori dal sentiero (es: Aj˛ ca ci passausu campu campu in su cracchidi, aicci lompeusu prima a sa binja!- trad.: Dai, passiamo i mezzo alla sterpaglia e ai rovi, cosý facendo giungeremo prima alla vigna!) Grazie a Winnyna per la segnalazione campestre.

Campurella: luogo appartato, solitamente in luoghi adiacenti la campagna adatti all'accopiamento (Es.: minca ti caghi, s'attra dì mi seu coddau una pivella scetti bona in campurella; la vuoi sapere una novità? tre giorni orsono ho avuto un incontro amoroso con una deliziosa donzella in un luogo recondito) (Segnalazione di D&V)

Canadese: tuta da ginnastica (Es.: ajò andausu a comprai na canadese po Fisietto; su andiamo a comprare una tuta per Efisio) (Segnalazione di k4rb0)

Canazzu: giovane furbo e spavaldo (Es.: castia a Gervasu, arrazze canazzu cun cudasa picciocasa; guarda Gervaso che fa il furbo e lo spavaldo con quelle ragazze) (Segnalazione di Lupen)

CancarÓu: anchilosato (es.: Giginu Ĺta sesĺ cancarau chi no serrasa sa potta?; Luigino sei cosý anchilosato da non chiudere la porta?)

Cancaru: cardine di porta (Es.: abbarradi in cancaros tuos; rimani sui tuoi cardini, stai al tuo posto!) (Segnalazione di Maccitteddu)

Cancioffa: carciofo (Es.: mi da seu coddada a cancioffa; me la sono fatta a carciofo. Tecnica di coito da utilizzarsi in caso di ragazza con viso non piacevole alla vista, consistente nel traslare la gonna sopra il capo tenendola chiusa con la mano sinitra (o destra per i mancini) in modo tale che sia scoperta solo la zona dal bacino in giù) (Segnalazione di casu mratzu)

Candu ammazzi lu poschu lassami le balle: quando uccidi il maiale mettimi da parte i coglioni (Es.: "Embé Gavi, a vi veni a dammi una manu a fà un trasloco?". "Coppa, fà una cosa, candu ammazzi lu poschu lassami li cuglioni....."; "Ciao Gavino, verresti domani a darmi una mano per fare un trasloco?". "Compà, fai così, quando uccidi il maiale lasciami i coglioni...") (Segnalazione di pisellino)

Candu fabeddi tu e cumenti chi truddieggiu eu: Quando parli tu Ŕ come se troddiassi io! ( es: Ma dizi chi sei maccu? Ma non ti nandi, no r¨ bedi chi candu fabeddi tu e cumenti chi truddieggiu eu!! - trad: Mi hanno detto che sei poco poco rincoglionito? Ma te ne vai ! Non lo vedi che quando parli tu Ŕ come se io mi metto a troddiare!!) Grazie a Barore per la segnalazione.

Caneistregiu: lett. cane da ciottola. Pozzo senza fondo (Es.: ses pappando a batro barrasa, ses'unu caneistregiu; ma quanto cazzo mangi, sei un pozzo) (Segnalazione di pretinu)

Canna bistìa: Canna Vestita. (es.: Fudi diacci marria chi mi parera una canna bistia! ; Trad.: Era cosi magra che mi sembrava una canna vestita!) (Segnalazione di Mandragone)

Cannacuru: Detto anche "ZIMINO". Tipica pietanza sassarese ottenuta arrostendo le interiora, intestini ed altre carni, che vanno consumate appena messe gi¨ dalla griglia con un pizzico di sale.  (Un ringraziamento a Mare) ; Intestino retto (es.: Si ti la pongu in culu ti sfasciu lu cannaguru; Nel caso in cui ti sodomizzassi, ti sfascerei l'intestino retto) (Un ringraziamento a Gi˛ Dj)

Canefuinde: colore indeterminato (lett. cane fuggendo, cane che fugge) (Es.: tenese son piloso canefuinde; hai i capelli di un colore indeterminato) (Segnalazione di Marikos)

Can'e zi'Rodda: il cane di zio Rod. La leggenda vuole che questo signore avesse una cane sciolto che di conseguenza poteva permettersi di vagabondare da una corte all'altra (Es.: oh Pressedia, lassal'istare cussu ca este unu can'e zi'Rodda; cara Prassede, dimenticati quell'uomo che ha la fama di essere un puttaniere) (Segnalazione di Murripinta)

Canisterriu: buono a nulla . Deriva dal nuorese "cane e isterriu" ossia "cane da recipiente", cioè buono solo a mangiare. ES: . "O canisterriu!!!" - TRAD: ehi, buono a nulla! (Ringraziamo Bissente per la segnalazione)

Cannisterju: traditore, ma anche falso, persona dalla lingua biforcuta. (es.: cannistè si non ticch'essis t'apperio che porcu a paska ; Trad.: traditore se non esci (vai via) ti apro come un maiale a pasqua ) (Segnalazione di zizzu )

CÓppa: Schiuma bav˛sa bianca che si deposita ai lati della bocca. (es.: oh MicchŔlli, ses prŔnu de cÓppa in b¨cca, sciaquarý, p˛ prexŔri! ; Trad.: Carissimo Michele, hai la boccuccia sporca di schiuma bavosa ai lati della bocca, lavati per piacere!) (Segnalazione di Fragh'Ŕ Birra.)

Cappasa: probabilmente /probabile. (es: domanda : ma cussu e' coiau con sa filla e su sindacu ? risposta : cappasa ei!!! - trad.: ma quello e' sposato con la figlia del sindaco? probabile.... ) Grazie a Viotti per la segnalazione.

CÓpu di Mastru Ant˛ni: Testa di cazzo (Es.: abali hai rotto li cuddoni capu di mastru antoni!!! ; adesso hai rotto i coglioni testa di cazzo!) (Grazie a Ziu Nennu)

Carabineri: carabiniere (Es.: tipu de poliziottu chi pigara sa genti mala; tipo di poliziotto che prende la gente cattiva) (Segnalazione di Sbirru anzianu)

Car' e chimbanta/chentu: faccia sproporzionata (da cinquanta) /enorme (da cento). ES: Gino: Minca mia a cussu truncu e gunnu!!!- Fisio: ceeee minca tua a tie!! non cumprendese unu cazzu portad una car'e chimbanta cantu oe e crasa !- TRAD: Gino: membro mio a quel pezzo di pulzella!!! - Fisio: noooo membro tuo a te stesso!! non capisci un cazzo ha una faccia grande quanto l'oggi e il domani messi assieme!! (Ringraziamo birretta per la segnalazione)

Carasau: Pane a fogli, detto carasau. (es.: Bonu cussu pani carasau ; Trad.: buono questo pane carasau ) (Segnalazione di ^DiO-LeCcIo^)

CarÓsu: Buono a nulla, inetto. (es.: Ma mi ki sŔs carÓsu f˛rti mý! ; Trad.: Sei proprio un inetto, eh!) (Grazie a Zio Tore)

Carbofante: individuo gigantesco (Es.: pitticcu su carbofanti Fisietto; Efisietto è proprio un ragazzone) (Segnalazione di Scraxi sciaqui li cuccu')

Cardamp˛ni: Cosa di particolare volume e ingombro. (es.: TirÓddu de in mŔsu a sa arr¨ga cussu cardamp˛ni! ; Trad.: Vorresti per cortesia spostare la tua macchina molto ingombrante da in mezzo alla strada?) (Segnalazione di Montezuma.)

CardÓnca: Zecca, dicesi di persona appiccicosa (es.: Tocca, bairindi, sesi appic˛su cummenti una cadranca ; Stai lontano, sei appiccicoso come una zecca) Grazie a Mary.

Carràmmazzìmini : sfascia carrozze. E' utilizzato per estensione anche come definizione di luoghi, ripostigli o bottegucce di una volta in cui entravi e trovavi di tutto, dove non si buttava via nulla e reperivi anche gli oggetti più vecchi, scassati o curiosi. Es.: Seu circhendi una puncia de mesu metru poi cravai a fillu miu a sa carira, chi si du craccanta cust'annu puru du bocciu deu direrus! - risposta ironica: poitta non provasa da sa bottega de ziu Chicchittu, s'accatra de tottu, unu carramazzimini! Trad: Sto cercando un chiodo lungo mezzo metro per crocifiggere mio figlio alla sedia, nella speranza che studi ed eviti di farsi bocciare anche quest'anno, caso in cui mi vedrò costretto a ucciderlo sul serio! - risp: perché non provi alla bottega di Zio Francesco che è talmente sconclusionata che ci trovi di tutto, peggio di uno sfasciacarrozze! (Grazie ad Artificier Ivaz per la segnalazione).

Carramerda : scarabeo stercoraro. ( es.: Qandu 'essinti is carramerdas, 'oli nai ca proidi ! -trad.: Quando vengono fuori gli scarabei...significa che sta per piovere!) Grazie alla cara mamma per la segnalazione.

Carratoni a burricasa: mezzo di trasporto usato nei tempi antichi dalle troie di via Roma a Cagliari (Es.: castia cuddasa picciocasa con cuddu carretoni a burricasa; guarda quelle ragazze con quel carretone a troie) (Segnalazione di Cazzu Miusu)

Carraxi˛lu: Ricetta. (es.: B˛nu g¨stu carraxi˛lu! ; Trad.: Buona questa ricetta!) (Grazie a Lombricolombarbagianni.)

Carraxiu-Carrasciu: casino, moltitudine, fracasso (Es.: oh socciu, bogarý cussa marmitta Polini chi ses faendi scetti carraxiu; oh socio, levati quella marmitta Polini perchŔ stai facendo solo casino) (Segnalazione di Prohu)

Carr'è barràu: Stitichèzza dovuta all'abuso del tipico frutto del "Figu morisca" (il fico d'india) (Es.: Su fillu a sa mamma: - oh ma', mi seu pappàu unu carrùcciu de figu morìsca... - oh fillu miu, lÓ chi non pàssidi su carr'è barràu.. ; Trad.: Durante un dialogo tra figlio e madre: - Madre mia, ho mangiato una carriola intera di fichi d'india... - eh figlio mio, ma stà attento che non passi il carro (che non ti colga stitichezza acuta)!) (Segnalazione di Ziuperra)

Carroga o Corroga: è la cornacchia. Ma è usato anche metaforicamente contro le persone considerate iettatrici, o che vestono sempre di scuro, come sinonimo di cugurra. Anche se non tutti considerano le cornacchie portatrici di sventura. Certo però il suo aspetto è piuttosto lugubre, sia nel verso che nel colore. Es.: Unu giogadori est accantu a ci mollai una stamborrada de su dischettu. Da in mesu a sa genti s'intendiri unu: Brotzu caddozzu! E su giocatori tocchendisì is bocciasa zerriara: e bai e cravarinci in su cunnu, o brutta corroga e' merda! Trad: un calciatore che si appresta a battere un rigore sente dagli spalti il malaugurio di "Brotzu caddozzu". Allora si gira toccandosi i sacrosanti e ribatte: ma torna nell'utero di tua madre, brutta cornacchia !(grazie a insemineto e Artificer Ivaz per la segnalazione)

Carru arresciu: stitichezza. (es.: mi seu pappau una bintina de figu moriscasa e mesti arresciu su carru. - Trad: Mi sono deliziato di una ventina di fichi d'india e non riesco a riattivare la normale attivitÓ intestinale.) (grazie a mamex)

Carru 'e Nannai : il Tuono (nella mitologia sarda). (es.: Si diceva ai fanciulli biricchini: lÓ, lÓ d'intendisi su Carru 'e Nannai?? chi non faisi a bonnu benniri e tindi pinniccara!!! - trad.: Lo senti il Tuono (il carro di nannai!!!!) se non ti rassereni subito provvederÓ certamente a giungere fi qui con la sicura intenzione di sequestrarti (tipica abitudine sarda!!!!) Un ringraziamento speciale a LuXgnolo che ha rievocato quest antica leggenda. Un mio amico è da anni che tenta di scoprirne l'origine. Qualcuno ne sa qualcosa?

Casaiu : all'incirca "casca morto". in pratica è colui che ci prova con il mondo intero anche se privo di qualunque speranza. Lo fa solo per il gusto di provarci, ciop di "casaiare". ES: Fissu caghendi s'anima a is pivellas! Ma già sesi pagu Casaiu! - TRAD: stai sempre rompendo l'anima alle ragazze... Ma quanto sei casca morto? (Grazie a Casaiao per la segnalazione)

Casanza: Prigione (Buoncammino) (es.: Accabbai torra in Casanza! ; Trad.: Finire nuovamente in prigione!) (Segnalazione di S'urtimu Casteddaiu )

Cascetta: spia (Es.: abbaida a ghissu maccu chi m' ha fattu cascetta; guarda quello stupido che ha fatto la spia) (Segnalazione di lu tramposu)

CasciÓli: Mandibola, mascella, dente. (es.: MÓli, li casciÓli in brodu, li casciÓli in chilivrýni! ; Trad.: Spero che ti si frullino le mascelle in mille pezzi!!!) (Segnalazione di Bagasseri.)

Cascione: Tecnica di calciobalilla: colpo veloce del portiere finalizzato a passare le difese avversarie da fondo campo e ottenere il gol. Data la violenza del colpo, la pallina produce infilandosi in porta un rumore come di un cassone, cascione appunto, che si rovescia; da qui probabilmente l'espressione. Alcuni giocatori millantano di essere in grado di spostare fisicamente l'intero calciobalilla con una 'cascionata'. Per estensione, il cascione è anche un cazzotto particolarmente violento, da cui 'scascionare'. (es.: Ajò a giogai a bigliardinu, ca ci cravvu unu cascioni e sfundu tottu! ; Trad.: Giochiamo a calciobalilla così faccio un colpo così forte da rompere tutto! ; es2: 'Immoi ci zaccu unu cascioni ghirincighettu a mari!' ; trad2: ' mi appresto a colpire sì forte da scaraventarti in mare ' ; essendo il lungomare cagliaritano luogo sia di calciobalilla che di picchiatori, a farsi un bagno fuori programma potrebbe essere sia l'avversario sportivo che di scazzottata) (Ringraziamo Sardus Pater per la segnalazione e Artificier Caldo per l'interminabile integrazione, 'o Caldo, ma d'accabbasa?')

Cascitta: cassetta. Es: appo fattu incazzare cussu maccu de Andria chi mada addobbadu una cascetta! Trad: ho fatto incazzare quel coglione stronzo malato di andrea che mi ha lanciato una cassetta! (Segnalazione di sol de lurd)

Cassau a cadrighedda: colto sul fatto. (es: T'appu cassau a cadrighedda - trad: Ti ho trovato sul fatto) (ringraziamo Todos Pau)

Cassonettu : cassonetto. Dicesi di persona non proprio slanciata. ES: "Ma dasi bia cussa piciocchedda cantu esti grassa? Pitticcu su cassonettu!" - Moh si du nau puru: "Oh cassonetuuu!!!" Trad: "Ma hai visto quella ragazza quanto h grassa? Sembra un grande Cassonetto (o pattumiera). (Segnalazione di Piricocca.)

Casteddaiu: abitante di Castello, cioè per antonomasia Cagliari, da cui "Cagliaritano". Es: cussu togu esti casteddaiu - Trad: quel figo è di Cagliari, la città più bella del mondo (ringraziamo Efis)

Casteddu:Castello, cioè per antonomasia Cagliari. Città di antichissime origini, bagnata dal mare e dal pane carasau, circondata da stagni, colli e belle pivelle. Nei secoli abitata da Sardi autoctoni ma anche genti straniere di tutto il mediterraneo (fenici, punici, romani, pisani, genovesi, spagnoli, piemontesi, ecc..). Fu capitale del Regno di Calaris durante il periodo dei Giudicati. Ma soprattutto capoluogo dell'attuale Sardegna. E' una citta arrampicata su sette colli come Roma. Ma i nostri sono colli di bottiglia: Binu, Birra, Mirtu, FIlu e Ferru, Maraschinu, Spuma, Gazzosa e Chinottu. (ringraziamo Il feniccoddero )

Casticàtu: Stupido, ritardato, lento di comprendonio. (es.: Ses casticàtu commènte un aiunu ; trad.: Sei stupido e lento come un asino) (Grazie a Fiorellina per la segnalazione)

Casticau: castigato. Dicesi di soggetto piuttosto irresponsabile che si fa notare per azioni poco brillanti (es.: bi chi ses unu casticau - Trad: mi che sei un castigato) (ringraziamo Ticoddoilcane)

Casu: formaggio (Es.: crasa mi tenzo su latte po faghere su casu; domani mi tengo il latte per fare il formaggio) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

Casu fattittu (o fattittadu): formaggio marcio con i vermi (Es.: appo finidu de fagere merenda cun su casu fattittu, saltizza, inu e pane carasau...; ho appena finito di fare merenda con il formaggio con i vermi, la salsiccia e il pane carasau...) (Segnalazione di FrAnZ di Giave)

Catta-caz: usato come Virgola, nelle frasi per inciso. (es: Ieri ho abbaiddato la Dorres catta e chiddu guglioni di lu portieri caz no a paraddu nudda! - trad: Ieri ho visto la partita della Torres, e quell' inetto del portiere, non ha parato niente!) (Grazie a Zividdimmuallatorres per la segnalazione.)

Cattongia: Hashish scadente. (es: O Sandro te ne o portato un cinquino...la chi custu Ŕ bbonu non Ŕ cumenti sa cattongia de s'artra bborta! - Trad: Sandro, ti ho portato uno spinello...guarda che questo Ŕ di qualitÓ superiore, non come l'hashish scadente dell'altra volta!) (un grazie a Zittoman: l'hashish era davvero buono!)

CÓzza FuntÓnasa: Detto degli abitanti di Borore che tentarono di cagliare l'acqua. (es.: VÚ fedÓ, abbÓ c¨ssu cÓzza funtÓnasa! ; Trad.: Ciao FedÓ, guarda quel bororese.!) (Grazei a ChŔ per la segnalazione.)

CazzŔri: Pallista. (es.: Oh raga, mi seu coddau cussu pisciottu... Risposta degli amici: "E bah, oh cazzeri..." - Trad.: Oh ragazzi, mi sono fatto quella bella figliuola... Risposta degli amici: "Ma va, oh cazzeri") (Grazie a Mirko per la segnalazione)

Cazzu: membro maschile, pene (Es.: no mindi sbattiri unu cazzu!; non me ne frega nulla, non mi importa. Usata prevalentemente nel medio campidano, la frase si riferisce a situazioni spiacevoli o che potrebbero diventarlo) (Segnalazione di Lestan)

(ta) Cazzu (leggi ta gazzu): che cazzo (Es.: ta gazzu sesi castiendi?; che cazzo stai guardando?) (Segnalazione di VaLeX)

Cazzu bedd'infiamentu di guglioni: cazzo che gonfiore ai testicoli (Es.: oggi a lu mashaddu di Poshudorra di avemmu fattu un beddu cabbu di cazzu e vera un infiamentu di guglioni; oggi al mercatino di Porto Torres non abbiamo fatto un emerito cazzo e c'era un gonfiore di (palle)) (Segnalazione di manu)

Cazzu cazzetto: me ne frego (Es.: abba' a razz'e muru fattu a sa cazzu cazzetto! bo bo...; guarda che muro fattoalla me ne frego! disapprovo...) (Segnalazione di Kossoine)

Cazzu chi ti lumbiri : pene che ti colga alle spalle (frastimo/improperio) ES: la ca'esti arribbara sa bulletta de su telefunu! Mamma no funti miusu qustusu numerusu! Invecisi funti is tusu..mmm...cazzu chi ti lumbiri! TRAD: guarda che Ŕ arrivata la bolletta del telefono! Mamma non sono i miei questi numeri! Invece sono i tuoi...mmm....che ti arrivi un pene alle spalle!" ( Grazie a Pepita)

CazzudiÓulu: "oh...perbacco",oppure,"caspita!" (es.: Gavino: - "Cazz', l'althru di' aggiu visthu Pamela alla pecorina!!" Barore: - "Cazzudiaulu! Avveru?" ; Gavino: - "Cavolo, l'altro giorno ho visto Pamela prona ad angolo retto!!"  Salvatore: - "Oh..Perbacco!! Davvero?") Ringraziamo Godzilla & Maciste per avercelo segnalato.

Cazzu io: sono un cazzo (Es. mannaia diu cazzu iu; ops perbaccolina sono un pene) (Segnalazione di clarke)

(Lu) Cazzulaggiu: il calzolaio (Es.: <Cumpà ma cummenti si dizzi in sassarese "Il Calzolaio"?>. <Lu Cazzulaggiu (leggibile anche come Lu cazzu l'aggiu)>. <E poniddilu in culu! (oppure: e mancu mari!)>; <Amico, come si dice in sassarese "Il Calzolaio"?>. <Il cazzo ce l'ho!>. <E mettitelo in culo! (oppure: e meno male!)>) (Segnalazione di labbanté)

Cazzu meu tundu tundu: il cazzo mio tondo tondo (Es.: cazzu meu tundu tundu a limbazzos de campana ti ghintrete sa gana de ti la gustare; il cazzo mio tondo tondo come battacchio di campana per gustartelo quando ne hai voglia) (Segnalazione di foreconca)

Ceccimanna: bonazza (Letteralmente: Ragazza con una vagina grande) (Es.: "Abbà arrazze Ceccimanna!!". "Mincia mia a issa!!"; "Guarda che ragazza carina!!". "Pene mio a lei!!") (Segnalazione di Collega)

Ceciu: espressione sassarese che indica la sensazione di "cerchio alla testa". (es.: Caz, arimani a notti dugna imbreagghéra!!! Caz v'aggiu chissu ceciu!!! ; trad.: "Perbacco ieri notte che grande sbronza!!! Ho un bel cerchio alla testa, perdinci!!") Ringraziamo CarraMerda per la segnazione

Cedda: uccello, volatile, pennuto o anche cazzo (Es.: oh capu di cedda cerca di nun rumpimmi i cuglioni!; senti cerca di non rompermi i coglioni! (Grazie a Dedo ed a Muzzone)

Ceddone: grande uccello, aquila, condor, Pizzoni mannu: come sopra.(Di nuovo grazie a Dedo)

Cerchiolla: arcobaleno (es.: as biu te bella cerchiolla? - trad.: hai visto che bell'arcobaleno? ) Grazie a LuXgnolo per la bella segnalazione.

Certai: bisticciare (spesso italianizzato nell'infinito "certare"); Utilizzato in mille modi uno degli esempi più classico è legato ai burdi (leggi la sezione sui Gaggi) ES: Gaggio: O schillelé ma itta ses castiendi? Problemisi? - Pischello (supplicante): IO?...Nulla, ti giuro...- Gaggio: Nudda... ta'è... tui nudda... non ses castiendi, ah? ... e inzandus bolisi propriu certai! -TRAD: G: Ehi piccoletto, cos'hai da guardare? Problemi? Ragazzino: io nulla...ecc - G: Oibò! Questa è singolare...tu sostieni che non è successo nulla? dunque non mi staresti guardando? Allora sei proprio in cerca di un litigio!) Dalla serie: ogni pretesto è buono. Grazie a Ivaz.

Cessu: Aiuto, un pericolo incombe senza possibilitÓ di evitarlo, e sporattutto un uccello ti ha cacato in testa!. (es: " Cessss !!!" - Trad.: Oia mamma mia che incredibile errore di sbaglio") Grazie a Cuddu de Usai per la segnalzaione.

Cexiai : smaltire la sbornia. ES: Ziammaria "Oh Ninnu, andausu a coddai?" - Ninnu "Lassami perdi Maria, seu cexiendi" - TRAD: Maria : "Francesco, vorrei essere coccolata un po'..." Francesco: "Cara, ora non sto tanto bene; devo smaltire una tremenda sbornia" (Ringraziamo b¨ norantanoi per la segnalazione)

Che a bubu: persona insignificante (Segnalazione di Pittanic)

'CheguÓ: abbreviazione di minca de cuaddu, Ŕ tipica capoterrese (es.: d'asi bia cussu trunch''e udda!- cheguÓ boniscedda! - Trad: hai visto quella bella ragazza!-caspiterina Ŕ bellissima!) (ringraziamo Capoterresu per la segnalazione)

Che procu a pei segau: poltrone (Es.: movirì ca sesi tottu sa die firmu che procu a pei segau; muoviti perchè sei tutto il giorno immobile come un maiale con la zampa fratturata) (Segnalazione di don marcus)

Chìbu (o Kibu): Sostanza sudaticcia che si forma tra lo scroto e il buco del culo. (es.: D: - Oh tontu... ma itte cazzu ses fakende chin cussu rastrellu puntu in culu?! R: - Ma non bidese, min'che soe tirande su kibo de sa chida cola'. ; Trad.: D: - Hei tu inetto... non capisco la funzione di quell'arnese da giardinaggio il cui manico spunta dal tuo deretano! R: - Ma non vedi, sto raschiandomi il kibo formatosi la scorsa settimana?!) (Segnalazione di Sgrown)

Chicchia: cazzo. (es.: Cabbu di chicchia - trad.: testa di cazzo) Ringraziamo Andre'_Matti' per la segnalazione.

Chicchýnu bŔllu: Monello, discolo. (es.: Su fýllu 'Ŕ  su dott˛ri? GiÓ Ŕ chicchýnu bŔllu ýssu p¨ru! ; Trad.: Il figlio del dottore? Anche lui Ŕ proprio un gran monellaccio!) (Grazie a Fefonne per avercela segnalata.)

Chie abba in su pistone pistada, abba este i abba istada: chi acqua nel mortaio pesta, acqua è e acqua resta. Si usa parlando di una persona con la quale si discute che si incaponisce sulle sue posizioni sapendo di sbagliare. (Segnalazione di Cingh)

Chi miden zegu: Che mi vedano cieco. Usato a Silanus come autobestemmia per giurare una cosa.(es.: Chi miden zegu non mi lappo coddada compÓ- Trad: Se me la sono scopata ?!? Che possa diventare cieco!!!) (grazie a giorgione)

Chi no codda sorresta non connosci dì 'e festa: antico proverbio ogliastrino. Letteralmente significa "chi non conosce carnalmente una cugina non conoscerà giorno di festa". Il significato è che tale persona vivrà una intera vita da misogino e da boccomero" (Es.: ma Pilimeddu a cinquant'annusu esti ancora smanettandu? Chi no codda sorresta no connosci dì 'e festa!; ma Priamo, a cinquant'anni ancora si masturba? Chi non conosce carnalmente, da giovane, una cugina vivrà una vita da misogino) (Segnalazione di toniccu de lanusè)

Chi no ti coddanta...: "se non ti scopano....", ossia "non ci penso nemmeno". (es.: A: "bai tui a carrigai su camion" - B: "Chi no ti coddanta..." - trad.: A: "vai tu a caricare il camion" - B: "non ci penso nemmeno!") (ringraziamo JEFF per la segnalazione)

Chisgina: cenere. (Es: vai chi ra chisgina - Trad: vai che la cenere. Rivolta a persona a cui si augura di divenire cenere ) (grazie a ichnusa)

Chistionai: parlare. (Es: seu talmente scallonau chi non tengu gana de chistionai - Tad: sono così abbattuto che non mi avanza nemmeno la voglia di parlre) (grazie a Efi)

Chi toccara culu porta gana di mincia: colui o colei che tasta una natica di qualcuno ha brama di pene (es: "o Nenno M'adi toccau su culu cussa bagassa..." - "O'bellisce'! castia che chi toccara culu porta gana di mincia" - trad: "Nenno,codesta ragazza di facili costumi ha tastato il mio deretano..." - "O bellino! Guarda che chi tasta l'ano ha un irrefrenabile voglia di pene" ) (ringraziamo Tizianoferreo

Chi ti beghýa trappÓddu cun un cushŔddu ruggin˛su e immarrÓddu: locuzione minacciosa. ( es.: Brea tra amighi arrunbaddi a un banconi di un zilleri cu la gana di no fÓ un cazzu: << Chi ti beghia trappaddu cun un cusheddu rugginosu e immarraddu >> - trad.: tipica esclamazione da litigio al bar, tra perditempo alticci: << che ti vedano tagliato con un coltello arruginito e rovinato >>) Grazie a Tore Mitraglia perla bellicosa segnalazione.

Chi ti coddete s'astragu: Che il ghiaccio ti possa scopare (es.: Lassalu istare, mancu ti coddete s'astragu. ; Trad.: Lascialo stare, che il ghiaccio possa scoparti. ) (Segnalazione di IMBROGLIO )

Chi ti coddidi una mantinicca: che ti fotta una scimmia (Es.: Tra amici:"Oh peppe, appu sbagliau numeru e immoi" - Franco:"e chi ti coddidi ua mantinicca ma dona attenzioni cazzu!"; Tra amici: "hei peppe ho sbagliato nuemro e adesso?"-Franco."Che ti fotta una scimmia ma cerca di prestare attenzione.") (Segnalazione di Pramantellupiubellu)

Chi ti coddiri sa giustizia: che tu possa cadere nelle "mani" della giustizia. (es: Chi ti coddiri sa giustizia conc'e cazzu, m'asi furau 10 mila francusu...! - trad: che la giustizia possa fartela pagare, testa di biscero, mi hai rubato 10 mila lire...!) (ringraziamo Ale)

Chi ti curra sa giustizia: Che ti prenda la polizia (es.:Ses camminendi tranquillu in sa strada candu una moto tindi passara accanta fendi unu casinu: "Minkia mia a tui! Chi ti curra sa giustizia!!" - trad: Stai camminando tranquillo nella strada quando una moto ti sfreccia passandoti molto vicino ed emettendo un forte rombo dal motore: "Che il mio membro ti penetri, che ti prenda la polizia!!" ) (ringraziamo T[N]T)

Chi ti fiastà fattu coddai: Se ti fossi fatto scopare! Tale frase puo' essere usata in senso dispregiativo e offensivo contro una persona, per esprimergli il proprio senso di delusione e disapprovazione (Es.: "ohoo! mi seo scaresciu is craisi de s'appixedda". "chi ti fiastà fattu coddai!"; "oh, mi sono dimenticato le chiavi dell'Ape". "Se ti fossi fatto scopare!") (Segnalazione di Livio)

Chi tinn' esciani l' occi: che ti escano gli occhi al di fuori dalle relative orbite (Es.: ippiremmu chi una di chisti dì tinn' esciani l' occi!; sarei veramente felice se uno di questi giorni i tuoi occhi abbandonassero definitivamente le loro sedi all' interno del tuo cranio e si disperdessero nel nulla) (Segnalazione di JuppaDj)

Chi ti pigu ti coddu: nel malaugurato caso che mi capiti nei dintorni, ti stupro (Es.: oooo...Nenna!!! Gira a largu, p˛itta chi ti pigu ti coddu! E funti cazzus' tusu!; oooo...Ragazzina!!! Tieniti a debita distanza, altrimenti nel malaugurato caso che mi capiti nei dintorni, ti stupro! E sono Attributi Genitali Maschili tuoi!) (Segnalazione di Ninny)

Chi ti pissighi la pallottola chi na cazziggaddu a kennedy: che tu venga inseguito dalla pallottola che colpì Kennedy. (esempio di dialogo fra Luca e Giovanni: Luca: "bellobè,nudda sei fendi?"; Giovanni: "no, a chi problemi vai?"; Luca: "rispondi bene caaazz!"; Giovanni: "e vaii chi ti pissighi la pallottola chi na cazziggaddu a kennedy!" - trad: Luca: "Bello, che combini?"; Giovanni: "niente, ci sono problemi?"; Luca: "no, però rispondi bene!"; Giovanni: "ma vai! che tu venga inseguito dalla pallottola che colpì Kennedy!") (ringraziamo Quethzal per la segnalazione)

Chi ti pottinti is pistoccus a cappella: che ti portino i biscotti nella cappella. Vecchio anatema teuladino. Anticamente a Teulada era d'uso portare i condannati a morte a ricevere l'ultimo conforto dai frati presso la cappelletta di S.Francesco (da qualche anno riaperta), dove qualche anima pietosa portava talvolta dei biscotti per alleviare le pene a coloro che di lì a poco avrebbero penzolato dalla forca (Ringraziamo Frindel from Theulat per la preziosa segnalazione)

Chi ti scuppettiri su bugginu: che ti penetri con violenza il demonio. (es: Hoia 'tta cazzu ses ferendi m'asi ingottu, chi tiscuppettiri su bugginu! - trad.: quale dolore ma quale gesto inconsulto hai compiuto che il demonio possa penetrarti con violenza!) (Grazie a linetto per la segnalzione)

Chi ti vegghiani cieggu!: Che ti vedano cieco. Popolare espressione di approvazione in sassarese (Es: "Ogna droncu la Canalis!". "Eu mi l'aggiu coddadda candu era a ishcola!". "Ti vegghiani cieggu!"; "Che bella donna la Canalis!". "Io ho avuto una storia con lei quando eravamo a scuola insieme!". "Ti vedano cieco!") (Segnalazione di brisa)

Chi ti venghia la magnazzona a faccia e la manu sia una scarzoffa: anatema che significa: "che ti venga prurito al viso e la tua mano si trasformi in un carciofo!! " (ringraziamo biagetty)

Chi ti vegghiani posthu foggu, sthudaddu a benzina e zittaddu a mari, chi candu fari no tocchi mai fondu: che ti vedano messo fuoco, spento a benzina e buttato in mare che quando scendi non tocchi mai fondo. Tipica frase sassarese da utilizzare esclusivamente quando ad una persona si vogliono augurare "tanta belle cose...". Per esempio qualcuno ti ha fatto un torto: "cantu sei iena,chi ti vegghiani posthu foggu , sthudaddu a benzina e zittaddu a mari, chi candu fari no tocchi mai fondu"; "sei una iena ,che ti vedano messo fuoco, spento a benzina e buttato in mare che quando scendi non tocchi mai fondo" (Segnalazione di Alessiodiss)

Chimbe ses pudinde: Cinque stai puzzando. Utilizzato durante il gioco della murra. (es.: Chimbe ses pudinde! ; trad.: Cinque stai puzzando!) (Grazie a gallone)

Chizzanu: mattiniero. (es.: fiada unu mera chizzanu. Coddendi puru - trad.: Era uno molto mattiniero. Facendo l'amore pure) (ringraziamo codda frattelo orso per la segnalazione)

Ci o Ciiiiii: abbreviazione di "Citteisia pagu pagu!". Un attimo di silenzio, per favore! (es.: Ci, ciiiii! Ca a Videollýna funti fendi su serviziu de bidaa! Ciiiiiiiiii! ; Zitti, zitti un momento per favore! Su Videolina stanno trasmettendo un servizio su fatti e/o persone riguardanti il mio amato paese! Vi esorto perci˛ a fare un attimo di silenzio!) Ringraziamo Germoglio 79 per la segnalazione.

Ciacciarrare: chiacchierare (es.: Non d'accabbasa de ciacciarrÓi mancu motta! ; Non smettetteresti di chiacchierare neanche se fossi morta!) (Grazie a Mary)

Ciaccuttendi: termine sassarese significante chiacchierando (Es.: ciaccuttendi pÓ li carreri; chiacchierando per le strade) (Grazie a Figaro qua Figaro lÓ per la segnalazione)

Ciapp¨zzu: grezzone, pezzente, straccione (Es.: ma cummenti ti sesi acconciau? La chi sesi propriu nu ciapp¨zzu...; ma come sei ridotto? Guarda che sei veramente grezzino...) (Ringraziamo Prohu per la segnalazione)

Ciaraballu : Antico calendario prodotto a Chiaravalle (da cui il nome in dialetto sussincu <di sorso>) che riportava anche altre notizie utili e  previsioni del tempo. Es : "lu ciaraballu mashca eba/tempu bonu" (Il calendario prevede pioggia/bel tempo); oppure "Lu ciaraballu mashca coipi" (il calendario prevede bastonate) che si diceva ai bambini che non si comportavano come da aspettative dei grandi, per avvertirli che si stava avviccinando il momento in cui sarebbero piovuti schiaffi, calci, colpi di bastone  e affini. (ringraziamo ancora M@re)

Ciarameddo: pettegolezzo (Es.: a ti sceddi? che la vita non è solo ciarameddi?; ti svegli? che la vita non è solo pettegolezzi?) (Segnalazione di magnagaula)

Ciccadì camp'e atterraggiu: cerca di visualizzare campo per un atterraggio di emergenza (Es.: "Oh ba me lo compri il big jim? dai!dai!dai!dai!dai!dai!". "Na o piccioccheddu mira chi as pigau a scallonisi, ciccadì camp'e atterraggiu!!"; "Padre, sarei lieto di ricevere da te in regalo il famoso pupazzetto di big jim, ed insisto nella richiesta". "Giovanotto, ti trovo un po troppo insistente, quasi al punto di affermare che hai rotto l'anima, cerca un buon terreno per un atterraggio d'emergenza perchè da quì a poco ti farò volare!") (Segnalazione di 'nchemohenti)

Ci d'anti bogau a' son'e corru: lo hanno allontanato al suono del corno. Questa espressione, molto usata a Cagliari, risale al periodo della dominazione spagnola, quando il centro storico di Cagliari, cosiddetto "Casteddu" era accessibile dagli autoctoni (sardi!) solo nelle ore diurne. Al calar del sole, con il suono di un corno, si avvisavano i sardi che si trovavano ancora all'interno delle mura del castello, che dovevano allontanarsi. E' immaginabile il trattamento riservato a coloro i quali non si attenevano all'imposizione... punter'e pea a'n culu! (Es.: adi fattu aicci mera casinu, chi ci danti bogau a son'e corru!; ha fatto così tanto casino che lo hanno allontanato di malo modo) (Segnalazione di Michele)

Cilixia: rugiada. (es.: Tengu su culu aicci ghiacciau ca deppidessiri biancu de cilixia. - Trad: In questo momento la temperatura del mio deretano Ŕ talmente bassa che, probabilmente, Ŕ bianco di rugiada.) (un grazie a Geimsdin)

Cimingione: Capezzolo. Tipica frase pre-rapporto: "Oh Claretta, tenisu unu cimmingioni cummenti a una puncia de dexi" : "Oh claretta, hai un capezzolo come un chiodo da dieci". Quando si vede un bambino che succhia teneramente il cimingione della mamma in pubblico Ŕ anche tipica la frase: "Scusi signora, posso fare un complimento al bambino?", "certo, si figuri!", "Oh su pippiu! Minca mia a mamma tua, pottada is cimmingionisi parinti dus buttonisi de cappottu!!": " O bel bambino, la mia ammirazione Ŕ rivolta a tua madrea, la quale possiede due capezzoli come bottoni". (Un grazie di fegato a Mino per la segnalazione)

CinculabÓrtainc¨lu: Salto della cavallina, specialitÓ olimpica Sarda, inserita ancora in fase sperimentale per la prima volta,  alle olimpiadi di Seui;  abbr. cinculabÓrta (es.:  Tonello, giogÓusu a cinculabÓrta? Aj˛ cÓ mi b˛llu scadriggiÓi pÓgu pÓgu!!! ; Trad.: Antonello, giochiamo al salto della cavallina?  Dai che mi voglio sgranchire un pochino!!!) (Grazie a Mino Reitano.)

Cinixiu: cenere (Es.: e bai e croccarý in su cinixiu!; e vai a sdraiarti nella cenere! (metaforico per: "ma vai a cagare!") (Segnalazione di Simone)

Ciogghitta: lumachina (Es.: azz.. m'aggiu magnaddu un cugniolu di ciogghitte; mi sono mangiato una quantita' indefinita di lumachine) (Segnalazione di Spartinside)

Cionfra: Sbronza. (es.: So à una cionfra cumpletta... ; Trad.: Sono ubriaco perso...) (Segnalazione di Cionfrone.)

Ciospo: brutto ceffo o persona particolarmente brutta (Es.: 1) Castia gustu loffio cun is zoccolusu in BMW: pitticcu su ciospo; 2) D'asi bia sa pivella de Gigi? Pitticcu su ciospu!!!; Trad 1) Orsu' vedi quel distinto gentiluomo in quella rombante BMW gialla con indosso catene d'oro e zoccoli e canottiera: e' veramente un brutto ceffo!; 2) L'hai vista la ragazza di Luigi? E' proprio bruttissima!!!) (Segnalazioni di Kidd i coddu e di Gavvino Rundeddu)

Cippitù: persona qualunque (Es.: catta z'hanni schuttu chissi quattru cippittù; ci hanno battuti quelle quattro persone qualunque) (Segnalazione di lu tramposu)

Cýrdinu: rigido, immobilizzato (es.: ."Ma das biu a Franco gioghendi? ...gi Ŕ pagu cirdinu!!!" ; Hai visto Franco giocare a pallone? E' molto rigido...) Grazie a Seme.

Cýsgina: CŔnere (es.: VÓi chi la Cýsgina! ; Disperditi come la cenere! - Tipico modo di mandare affanculo la gente.) (Grazie a Tozz.)

Cittudý: Stai Zitto/a! (es.: Cittudi' bagassa, d'afferrÓusu a c˛rrusu e 'ndidd'azziÓusu ass¨su! ; Trad.: Stai zitta baldracca. Lo afferriamo per le corna e lo tiriamo su' cosi'!) (Ringraziamo Krueger per avercela segnalata)

Ciuccia e forroga: succhia e fruga (Es.: "Stamafasta in curva??". "Ah??". "Poba". "Ciuccia e forroga"; "Stamafasta in curva??". "Ah??". "Ciuccia". "Ciuccia e fruga") (Segnalazione di nenno)

Ciugullittu: singhiozzo. (es.: - Cceee o mariuccia non ci seu cumprendendi nu cazzu - POITTA? - poitta a pallasa tengu 'na specie e gosa he tenniri su ciugullittu! - Trad.: ahhh...maria non sto capendo gran che! -PERCHE' MAI? - ma perché dietro c'ho un buono a nulla che ha il singhiozzo) Grazie a Sa Stria

Ciuna: Figa, in algherese (Es.: la ciuna de tan gialmana!; la figa di tua sorella!) (Segnalazione di Mr Wolf)

Ciungi is baccas: aggioga i buoi (Es.: ajò,è tradu,ciungi is baccas!!; andiamo,è tardi, attacchiamo i buoi al carro e andiamocene (riferimento ad un episodio contorto che mio padre continuava a raccontare ma che risultava incomprensibile a causa delle sue risate convulse)) (Segnalazione di Maccitteddu)

Ciungomma: gomma da masticare (Es.: Luisa, castia de non pigai sa minca po ciungomma; Luisa, stai attenta che non tutto si puo masticare come le gomme) (Segnalazione di Su Conti de Cuartu)

Cixicraxia: frutto selvatico simile al corbezzolo di colore grigio scuro come il mirto (Segnalazione di delfina68)

Cýxiri: Ceci. (es: C˛ddasa po cýxiri? ; Trad.: Me la dÓi in cambio di un pugno di ceci?) (Ringraziamo Krueger per avercela segnalata.)

Coba coba: Gocciolante. (es.: Donna del medio-basso Campidano: iiiiih!!! Pitticca sa baska!!! Tengiu tottu sa udda coba coba!!! Trad.: Caspita che caldo! La mia vagina, già umida di per sè, a questo punto sta gocciolando!) (Grazie a dr.drer)

Coberri: coprire o scopare (es.: andausu a coberri - trad.: modo di dire usato a san NicolòD'arcidano per andare a scopare o coprirsi) Grazie a Gaia per la segnalazione

Coca cola: noto personaggio dell'alta gallura che riesce a stappare la bottiglia di coca con il buco del culo. A sua detta pare che dopo le prime bottiglie incominci a piacere. ( grazie Dedo)

Coccoi: Lumacone. (es.: Aihoo Giù! A bi ènisi a Coccoi? ; Trad.: Aihoo Giovanni! Ci vieni a cercare lumaconi?) (Grazie a Giannimagni)

CODDA: per capire che significa... basta che vi guardiate intorno: in questo momento codda siete voi!

Codda baulese: scopa bare (Es.: "A la conoschese a 'codda baulese'?". "Non la connosco...e chi este?". "Cussa chi si coddada finza sos mortoso!!!"; "La conosci la tizia che tutti chiamano 'scopa bare'?". "Non la conosco...chi è?" "Quella che si scopa perfino i morti!!!") (Segnalazione di Suemme)

Codda curiosi: fatti i fatti tuoi. Detto a colui che non si impiccia mai dei fatti suoi e vuol sempre sapere tutto degli altri (Es.: <Chicchino> 'Oh, ebè Badò, e itta asi comprau in su tabacchinu?'. <Bodori> 'Unu "CODDA CURIOSI" o Chiccì'; <Antonio> 'Oh, ciao Salvatore, cosa hai comprato di grazia al tabacchino?'. <Salvatore> 'Cortesemente, Antoni, sono cose che non ti riguardano') (Segnalazione di Arròmigò)

Coddaevening: gioco di parole sardo-inglese fra il saluto "good evenig" e la parola "codda", da dirsi col tono di "Buonasera" della pubblicità della Fiat. Spesso usato quando si saluta una bella ragazza, per fare un chiaro sottinteso...(ringraziamo Manrico)

Codda pibizzirisi : Testuale: incula cavalletta, figurato= buono a nulla. ES: ma castia ca sesi unu codda pibizzirisi ! TRAD: sei proprio in cazzone.... ! (Ancora grazie a sempri prusu surdu per la segnalazione)

Coddaddu: lascialo perdere ( es.: Ma coddaddu a cussu conch'e cazzu! ; Lascia perdere quella testa di cazzo) Grazie a Alex.cagliari)

(Eh) Coddadì: eh scopati (Es.: "Ma du scisi ca seu andau a Londra custu merì?". "eh coddadì ca se narendi cazzarasa..."; "Ma lo sai che sono andato a Londra questa sera?". "Eh scopati che stai dicendo sciocchezze...") (Segnalazione di Catartico(pallanchinu))

Coddadì a mamma tua: fai all'amore con tua madre (Es.: -Oh arrogh'e scimpru, beni innoi; -e baa e coddadì a mamma tua....; -Oh pezzo di scemo, vieni qui; -e vattene e fottiti tua madre...) (Segnalazione di J AL)

Coddadý da cani: Fottiti la cagna. (es.: Aiò! Gavinu beisi a sa festa da sa tundidùra? -oh, non 'ndi tèngiu gàna -E ahio scozzatìndi !!! - No seu tottu spulligàu - Ah , ainci sèsi? Insàndusu coddadi sa caý!!! ; Trad.: Dai Gavino, vieni alla sagra della tosatura? - Non ne ho voglia! - Ma dai, datti una scrollatina!!! - No, sono alquanto affaticato! - Ah Ŕ cosi? Allora stai con la tua cagna!) (Ringraziamo Pateri per la segnalazione.)

Coddadì unu pei: Lett.: "Scopati un piede". Affermazione utilizzata per non far annoiare una persona. (es: - Oh, soi scallonau perdiu! - E itta ti possu nài? Coddadì unu pei!!!; Trad: - Mi sto annoiando troppo!!! - Cosa ti posso dire, scopati un piede!!!) (Ringraziamo Mauro Loceri per la segnalazione)

Coddadore de Ottana: Chiavatore di Ottana. Dicesi di persona che si vanta di prestazioni sessuali mai realizzate. (es.: Derisi m'appo coddadu tres figonasa! - Risp: Bainnoramala su coddadore de Ottana!!! ; Trad.: Ieri mi sono scopato 3 fighe! - Risp: Vai in malora, oh "Chiavatore di Ottana"!) (Ringraziamo Er Gianni Budduso' per la segnalazione)

Coddadori de Gavvoi: Chiavatore di Gavoi. (es: In un casino di Cagliari: Drin ! (Campanello) - Chi Ŕ? - Coddadori de Gavoi! Trad: In un casino di Cagliari: Drin!(Campanello) -Chi Ŕ? - Chiavatore di Gavoi (Sono sceso con l'asinello tre giorni fa ed ho il giubbotto in pelle) ) (ringraziamo Lenzu per la segnalazione molto pittoresca!)

Coddadrosciu: porcilaio (es.: dicesi coddardosciu luogo, esempio casa o festino o discoteca, dove tutti chiavano ubriachi tra di loro (Es.: SONO ANDATO AL FESTINO PITTIKKU SU CODDADROSCIU!!) Grazie a Martello

CoddaŔntu: colui che,con aria naturale e indifferente, suole andare in moto eseguendo i  tipici movimenti coddatori

(A) Coddai a casinu: "per fare l'amore rivolgetevi da altra parte". (Es 1: Un genitore con figlie in età quasi giusta: " o ragazzi a coddai a casinu po presceri". Es 2: Una coppietta si scambia effusioni pesanti al poetto e nella foga del momento, i due rotolano fino all'asciugamano del bagnante vicino. Il vicino: "o piccioccusu, a coddai a casinu!!!" ; Es 3: Bolisi ancora dinai ma no mi donasa su traballu? Ascurta: a coddai in casinu! ; Trad.: Vuoi ancora soldi ma non mi hai dato il lavoro che mi avevi promesso? Vai a scopare in casino (sono stufo di farmi prendere per il culo)!) (ringraziamo Burriccheddu e Artificier Ragno)

Coddai po cixiri: fare all'amore in cambio di ceci (Es.: "Oh ma coddasa po cixiri?". "Po prus pagu puru!"; "Vuoi scopare per ceci?". "Anche per molto meno!") (Segnalazione di fedemaialone)

Coddamacca: donna che scopa come una pazza; invasata di sesso. (es.: annota cussa coddamacca! forzis chi li piachete!!! ; Trad.: guarda quella scopatrice pazza! Sembra non ci siano dubb circa il fatto che ami impegnarsi in amene attivitÓ!! ) (Segnalazione di bobo ) 

Coddamì sa hane: letteralmente: "Chiavami la cagna", modo per negare qualcosa con decisione e sfrontatezza. (es.: "ishusa la tenes una sigaretta?"(detto in caghineri). Risposta: coddami sa hane!(h dura non aspirata) - Trad: "scusa hai una sigaretta?" "ma chiavami la cagna!" ) (ringraziamo Klatu per la segnalazione)

Coddami su cani : All'incirca un "ma va' a cagare!". ES: ma citidiri, e coddami su cani ! - TRAD: ma stai zitto e scoppami il cane.. come per dire vai a farti inculare (Grazie a sempri prusu surdu per la segnalazione)

Coddangioni o Coddanzones: chiavagnelli ES: ses'unu coddangione Trad: detto di persona che si intrattiene volentieri con gli agnellini...."sei un chiavagnelli", dispregiativo (Grazie a klatu per la segnalazione)

Coddapolcoso: Persona che gradisce la pratica sessuale con qualunque "individuo" capiti a tiro, sia esso uomo, donna, animale o cosa (praticamente dal muflone alla fregna) (ringraziamo  M@re)

Coddaprangendi: lett. scopa piangendo, lamentoso (Es.: accabadda de 'chi chesciai kandu istasa beni, sesi unu coddaprangendi; smettila di lamentarti quanto ti va bene; sei come uno che piange mentre scopa) (Segnalazione di reverendomarcus)

Coddapr˛ccu: letteralmente scopa maiale, persona che non ha problemi sessuali ma è anzi sotto questo profilo estremamente attiva, a prescindere da quel che passa il convento. ; es.: Cee..!! LÓ Ó Bruno coddaprocu abborsendisý cussa beccixedda; Toh..!Guarda Bruno corteggiando quella brutta vecchietta ; es2: seis' una massa e coddaproccusu! tottu cussu chi si movviri du boleisi coddai! ; Trad2: siete una massa di persone che non hanno problemi sessuali! tutto ciò che si muove vorreste amarlo! . (Grazie a Francesco per la segnalazione e a KingOwl per l'esempio extra )

Coddap¨ddasa: Copulatore di galline. (es.: Affýsiu sesi pr˛ppiu unu codda p¨ddasa!! ; Trad.: Efisio sei proprio un copulatore di galline!!!) (Segnalazione di Damiano, Andrea, Marcello, Paolo, Davide & Natzucau.)

CoddÓre: avere un amplesso (es.: non andartene a coddare col primo "venuto")

Coddaròri: scopatore. (es: parafangu sesi unu grandu coddarori? ma de cuuuu.... -trad.: parafango sei un grande chiavatore? ma di culo però!) Grazie a parafango

Coddas po' cixiri?: trattasi di modo pittosto approssimativo, diffuso in certi ambienti ogliastrini, di proporre del sesso alle giovani fanciulle (Es.: oh Mariè, soi arrettu che cani, coddas po cixiri?; cara Maria, mi trovo in un clamoroso stato di eccitazione sessuale, accetteresti di fare all'amore con me in cambio di una manciata di ceci?) (Segnalazione di toniccu de lanusè)

Coddatroja: gentile eufemismo usato in luogo di letto, alcova d'amore. (es: tocca beni cun mei chi si ghettausu in sa coddatroja... - Trad: Dai vieni con me... sdraiamoci sul letto...) Grazie a su bacueu.

Còddau: fottuto, fregato (Es.: seu andau a Sant'Elia a pigai fummu e m'anti coddau! M'anti donau custu giarroni pudexiu chi ci'ddappu deppiu fuliai!; sono andato a Sant'Elia a prendere dell'hashish e mi anno fregato! M'hanno dato del fumo talmente brutto che l'ho dovuto buttare) (Segnalazione di Brown)

Coddazzàppusu: trombastracci (Es.: 1."Ma la ca cussa tipa faidi skifu! Sesi u cazz'e coddazzappusu, ti coddasa sa merda!" 2."Esti u coddazzàppusu, po cussu ognia stampu è gallerìa!"; 1."Ma guarda che quella tipa fa skifo (al cazzo), sei un trombastracci!" 2."E' proprio uno scopastracci, per lui ogni buco è gallerìa!") (Segnalazione di Pisy)

Coddhalveghe: scopatore di pecore (Es.: a Truddhone li piaghede a pompare cun s' aveghe! Pro fozza ! este unu coddhalveghe!!; a quel matto da legare piace accopiarsi con le pecore!; Per forza, è uno scopatore di pecore!) (Segnalazione di Bitiresu)

Coddeddu: scopone, scopatore (Es.: mira hi hussu este unu coddeddu; nota bene che quell'individuo è uno scopatore) (Segnalazione di minchioni)

CoddŔddu ch'Ú mÓccu: Sodomizzatelo (o inculÓtelo) perchÚ Ŕ pazzo!!! (es.: Affýsio: - "ArisŔu mi sŔu coddÓu  a Giuannýcca!" Is amýgusu: - "Ma coddŔddu ch'Ú mÓccu!!!" ; Trad.: Efisio: - "Ieri ho avuto un rapporto sessuale con Giovannina!" Gli amici: - "Ma sodomizzatelo (o inculÓtelo) perchŔ Ŕ pazzo!!!") (Grazie a Damiano Andrea Marcello Paolo Davide & Natzucau.)

Coddingiu: leggero acquolina inerente all'ambito sessuale. (es.: tengiu unu coddingiu chi m'ia a coberri finz'a a cudda arrogada de sorri tua! - trad.:  ho un lieve languorino che mi approccerei persino con quella giovine non particolarmente attraente che è tua sorella) (ringraziamo sam per la segnalazione)

Codd˛dromo: abitazione spesso disabitata dove portare ragazze a scopo "scopo". Particolarmente tattiche: casa dei nonni in un paese "sperdiu", villettina al mare d'inverno (Grazie a Seme che ha messo in risalto alcune delle pratiche frequenti degli Artficieri)

Codd˛ngio: l'insieme delle azioni finalizzate all'amplesso (es.: oggi sono di coddongio; oggi si prospetta una giornata favorevole per inzuppare il biscotto)

Coddone: chiavatore. Ma anche, per estensione, "visitatore di codda". (es: parafango su coddoni de casinu ! trad.: parafango il chiavatore da casino - ma anche "parafango il visitatore di codda da casino".) Grazie, ovviamente, a parafango

Coddospe: scopatore, ma detto in senso negativo del termine, nel senso di un maniaco del sesso. Dicesi di uno che cerca scopate ma non è un buon scopatore. (es.: za est pagu coddospe! - trad.: Già è poco maniaco del sesso!) (ringraziamo nanni per la segnalazione)

Codula falada: mestruazioni (Es.: bhaaa....jai er gai su fracu jÓ!!! Est a codula falada!!!; bhaaaa....senti che odore!!! Ha le mestruazioni!!!) (Segnalazione di Soejeo)

Coghera: Sbornia. (es.: Pittýcca sa coghera chi Ósi boddýu!!! ; Trad.: Piccola, la sbornia che hai preso...) (Grazie a Proz per la segnalazione.)

Coglioi: coglione, stupido. (es.: sesi u coglioi preziu ; Trad.: sei un coglione a metÓ (ovvero sei meno di uno stupido) ) (Segnalazione di il re ) 

Coglionai : (anche Cuglionai, Collunai ) fregare. ( Es: ma giai non mi coglionasa cust'otta.....balla!!!!- trad.: ma giÓ non mi freghi questa volta.....mmmmmm!!!) Grazie a Rai, e Capitan Harlock per la segnalazione

Cogoccia: glande (Es.: castia cussu ziu, porta sa conca paridi na cogoccia; guarda quell'anziano signore, a causa della calvizie la sua testa sembra un glande) (Segnalazione di Alex)

Coimmodde: letteralmente "coda molle",  sta per affemminato, cagasotto. (es.: bruttu coimmodde - trad.: brutto cagasotto affemminato) (ringraziamo sos parisa per la segnalazione)

(su) Coipira: [il sole] che cuoce la pera (vedi anche Mamma de su soli) (Es.: 'Ooh Gino!!!... 'Ta ci vaisi a reu a meigama: cun su coipira'; 'Ooh Gino!!!... Cosa ci fai in giro nel primo pomeriggio: col sole talmente forte che cuoce la pera?!!') (Ringraziamo Brikki per la segnalazione)

Cola: passa (es.: cola... in su sethazzu chi ti colene/in culu de set'acos chi colese ; Trad.: passa... in un setaccio per farina che ti passino/nella cruna di sette aghi che passi) (Segnalazione di irgoli (f)regna )

ColloccÓi: Inserire in un determinato luogo. (es.: Oh Gianni la chi ri fÓzzu colloccÓi! ; Trad.: Gianni, guarda che ti faccio infilare in un posto specifico!) (Segnalazione di Fefonne.)

Colori de brent'e mongia : Colore di ventre di suora (es.: Cussu cazz'e pizzocchŔddu tŔnniri sa facc'a colori de brent'e mongia! ; Quel cazzo di giovincello ha la faccia del colore del ventre delle suore!) Ringraziamo Conch'e Globu per la segnalazione.

Col˛ri de cÓni fuŔndi: letteralmente il colore del cane che scappa, si dice di un colore sgargiante e, comunque, brutto (es.: ih ta lŔggiu su bistýu chi p˛rtasa, tŔniri collor' 'e cani fuendi; che brutto il tuo vestito, ha dei colori bruttissimi) (Ringraziamo GeppoXZ per la segnalazione)

Comente: avere la parvenza (Es.: Pinuccio sesi comente 'na minca alluara; piccolo Giuseppe quando ti comporti in simil maniera assumi la parvenza di un organo sessuale maschile non troppo sveglio) (Segnalazione di Marco)

C˛mudu a bretŔllasa: Cesso con le bretelle. Dicesi di individuo elegante nel vestire, ma volgare e privo di qualsiasi valore. (es.: Sesi unu c˛mudu a bretŔllasa! ; Trad.: Sei come un cesso con le bretelle!) (Ringraziamo Mec per la segnalazione.)

Concabbau/concabbada: persona svampita, letteralmente:"con la testa annacquata" (Es.: là! S'arrellorju ti sese 'imentigau! gi ses pagu concabbau...; toh! L'orologio ti sei dimenticato! Tanto sei poco svampito!!) (Segnalazione di sindria)

Conca 'e brenti de mongia: testa di pancia di suora col vestito nero (Es.: arbitro Collina sesi una conca 'e brenti de mongia a bestire nieddu!!!; (un tifoso scassapalle inveisce contro l'arbitro (molte volte scassapalle) Collina): sei una testa di addome di suora col vestito nero!!!) (Segnalazione di Pibinca)

Conca 'e plastica: testa di plastica (Es.: annò cussu conca e plastica; guarda testa di plastica) (Segnalazione di erks?!)

Concagotta: Ubriacone. (vedi anche "burrasciu") (es.: Nara, o concagotta, lassandi in su stregiu! ; trad.: Ascolta, ubriacone, lasciane la bevanda dentro la bottiglia!!!) (Segnalato da tattanu)

ConcÓli: stupido, stolto, testa di cazzo. (es.: castia cussu concali 'e frari tuu, Ŕ faendi su scimpru cun sorri mia. Si du pigu du bocciu; guarda quello stupido di tuo fratello, sta facendo il cascamorto con mia sorella. Se lo prendo lo ammazzo) (In collaborazione con Lello Pennello)

Conca manna: testa grande (Es.: 1) 'Prigh' 'e guÓ... poitta Monica tenidi sa conca manna cummenti una bettoniera?'; 'Cazzo di cavallo... perchŔ Monica ha la testa grande come una bettoniera?' ; 2) Si narada de M. C. chi candu d'é bessiu de sa udda e sa mamma sa conca no ci passara po itta fìa troppu manna, candu su babbu cun sa mamma bagassa fianta coddendi fianta castiendi ET... ; Trad.: Dìcesi di M. C. che quando é uscito dall'utero della mamma, la testa non ci passava perché era troppo grande. Inoltre, quando il padre con la madre troia stavano scopando guardavano ET...) (Segnalazioni di Mau a Morri & Miminu)

Conca nobili:letterale testa nobile, in senso ironico senza memoria(es.: o fisino, ti sesi scheresciu de portai su binu, arrazza de conca nobili chi sesi!!!! ; Trad.: efisio, ti sei dimenticato di portare il vino, che poca memoria che hai!!!!! ) (Segnalazione di Clive ) 

(A) ConchŔddasa: Testa ciondolante. (es.: Oh Remigio! Ma ýtta sŔsi a conchŔddasa? ; Trad.: Senti Remigio, ma ti stai addormentando? Ti sta ciondolando la testa!) (Grazie a Mungetta)

Concheddu: testa del cazzo (Es.: a lu boccis su concheddu; lo prendi il cazzo) (Segnalazione di Kirigheddu)

Conchècarzòffa: Testa di carciofo. (es.: Ma bàe in affancùllu brutta conchècarzòffa! ; Trad.: Ma vattene affanculo brutta testa di carciofo!) (Ringraziamo E chi e so flesh o ruiu per la segnalazione.)

Conchèddu: 1)glande, cappella. 2) per estensione: testa di cazzo. (Es1: succiamì su concheddu! trad.1: applicami un'aspirzione orale al glande - Es2: beninde in noghe concheddu! - Trad: vieni qua testa di cazzo! - Es. 3: Ohhhh, Bionda!!! Là cà ti òngiu una passàda de conchèddu; trad.: Oh Bionda! Guarda che ti dò una passata della mia cappella) (Grazie a michele coddarori, coddina e pillottu slg per le segnalazioni)

Concheddu arrembambiu: "persona" rincretinita. (es.: Ma poitta non ti andasa a cagai, bruttu cazze concheddu arrembambiu? - Trad: Ma perchŔ non te ne vai a cagare, brutto cazzo rimbambito!) (ringraziamo SuPilia per la segnalazione)

C˛nch'e bÓgna: colui che ha i capelli rossi come il sugo, "sa bagna" appunto (Grazie a Seme per la segnalazione)

Conch' e bozzeddu: testa tonda a forma di palla di individuo rasato a zero (Es.: commenete ti che ses segau sos pilos mi parese unu conch'e' bozzeddu; da come ti sei tagliato i capelli sembri una testa a pallina) (Segnalazione di MICIA)

Conch'è biriglia: Testa di biglia. (es.: Chìni èsti s'àrbitru? - Collina, cussu conch'è biriglia! ; Trad.: Chi è l'arbitro, quest'oggi? - Collina, quello con la testa di biglia!) (Ringraziamo Grongo per la segnalazione)

Conch 'e brocca: testa di brocca. Si dice quando una persona ha la testa molto grande e le orecchie a sventola (Es.: tenidi sa conca commenti una brocca; ha la testa come una brocca) (Segnalazione di Pzk)

C˛nch'e cazzu: semplicemente ...testa di cazzo!!!! (es.: o Simo'!, sesi una C˛nch'e cazzu! - Simone! Sei una testa di cazzo!) (un grazie a Inti)

Conch'è culu: lett: Testa di culo. Indicato come classico esempio di insulto in caso di mancata precedenza (es.: Oh conch'è culu, là ghi tengu sa precedenza!) Segnalazione di Dolly

C˛nch'e gesso: testa di gesso. Utilizzato per soprannominare i vigili urbani con il loro caschetto bianco; ES: "Pompia in cue kie b'este, commo bi l' abbokino: CONC' E GESSO" - TRAD: " Ma guarda la chi c'Ŕ, adesso glielo dico: TESTA DI GESSO " (Grazie a vinu nieddu )

C˛nch'e giunugu: dicesi di persona con pochi capelli (es.: la cumenti potada is pilusu,  o conch'Ŕ giunugu; guarda un p˛ come porta i capelli, o testa di ginocchio!) Ringraziamo Climbing

Conch'è gomma: Testa di gomma. (es.: Oh Peppi, d'às bìa cussa picciocchèdda? 'tta leggia! - Mincammìa... ooooooooohhh conch'è gomma! ; Trad.: Oh, Giuseppe hai visto che brutta quella ragazza? Membro mio..... oh testa di gomma!!!) (Grazie a Ziuperra.)

C˛nch'e lampadina: persona completamente priva di capelli. Anche come "conch'e gen˛gu (o gin˛gu)" cioŔ con qualche rado capello (Seme colpisce ancora!)

Conch' e lecuccu e riu: Testa di ciottolo di fiume, calvo (es.: Cusss' homine zuchet sa conca chi paret unu lecuccu de riu ; Guarda quell'uomo, ha la testa sý levigata da parermi un ciottolo fluviale) Ringraziamo Conzeri per la segnalazione.

(a) Conch'e lettu: Adagiata sul letto. (es.: - Castia cuddu truncu de cunnu!! - Ma galli, cudda budranca? - Diasta bolli a conch'e lettu!! ; Trad.: - Ammira quell'affascinante fanciulla!! - Ti riferisci forse a quella meretrice? - Ma quale ragazza di facili costumi, ti piacerebbe averla adagiata sul letto...!!!) (Segnalazione di mpv)

Conch'Ŕ lissa: Sinonimo di conch'e lampadina o simili ma anche stupido, senza cervello (es.: Sesi unu conch'e lissa. Ŕsti bessýa cun unu conch'e lissa! ; Sei decisamente stupido! E' uscita con uno senza capelli) Grazie a Mary.

Conch'e mallu: testa di dimensioni abnormi (es.: castia gussu conch'e mallu, chi ti bartiri de conca ti segara sa udda. - trad.: Guarda quel testone, se dovesse darti una testata ti farebbe veramente male!) Grazie a dosh per la segnalazione

Conch'e minca: Testa di uccello (es.: Ma poitta non tinci scavvuasa a mari bruttu Conche Minca…. - trad.: Ma perchè non ti butti con forza in acqua, brutta testa di uccello..) Grazie a Callona.

Conch'e molenti: testa di asino (Es.: conch'e molenti, non ser bonu mancu a di ponniri su dindolu; testa d'asino, non sei buono neanche a metterti il preservativo) (Segnalazione di monte oro)

Conch'e muffa: testa di lichene (Es.: non brintese a cui ca es prenu de concas de muffa; non entrare lý perchŔ Ŕ pieno di teste ammuffite) (Segnalazione di Jeo e Issu)

Conch'e televisioni: chi ricorda nei tratti cranici una televisione, chi ha la testa particolarmente squadrata (Es.: ...e cudda cuminzara a mi basai...C'è, la' Anto c'è Ivan conch'e televisioni, Oh Ivan poni beni s'antenna chi no biri videolina!; ...e allora lei comincia a baciarmi...Nooo guarda Antonio, c'è Ivan testa di televisione, Ivan orienta meglio l'antenna che il segnale è disturbato!) (Segnalazione di Scream is back)

Conch'e ovu : testa di uovo. Es: tenni una conca commenti Marco Mura Trad: hai la testa a forma di uovo come Marco Mura (Segnalazione di Giampietro Carta)

Conch'e zubbia: testa di scalpello (es.: Si usa per le persone molto molto dure. Lo scalpello scolpisce il legno perci˛ il conk'e zubbia Ŕ pi¨ duro de su conk'e linna. Es. mi ca ses conk'e linna ; Trad.: Guarda che sei duro eh! ) (Segnalazione di Isilesu ) 

Conchi cabau: testa abbassata. (es: O conchi cabau scida su sonnu! - trad.: Oh testa china, svegliati!) (Grazie a Zucca Baldino)

Conchýnu: diminutivo di Testa. Dicesi per il glande ma anche per persona poco intelligente o corretta (Es.: 1) Minci seu coddau Fisietta e immoi tengu su conchinu tottu arrubiu; ho avuto un rapporto sessuale con Efisia ed ora ho il glande tutto arrossato. 2) Oh conchinu, ma no d'asi biu ca da tenemu deu sa precedenza; oh scemo ma non hai visto che ero io ad avere il diritto di precedenza?) (Grazie a Pedro per l'ispirazione)

Conchixeddasa de pruppu: testine di polpo. (es.: ti du fiasta pappau in conchixeddasa de pruppu cussu dinai... - trad.: se li avessi spesi in testine di polpo, quei soldi, li avresti spesi meglio...) (ringraziamo bibito per la segnalazione)

Conconi: accrescitivo di testa. Dicesi per chi ha fisicamente la testa grande, ma dicesi anche in senso figurato (vedi anche concali) ai balossi, ovvero ai "Testoni" (Es: Cussu piccioccu portara zaccar'e conconi!! - Trad. Quel ragazzo ha un incredibile testone!! ) (Grazie a cauli per l'ispirazione)

Connada: cognata (Es.: connada mia esti una craba pudexia...; mia cognata è una capra puzzolente...) (Segnalazione di KIKI)

ContulÓrju: pettegolo (Es.: ite mi contas cumpÓ? Contularju comente sese...ja nd'ischis de cosas!; che mi racconti amico? Pettegolo come sei...giÓ ne sai di cose!) (Grazie a Esoanche)

CoppiŔddusu: Maialetti. (es.: Dopo uno spuntino massiccio Laura M. si rivolse verso Silvia D. dolcemente accasciata in stato pietoso: - "Eh it'Ŕ coppiŔddusu ?!? GiÓi ti 'ndi coxiÓda!!!" ; Trad.: "Cosa sono  maialetti?!? GiÓ te ne avanza!!!".) (Grazie a Zampettare...)

Cora: Cunetta. (es.: Cussa macchina è falada in sa cora! ; Trad.: quella macchina è discesa nella cunetta. (tecnicamente, 'arrumbulata') (Segnalazione di massimo )

C˛rassiu: bruciori di stomaco, acidità. ES: Cussa carda de birra chi mi seu donau madi fattu corrassiu!!!- TRAD: Quella gran bevuta di birra ce mi sono fatto mi ha provocato bruciori di stomaco!! (Grazie a antoniccu)

C˛rbare: procurare (Es.: appu corbau unu palloni; ho procurato un pallone) (Grazie a Matdor e, per sua volontÓ, ringraziamenti particolari vanno a Tonio M.)

Corcadý 'n sa braxa: Sdraiati sui carboni ardenti! (es.: Ma bài e corcadý 'n sa braxa, ce sas scètti unu cazzèri! ; Trad.: PerchŔ non ti corichi sulla brace, che non fai altro che dire cazzate!) (Ringraziamo Ziuperra per la segnalazione)

(Tziu) Corda: Sig.Corda. Utilizzato nella locuzione "Su friusu de Tziu Corda, chi andada 'a burra a messai". Letteralemte: "Come il freddo che ha il sig. Corda, che va a mietere con la coperta addosso." (NB: il grano viene mietuto in estate. Hei, lo ho scitto per completezza d'informazione, non per fare il saccente!). Viene utilizzato nei confronti di persone molto freddolose quando, pur essendoci palesemente caldo, si lamentano dicendo di patire il freddo (Es.: "Tittia, ta friusu!". "Su friusu de Tziu Corda, chi andada 'a burra a messai!"; "Brrr, che freddo!". "Esagerato, come puoi sentire freddo col caldo che fa?") (Segnalazione di GatTonante)

Còrpusu: colpi. (es: "o farì su segnu de sa cruci poitta immoi ti struppiu a corpusu!!!!!!"- trad: "fatti il segno della croce perchè ora ti storpio a colpi!") (ringraziamo Crosser)

Corrovacca: lumaca (Es.: mia mì! Cussu chin sa pandina in mesu a sa carrera est andende comente una corrovacca; attenzione! Quello con la panda in mezzo alla strada stà andando come una lumaca) (Segnalazione di orunesu kpconfe)

Corru 'e Cicciu: lett. corno di Franceschino, viene usato per dire "un bel niente".(es.: D: "Ajaja mi d'onasa un'artra zippula?"? R:" Bairindi bruttu satzagoni, su corru 'e cicciu ti dongu; ti sesi pappau quattru sratzerasa de cruxionisi a prandi e duasa cubidinasa de zippulasa in dommu e zia tua! Sbregungiu!!" - Trad: D: "Nonna, mi daresti un'alta zeppola??" R: "Va via golosone, ti d˛ il corno di francesco; ti sei mangiato quattro terrine di ravioli a pranzo e due ceste di zeppole a casa di tua zia! Svergognato!!" ) (grazie a Reitano Mino)

Corruntonai: andare a coddare per le strade di campagna. Es: dialogo tra genitori e figlia: -Mammai esco alle 21 stanotte. - E ta è custa storia, itta sesi andendi a corruntonai? (trad: Cosa vuol dire questa storia, stai andando a coddare in campagna?) (grazie a proveddu)

Corr¨ru o Corrùdu: cornuto (es.: 1) Oh Tore, ge sesi pagu corr¨ru!; caro Salvatote, tua moglie se la spassa con un altro uomo! 2) Muzzere bella maridu corrudu ; trad.: Quando la moglie è bella il marito è cornuto.) (Grazie a Franchio & a Mullah)

C˛rrusu: corna (es.: Marieddu, po curpa de Pinuccia, tŔniri is c˛rrusu chŔ unu mufloni; Marietto, a causa di Pina, ha le corna grandi come quelle di un muflone)

C˛rru 'e sa f¨rca : Luogo di impiccagione (es.: Bae in su corru 'e sa furca! ; Invito non proprio garbato a togliersi dai piedi DEFINITIVAMENTE) (ringraziamo Fragoledda)

Coscia Coscia: Dicesi di scorreggio fatto illegalmente e soprattutto nell'anonimato (es.: Peppi a Giuanni: m'arregordu candu femmu piccioccheddu e in iscola mi troddiammu coscia coscia po non mi fai sbiccai... e dopu donammu sa curpa a su cumpangiu de bancu miu! - TRAD: Giuseppe dialoga con Giovanni e racconta: "Ricordo i bei tempi in cui ero a scuola e facevo gli scorreggi cercando di non fare rumore (l'aria e l'allegato fetore mi camminavano lungo le cosce)... e quando tutti si accorgevano della perdita di gas io davo la colpa al mio compagno di banco!!! (ringraziamo Ziuperra per questa segnalazione, una vera chicca!)

Cottu: ubriaco (Es.: cottu chi Santu Lazzaru; ubriaco come San Lazzaro; questa espressione viene usata per paragonare una persona che ha bevuto molto con l'evangelico Lazzaro il quale, dopo tre giorni nella tomba, puzzava non poco.) (ringraziamo Semmu di Sassari)

Cottu che ua teba: lett. cotto come una tegola. Ubriaco fradicio (Es.: appu biu a ziu Peppi: fia cottu che ua teba; ho visto zio Peppe: era ubriaco fradicio) (Segnalazione di Una)

C˛ttu ke pippa: ubriaco stracotto come una pipa. Es: ma non ti ses vidu kudda sera vis cottu ke pippa! Trad: non ti sei reso conto, ieri sera eri cotto come una pippa! (ringraziamo cigheddu)

(ti) Coveccho: Ti rovescio. (es.: Si non tist'asa mudu ti coveccho! ; Trad.: Se non ti stai zitto ti rovescio!!) (Grazie a AnguS)

Coza (pronuncia codza): scroto. (es.: chi ti nde calet sa coza! (frastimu) - trad.: che te ne possa scendere (cadere) lo scroto!) (ringraziamo nanni per la segnalazione)

Cozone: canaglia, farabutto, manigoldo (Es.: est dae maicantu chi ti devia narrer cantu ses cozone; da parecchio tempo mi premeva di dirti quanto sei farabutto) (Segnalazione di afferramiddachinzu Pattada)

Cozzina: ceppo radicale di pianta adulta. Persona non dotata di intelligenza (Es.: rodag˛! Femmu fueddendi cun cussa Bonnarina! Ceeee Pitticca sa cozzina!; fulmini e saette! Parlavo con la tale Bonaria. Oh perdinci, non dimostra di essere al quanto intelligente) (Segnalazione di Rita Guevina)

Cozzinieddu: palle nere, a causa di qualche strana malattia. Dicesi di persona antipatica, burbera. (es.: mi a issu, ti cozzinieddu.- trad.: eccolo lui, il signor palle nere.) (ringraziamo nanni per la segnalazione)

Cozzone: testicolo, ma anche (Es.: Ma ite ses fattende?!?! Mi chi ses propriu unu cozzone!!; Ma che fai?!?! Ti stai comportando proprio come un testicolo!!) (Segnalazione di Bratz)

Craba: capra. Dicesi anche di persona brutta e/o antipatica (castia cussa craba cun sa macchina noa, mi fairi n' arrennegu... - guarda quella capra con la macchina nuova. Mi fa proprio alterare...) (grazie Gavvino Rundeddu)

Crabaxiu: Zoticone che ha a che fare con le capre, dai modi non propriamente signorili. (es.: o su sociu as biu cussu crabaxiu cummente t'ari castiau? stari cicchendi contusu! -trad.: caro amico, hai visto come t'ha guardato quello zoticone? sicuramente vuole attaccare briga!) Ringraziamo dosh per la testimonianza.

Crabistone: tonto (Es.: sese unu crabistone, non cumprendes nudda; sei un tonto, non capisci nulla) (Segnalazione di falco60)

Crabonera: antico gioco goliardico/affronto dei cagliaritani che consiste nell'acchiappare da tergo con la mano destra il fondo dei calzoni della vittima (quella che in medicina Ŕ definita zona perianale) mentre la mano sinistra afferra vigorosamente il colletto. Tale movimento coordinato produce nel malcapitato un immediato stupore congiunto a una proiezione in avanti del corpo. Inizia cosý un quanto pi¨ lungo possibile percorso alla presenza di passanti sbalorditi. Scopo del gioco Ŕ impedire al contempo alla vittima di risalire a chi Ŕ o chi sono gli autori della crabonera. Es. "A Gigi d'anti fattu una crabonera a su poetto chi stairi ancora prangendi". (Grazie mille a Giampaolo per la bellissima segnalazione!)

Cracca: spingi (Es.: cracca! Craccaddu, beni dimmoniu!!!; spingi, sospingi con veemenza, diavolo d'un giovanotto!) (Segnalazione di Chianese minico e pupo e cacamucazz)

Cracca proceddusu: maialini pigiati (schiacciati) (Es.: s'atra dì ci fia sa genti a cracca proceddusu; l'altro giorno c'era tanta di quella gente, come se fossero maialini schiacciati) (Segnalazione di babballotti)

Craccheggiu: calcio con la pianta del piede (Es.: cittirì o ti ongu un craccheggiu; statti zitto o ti dò un calcio con la pianta del piede) (Segnalazione di Sid)

(sa) Crai: il membro portentoso dell'asino, a cui è "obligatorio" ribadire con l'esclamazione: "Ti Coddede" (Es.: "Uè Lelle...Sa crai!". "Uè Pissè...Ti coddede!"; "Ciao Gabriè.... Il membro portentoso dell'asino!". "Uè Vincè...Ti entri e ti sfondi le emorroidi!") (Segnalazione di Lacconni)

Crambitteddu: scioccherello (Es.: cussa pivella t'ari pigau po' su crambitteddu 'e sa discoteca; quella fanciulla si è immaginata che tu sia lo sciocchino della sala da ballo) (Segnalazione di sarduspater)

Crapicu: capezzolo. ES: ei cussa pizzinna tenede duos crapicos chi parene de erru! TRAD: ei quella graziosa donzella tiene due capezzoli che sembrano di ferro! (Grazie a bootzuvermiten per la segnalazione)

Cras coddasa: Letteralmente "domani scopi". Ma detto in tono ironico equivale a "non ce la farai mai" ES: Abbarradi gai tue!Si non bi proasa, cras coddasa! TRAD: Tu rimani cosý! MAa se non ci provi... domani ci riesci! (Grazie a sa brocca per la segnalazione)

Crasta-toppisi: Letteralmente "castra topi". Ma detto in tono ironico deride le dimensioni della lama del coltello del vostro aversario. ES: E ba chi cussa no est un`arresoia, e`unu crastadoppisi!- Trad: Ma và he quello non è un serramanico, è un castra topi (per evidenziare la misura molto piccola del coltello)(Grazie a callegrabittu per la segnalazione)

Cravadinci: entra con forza!! (es: itta sesi narendi... su semafuru fiada birdi.. non fiada arrubiu... ma "CRAVADINCI" in su gunnu... -trad.: ma che dici... il semaforo era rosso.. non era verde... ma vai ad "infilarti con forza"dal luogo dove ne sei uscito per venire al mondo... ) Grazie a Mastrolindo

CravÓd' 'e pŔi : pedata, calcione (es.: chi no ti cittisi' ti dongu una cravad' 'e pei a brenti, bruttu burdu!; se non stai zitto ti do una pedata sulla pancia , brutto bastardo) (Voce ed esempio segnalatici da GeppoXZ)

(De) Crema: Elegante (lett. 'di crema' ). (Ex1.: Su dommigu è prenu de genti chi bistidi de crema. 2: Cussu localli non mi prascidi, è de crema!! ; Trad.: Ex1.: La domenica si vedono in giro persone vestite molto eleganti. 2: Quel locale non mi piace, è troppo elegante!! ) (Segnalazione di Kicco23 di Terralba )

Crepau: Crepato. (es.: Crepàu siese!!! ; Trad.: Che tu potessi crepare!!!) (Grazie a Sergio)

Cresiau: ubriaco. (es: Castia Chicchinu!!....pariri sinzeru, inveci esti sempri cresiau! - trad: Guarda Francesco....sembra sincero(sobrio) invece è sempre ubriaco.) (ringraziamo nurhadda per la segnalazione)

Crestai: castrare. (es.: Toccara a crestai su proccu! - Trad: Bisognia castrare il maiale!) (ringraziamo Coddadori per la segnalazione)

Crobettura: tetto, ma anche ciulata. (es.: s'è sfundara s'apixedda puru, pittica sa crobettura... - trad.: oltretutto hanno danneggiato gravemente l'ape 50 special, che gran ciulata...) (ringraziamo sam per la segnalazione)

Crobu: corvo, anche figurativo (Es.: 1) s'attera die fio ananno a Lazzarinu e un crobu merdosu m'ha biccau su culu!; l'altro giorno stavo andando a Lazzarinu (nota loc. tonarese) e un corvo schifoso mi ha beccato il posteriore; 2) "O Lollore chi sighisi a buffare deosi sa pizzocca tua ti lassada!". "Tiè, bruttu crobu malu!!!"; "Oh scemo se continui a bere così la tua ragazza ti lascia". " Tiè, brutto iettatore cattivo!") (Segnalazione di Antoneddu77)

Croccarì in su loggu pàrisi: sdraiati nel luogo dritto (Es.: ti ongu una puntèra e pei a cùlu e rinci fazzu croccai in su loggu pàrisi; ti do un calcio così forte nel didietro che svieni e cadi in terra (il luogo dritto=pari!)) (Segnalazione di ALBY)

Cro Cro: di nuovo? ancora? (es.: Un'amico consiglia l'altro: "Cro cro! Ancora pinsŔndi a ghýssa sŔi? Ma no lu vŔdi che no t'Ú cagghŔndi?! ; Trad.: Di nuovo? Ancora? Stai ancora pensando a quella? Ma non lo vedi che per lei rappresenti una goccia nel mare?!) (Grazie a Montelepre.)

(sa) Crocetta: nome con cui viene indicato il quartiere cagliaritano di S.Avendrace, esattamente nell'incrocio tra viale Trento (vicino al liceo classico Siotto) e viale Trieste, dove ancora esite un cippo con una piccola croce. (es.: Là! Non mi fèzzasa incazzài..là chi deu seu malu, seu de sa crocetta! ; trad.: Vedi di non farmi arrabbiare...guarda che io sono cattivo, appartengo alla grenfa della crocetta.) (Ringraziamo Nurhadda per la segnalazione)

Crodinzolu: Codino malformato (es.: Asi biu a cussu CRODINZOLU cun cussus pantalonisi opettusu? No... Esti appalas tuasa... ; Trad.: Ai visto quel codino malformato con quei pantaloni aperti? No... E' dietro di te... ) (Segnalazione di Crodinzo) 

Cu accuzzu: sedere appuntito. (es: Diegu cu'accuzzu, pottasa su cu commenti a ua frommiga spizzuadrisci!!! - trad.: Diego sedere appuntito, ha il sedere come una formica rossa (tipica formica dei monti di Villaurbana (OR). (Grazie a Zucca Baldino)

Cuacciu: Culo di gallina. (es.: Càstia custa pivèlla, tènirii fràgu ècuàcciu! ; trad.: Guarda quella ragazza. Puzza come il culo di una gallina!) (Ringraziamo Craboi per la segnalazione)

Cuaddeddusu
: (lett.) cavallini; (fig.) capricci (Es.:su pippiu non boliri pappai, esti faendu cuaddeddusu!; Il bambino è inappettente, sta facendo i cavallini (capricci)) (Segnalazione di Iamlorenzo)

Cuàddu: cavallo, ma anche "nascondilo" da cuài, nascondere. (es.: 1) fammi u cuaddu de prui ! fammi un cavallo di polvere! 2) C'èsti su giubbottu de Efisia, cuaddu...ti coddidi! ; Trad.: C'è il giubbotto di Efisia, nascondilo - cavallo - ...ti trombi!!) 3) Cuaddo, chi no du furanta!!! ; Trad.: Nascondilo, se no lo rubano! (Grazie a Rena, Peste & Coddina per le segnalazioni.)

Cuaddu armau : architrave centrale, costituita da 4 singole travi che, nelle antiche abitazioni campidanesi a campata lunga, sostengono il peso del tetto. Es: O Tore, ‘ddu scisi ca ci tènisi una bella crabettùra?” “Bella e grai puru esti! Stoccàda!!! Tanti gei no ‘ddu pòttada unu bellu cuaddu armau; Trad.: Salvatore, lo sai che in casa tua hai proprio un bel tetto!? E’ bella e anche pesante! Caspita!!! Non difetta di certo di una bella architrave centrale (Grazie a Buzzavvài per la segnalazione e l'esempio.)

Cuàddu Friau : cavallo con la pelle irritata. Es: E' sempri arruendi, paridi u' cuaddu friau!! - TRAD: continua a cadere, come un cavallo che abbia la pelle fra le cosce irritata! (Grazie a maccitteddu per le segnalazioni.)

Cuau: nascosto, accucciato (Es.: S'attraddì femmu camminendi e mi seu biu unu braboni cuau a sutta e una macchina, e d'appu domandau: "Ma itta s'è faendi?". E lui: "Shhh! M'è ciccendi sa DeVizia, m'adi pigau po' bust'e alliga!"; L'altro giorno mentre camminavo ho notato un barbone nascosto sotto una macchina e gli ho domandato: "Ma che stai facendo?" E lui: "Stai zitto! Mi sta cercando il camion della nettezza urbana, mi ha scambiato per una busta di immondizia!") (Segnalazione di Scream)

Cuba: botte per la conservazione del vino. Termine principalmente ogliastrino (Ilbono-Lanusei-Elini-Tortolý) (Es.: poneusu su inu in sa uba; mettiamo il vino nella botte) (Segnalazione di Stilafata)

Cubbanti : duodeno. ( Tipico esempio di utilizzo: bisogna acciappallu in mezzu allu culu di la femmina, poi viaggi cumenti un polcu in foggu! trad.: prima di tutto bisogna acchiapparlo in mezzo al sedere della donna, poi viaggi come un maiale in fuoco.) Grazie a negro per la segnalazione sodomita. 

(a) cuccuru in'culu: a testa sotto il culo (es.: L'appo iscuttu punzu a cara ed'est ruttu "a cucuru in culu" ; Trad.: gli ho dato un pugno in faccia tale da farlo rovesciare con la testa in culo ) (Segnalazione di guisombres ) 

Cuccuru spinniàu: Figa pelata. (es.: - Sèsi cummènti unu cuccuru spinniàu! ; Trad.: Mi sembri una figa pelata!) (Grazie a Car.)

Cudda brutta eva: quella brutta eva. (frastimmu,bestemmia) (quando qualcosa non ti riesce e ti viene il nervoso. Es.: cudda brutta eva cristu....tad.: Quella porca miseria cristo ! (thanks a Michele-Bart)

Cuddemos: scopiamo. (es: a bi benisi a cubile a fachere cuddemos? - trad: ci vieni all' ovile a scopare?) (Un grazie a maiale per la segnalazione)

Cuddiconi: sottopalle. (es.: m'agghiu stampatu lu cuddiconi muntendi a caddu - trad.: mi sono rovinato il sottopalle montando a cavallo) (ringraziamo su lupu per la segnalazione)

Cuddoni di prugna: coglione di prugna (Es.: sesi proppriu un cuddoni di prugna; sei proprio un coglione di prugna) (Segnalazione di Uciosu)

Cuddu cunnu : testualmente "quell'utero" o affermazione rafforzativa o manifestazione di sbigottimento. (es.: Due innamorati. "Ciao, Ci, ma mi ammi ?" "Cuddu cunnu se ti ammo !") Ringraziamo Dekra

Cuddu cunnu mannu: letteralmente "quell'utero enorme" , anche e soprattutto usato come espressione rafforzativa. (es.: mi sei squartarau in terra, cuddu cunnu mannu!; Trad: accidentalmente, forse perche'spinto da tergo,sono stramazzato violentemente al suolo, per quell' utero di dimensioni
abnormi ! ) -Segnalazione ed esempio di fabio (speriamo che non si sia fatto troppo male...)

Cuepalla : testualmente culo di paglia. Cioè codardo. ES: O Cuepalla Oristanesu !! - TRAD: Tipica espressione usata dai biddai Campidanesi per indicare i nostri amati "Cittadini Oristanesi". Un salutone ai "VISI"!!!! (Grazie a Babbu Coddadori )

Cuggý: cugino/amico (Es.: o cuggý ma ta se fendi?; o cugino/amico cosa stai facendo?) (Segnalazione di Frag' 'e toppi)

Cuggia: Coglione. Espressione tipica di Osilo (SS) ridente centro montano. Deriva da tale Arciprete Cugia ,che pare fosse tanto dotato di attributi, da legare il proprio nome a tale escrescenza.
Esempi:
-Sas cuggiasa: i coglioni, le balle;
- Sese una cuggia(m) aeterna: sei un tale coglione da sfidare i secoli dei secoli:
-Sas cuggia'l de Pio IX:  Si, stai fresco se pensi di fregarmi in modo cosý subdolo.
-Ma,dý, a mi la'l gira' sas cuggiasa?!:  Mah!, vuoi smettere di infastidirmi?
(ringraziamo GiPpy per la sua articolatissima segnalazione)

Cuglioni: Scroto. (es.: Paole',ma indi'gazzu ses andendi? Bruttu cuglioni! ; Trad: Paoletto ma dove cazzo stai andando? Brutto coglione!) (Grazie a sandro)

Cugliunadda impanadda: grande esagerazione. (es.: << la mia panda ha toccato 130 nella salita di via Sardegna >> - << e muddu chi ghissa Ŕ una cugliunadda impanadda >> - Trad: << la mia panda ha toccato i 130 nella salita di via Sardegna >> - << ma stai zitto, ci˛ che affermi Ŕ una grossa esagerazione che rasenta la balla >>) (grazie a gangheri)

CugumŔddu Padrýnu : Dicesi di persona di bassa statura (es.: Abbaida Speiu! Parede unu cugumeddu padrinu! ; Guarda Speiu, sembra un nanetto!) (Ringraziamo Maruzzino)

Cug¨rra: Processionaria, insetto lepid˛ttero della famiglia dei taumetopŔidi, allo stato larvale. E' un parassita voracissimo di giovani piante. Nella tradizione dicesi di iettatore, di qui il verbo "cugurrare" (portar sfortuna). (es.: oh Gino - appena avvicinatosi al televisore in cui si trasmette la partita del Cagliari, che subisce contestualmente un goal - , giÓi Ú sŔ pitticca 'na cugurra!!! ; Trad.: oh Gino, certo che hai un' aura fortemente negativa oggi!!!) (Segnalazione di Hbadda.)

C¨huru: si tratta di una delle poche parole di indubbia derivazione prenuragica significante altura, cuccuzzolo (Es.: hommente tenes sos pilos? GiuhŔs unu c¨huru; come hai i capelli? C'hai un bozzo...
(Grazie a Prohu per la segnalazione)

Cul''e coffa: Culo grande (es.: Mì càstia cussa buddòna! Pittìccu su culu è coffa!!! ; Trad.: Garda quella grassona! Piccolino il culone!!!) (Grazie a Pisittu.)

Cul''e papera: vedi sopra (Es.: Minca c'esti cussa picciocca, Peppina si zerriara, ca esti bona mera, ma tenniri custu cul''e papera...!!!; Opoffarbacco hai visto quella ragazza il cui nome Ŕ Giuseppina? E' molto bella , ma ha il fondoschiena molto grande) (Segnalazione di Gavvino Rundeddu)

Cul 'e tanazza: letteralmente "culo di tanaglia", si dice di persone particolarmente tirchie. (es: ludoski est unu culu 'e tanazza; Trad: ludoski è molto tirchio) (ringraziamo quel culu 'e tanazza di ludoski! ;)

Cul'e tracca: fondo del carro a buoi (Es.: castia Graziella! Porta unu cul'e tracca chi no fairi a du tragai!; guarda Graziella! Ha il deretano che sembra il fondo di un carro a buoi, che non ce la fa a portarselo dietro!) (Segnalazione di Zia Licca)

Culi allutta: dicesi di fanciulla che sa spontaneamente godere della propria generosità (Es.: nd'appo connottu de culi alluttas, ma no che a sorre tua! Pariada una colora coddende!; ho conosciuto molte fanciulle di buon cuore, ma nessuna come tua sorella. Non stava in sé per cercare di dimostarmi il suo altruismo.) (Segnalazione di Mariani Ezzu)

Culichidrinu: culo rigido, culo impalato. Dicesi di uno che:
- a) da sa caminada depet esser culi istrintu; (trad.: mostra rigidità nel camminare)
- b) iscudet su culu da una parte a s'atera; (trad.: di uno che nella camminata sculetta)
- c) che li essint sas troddias fines fines... accuttas e crispas. (trad.: di uno che lascia andare scorreggie dal suono acuto - ed egli avea del cul fatto trombetta. Dante, Inferno, XXI - )
(ringraziamo ancora nanni per la segnalazione "letteraria")

Culidurche: maschietto a cui piacciono i maschietti.... (Es.: puitte ses bistiu che a Renato Zero??!No as'a essere unu culidurche??; perchè ti sei conciato come Renato Zero??!Di'un po', non ti piaceranno mica i maschietti??) (Segnalazione di Sard Woman)

Culilenu: ano debole (Es.: ess'a fiagu ma mi chi sese culilenu!; mamma mia che puuzza ma hai veramente l'ano debole!) (Segnalazione di Mussimiao)

Culipudidu: ano puzzolente. (es.: Cussu pizzinnu este unu culipudidu - Trad: Quel ragazzo Ŕ un "anopuzzolente") (grazie a Piero1)

Culi vudditta: letteralmente "culo bollente". Ragazza dalle facili voglie. (es.: Sorre tua mi che parete unu paccu "culi vudditta", rimunitila!! Trad.: Mi pare che tua sorella sia un poco "caliente", stai attento!! ) (vai Pasqualino!)

Culu affringionau: sedere vecchio (Es.: cussa eccittedda e merda tenede su culu tottu affringionau!; quella vecchietta di merda ha il sedere vecchio!) (Segnalazione di Marras Meana)

Culu cagau: sedere sporco, persona immatura come un bambino che non ha ancora dimestichezza col vasino. ES1: bairindi a dommu, culu cagau!! - TRAD1: ritorna a casa, sedere puzzolente!!--Es2: CUGAGAU!CHI NO DA ACCABAS DE MI SAGAI IS CALLOIS TI LUMBU - TRAD2: O BAMBINONE SE NON INTERROMPI LA TUA MOLESTIA TI PERCUOTO! (Grazie a bobi e MARRAGOTTI

Culu e isporta: Culo di cesto, Culo grosso. Es: Gelsomina este unu culu 'e isporta - TRAD: Gelsomina ha un culo grosso) Grazie alla Mururuttu per la segnalazione.

Culu de preittsa : sfaticato...lavativo. (es.: sesi propriu unu Kulu de preittsa! trad.: sei davvero un grande lavativo !) Grazie alla mamma per la segnalazione.

Culu 'è pedde: Lett. Culo di pelle. Dicesi di persona estremamente magra e sfigata che cerca di farsi notare con spavaldaggini che di solito non fanno altro che peggiorare la sua situazione. (es.: Oh, culu 'è pedde, molla cussa preta ki es prur manna e tene. Ka si ti secasa sos ossoso, sa pedde no iskiti prusu i¨ve si imbolicare!!! ; Trad.: Oh, culo di pelle, lascia stare quella pietra che Ŕ pi¨ grande di te. E se ti rompi le ossa, la pelle non sa pi¨ dove avvolgersi!!!) (Ringraziamo ka ti coddo per la segnalazione.)

Cumbidare: offrire da bere(Es. itte crepasa a buffare ti cumbido?; cosa prendi( crepasa, cioè crepato) ti invito da bere? (Modo di dire fra amici per offrirsi da bere nei paesi della Sardegna interna (Alà dei Sardi, Buddusò, Bitti ecc...), mi raccomando solo fra amici e sobri!!!)) (Segnalazione di Cuccumiao)

Cumprida: ragazza in carne, compressa. (es.: minca mia a tui, giai sesi cumpridedda! Trad.: minca mia a te, sei piuttosto in carne!) (ringraziamo Strano per la segnalazione)

Cungiau: pezzo di terra (Es.: mi seu pigau u bellu cungiau; mi son preso un bel pezzo di terra) (Segnalazione di Omar)

Cunnata: figata (Es.: "Hola oh Maximè.. enzà? Cummenti esti andada sa festa??...". "Oh cittirì.. Castia non mi du arremonisti... PITTICCA SA CUNNATA!!!"; "Hola oh Maximè.. Allora? Com'è andata la festa???". "Oh stai zitta.. Guarda non me lo ricordare... PICCOLINA LA FIGATA!!") (Segnalazione di le 2ammiratrici dei cocchi di marmo)

Cunnu: vagina (Es.: su cunnu chi ti adi bogau; vagina che ti ha partorito/a) (Segnalazione di Filo)

Cunn' 'e cazzu: utero di pene (Es.: -ceee! Dona attenzioni chi appu biu sa giustizia chi Ŕ frimmendi chini Ŕ kenze cascu!-. -Eh bÓ!? Cunn'e cazzu!-; -ehi! Fai attenzione che ho scorto la polizia che si accingeva a formare un posto di blocco per fermare chi è senza casco!-. -Ma davvero? Acciderbolina!-) (Segnalazione di Kekko Kekko)

Cunn'e monsignori: letteralmente "figa di monsigliore". Esclamazione. (es.: AHHH su cunn'e monsignori!!!!! custu cazzu e cani rabiosu chi tenisi m'ari mussiau...su piscioni - trad.: Aaaahh ma per l'oragano di monsignore..questo cagnaccio che tu definisci da compagnia mi ha morso il polpaccio) (ringraziamo vagina gina per la segnalazione)

Cunn'e proccu: utero di scrofa. Tipico insulto gaggio da utilizzare quando una lardona vuole abbordarti (Es.: oh ma itta cazzu è chi bolis fai con cussa cazz'e brenti manna, o cunn'e proccu?; oh, ma cosa vuoi fare con quel pancione gigante, utero di scrofa?) (Segnalazione di Maestro)

Cunnibamba: letteralmente "figa insipida". Dicesi di una ragazza sciocca, di un'oca. (es.: mi a issa tia cunnibamba. - trad.: eccola lei, la “zia” oca, quella dalla figa senza gusto.) (ringraziamo nanni per la segnalazione)

(Su) Cunnu chi t'ari angiau: la vagina che ti ha allattato (partorito). Tipica espressione del medio-campidano usata in situazioni scoccianti, o di stupore nei confronti di un avvenimento accaduto all'improvviso (Es.: "Du scisi ca è stettiu Gianni a ti furai sa picciocca?". "No!! Su cunnu chi d'ari angiau!!!"; "Sai che è stato Gianni a portarti via la fidanzata?". "No! (non ne ero a conoscenza) La vagina che l'ha allattato!!) (Segnalazione di Arbus23)

Cunnu chi tindi adi azzappuau : L`apparato genitale famminile che ti ha scaraventato fuori con forza. (Es.: -Franco! Su cunnu chi tindi adi azzappuau!" - "E o mamma no d`appu fattu apposta de arrogai su fanalinu e su trattori!" - TRAD: "Franco! Quel`apparato genitale che ti ha scaraventato fuori con forza!" - Oh, madre, il mio danneggiare la luce lampeggiante del motoveicolo familiare ad uso agricolo non e` stato certo un gesto compiuto con intenzione!" (Ringraziamo Marduk per la bella segnalazione)

Cunnu cuddu: Accidenti !. (es.: Ma mi ami? "Cunnu cuddu se ti amo!" ; Trad.: Ma mi ami? "Accidenti se ti amo!" ) (Segnalazione di DiO-LeCcIo^ )

Cunnu doxi: Letterale: Vagina dodici Significato: "Oh balosso" o anche "che palle!" (Es.: Sa proffessoressa a su piccioccheddu: "Efisio beni a s'interrogazioni" Efisio: "Oh cunnu dosci m'asi zerriau ariseru puru" - TRAD: La professoressa all'alunno: "Efisio vieni all'interrogazione". Efisio: "Oh profesoressa dalla vulva dozzinante mi ha chiamato anche ieri") Ringraziamo Bucciacca per la segnalazione

Cunnu mali fattu: vagina uscita male (Es.: (quando una leggiona ti cerca coddingio al charlie) oh cunnu mali fattu ma tin'ci bogasa de mesu a sa callonera?; o vagina uscita male ti togli da mezzo ai coglioni?) (Segnalazione di Cunnudeaundi)

(o)Cunnemammatuabagassa: Letterale: il fiorellino di tua mamma che fa il mestiere più antico del mondo - ES: Gnazio: Ceee... appu stumbau cun su trattori una macchina accostara a palasa de su bar!!! - Gavino: ocunnemammatuabagassa la chi fiara sa mia!! - TRAD:Gnazio: ops... ho accidentalmente tamponato con il trattore un'autovettura posteggiata dietro il bar!!! - Gavino: il fiorellino di tua mamma che fa il mestiere più antico del mondo, guardacaso la macchina era la mia!!(Segnalazione di Puxe )

(su) Cunnu 'e mamma tua bagassa coddara cun d'unu para: la figa di tua madre puttana che scopa con un prete. Imprecazione al di la delle righe verso qualcuno che ci ha fatto un torto grave o ci ha fatto del male fisico (Es.: su cunnu e mamma rua bagassa coddara cun d'unu para! M'asi arrogau sa gamba!; la figa di tua madre puttana che scopa con un prete! Mi hai rotto la gamba!) (Segnalazione di Kind)

(su) Cunnu 'e zia tua bastarda: la vagina di tua zia senza padre (Es.: ti stai fumando la canna un tuo amico ti stressa per farlo fumare e tu gli rispondi :'Oh su cunnu e zia rua bastarda ci bolis cravai in su gunnu?'; 'Oh la vagina di tua zia senza padre ci vuoi entrare nella vagina?') (Segnalazione di Vale Fiori)

Cunn' 'e Giuda: "la figa di Giuda!". L`immaginazione popolare isolana attribuisce al noto traditore il possesso dell`organo genitale femminile, il quale organo viene ritenuto responsabile di incidenti di varia natura e sfighe, e viene chiamato in causa ogni qualvolta un sardo ne rimane vittima. (es: appu lassinau ind`una merd`e cani e m`appu squaddigau unu pei, cunn`e giuda! Trad: sono scivolato su una merda di cane e mi sono slogato un piede, figa di giuda! ) (ringraziamo per la segnalazione il prof. anti˛co traverso, paziente in psichiatria all`istituto villa Clara in Cagliari.)

Cunnitta tonta : (femminile) rincoglionita. (es.: ma laghi sesi propriu una cunnitta tonta ... - trad.: sei davvero tutta rincoglionita!) Grazie a ????? per la segnalazione.

C¨nnu: organo genitale femminile (es.: su cunnu chi t'ari cagau; l'organo genitale femminile che ti ha defecato!) (Un ringraziamento a Petruzzo che ce lĺha segnalato)

(su) Cunnu chi d'hà biu: la figa che ti ha visto (nascere) - Ŕ un`imprecazione . (es: :" oh calloni itta cazzu se fendi??su cunnu chi da biu!!" - "oh coglione ma che cazzo stai facendo??per la figa che ti ha visto nascere!! ) (grazie a chiarighedda)

Cunnu chi t'adi sfrattau: la vagina che ti ha sfrattato (Es.:minca, oh Già, ma esti possibbilli cà onnia rotta cà girasa unu spinellu du faisi aici leggiu!cunnu chi t'adi sfrattau!; porca miseria, Gianni, ma è possibile che ogni volta che rolli uno spinello lo fai così brutto!per la vagina che ti ha sfrattato!) (Segnalazione di Scream is back)

(Su) Cunnu chi t'a trisiau a terra: La figa che ti ha trascinato in terra. (es.: Oh su gunnu chi ta trisiau a terra, ma du spostasa cussu cazzu de motorinu?! ; Trad.: Oh la figa che ti ha trascinato in terra, ma lo sposti quel cazzo di motorino?!) (Grazie a Su marciu de Quartu)

(su) cunnu chi ti ndadi bogau: la figa che ti ha buttato fuori (Es.: cunnu chi ti ndadi bogau fillu de mama tua bagassa!!!; la figa di tua madre puttana che ti ha buttato fuori!!!) (Segnalazione di Concheddu)

Cunnu chi ti' n dai butulau 'forasa: apparato femminile che ti ha fatto rotolare fuori (Es.: asi scioppau un atra macchina! mallappis tui e su cunnu chi ti n'dai butulau forasa!; hai rotto un'altra macchina! maledetto te e la donna che ti ha fatto nascere!) (Segnalazione di terte)

(su) Cunnu de aundi: Che diamine!! (es.: è tottu sa dì chi di giku ma innui cazzu ti sè cuau .....su cunnu de aundi!!!! ; Trad.: è tutto il giorno che ti cerco, dove cazzo eri nascosto.......diamine!!!) (Grazie a Billoi)

Cunnuechitindatirau : l'utero che ti ha partorito. (es.: maitta cazzu se fendi cunnuechitindatirau !- Trad.: cosa diavolo combini, per l'utero che ti ha creato!) Grazie a Giovanni coddaproccu per la segnalazione

Cunnumùrru: organo genitale femminile con il pelo brizzolato. (es: 1963. Lelio Luttazzi teneva una rubrica di Posta dei Lettori su "Radiocorriere". Un giorno pubblica la lettera di una tale Cunnumurru Maria ved.Minchemolenti cui h scappato il figlio Pietro. Il musicista lancia un appello: torna a casa Pietro Minchemolenti!Non si è mai saputo chi ha scritto. Si sospettava di tale Nandino che i vecchi conoscono "Biddio"!) Grazie a Oops per lo splendido aneddoto.

Cunnu tontu: femmina sprovveduta (Es.: cunnu tontu no du bisi chi deppiesta pigai duas pastiglias po ri sanai..; tontolona per guarire dovevi prendere due pastiglie) (Segnalazione di maga magò)

CupŔrri:  Letteralmente "coprire", in realtÓ significa trombare.  (es.: castia cussa picciocca, tengu gana 'e  da cuperri; guarda quella ragazza ho voglia di provocarle un orgasmo) (Un ringraziamento a Sbilenji che ce l'ha segnalato)

Cuponi: botte (Es.: a ca t'acatinti unfrau cumenti uno cuponi de milli; che ti trovino pieno di acqua come una botte da mille litri) (Segnalazione di bikestria)

Curcuddu: glande, cappella (Es.: cazzu, m'hana nattu kje su izzu e Marieddu tenete unu curcuddu, kj paret' una conca 'e akipudda; cazzo, mi hanno detto che il figlio di Mario ha una cappella che sembra una testa di cipolla) (Segnalazione di Joe Popper)

Curori di panza d'ainu : Stesso colore della pancia dell'asino (es.: A ti piazzini chisthi botti? Ih.. Beddi s˛ v'hanni lu curori di la panza di l'ainu! ; Ti piacciono le scarpe che ho appena comprato? Ah sono proprio belle, hanno lo stesso colore della pancia dell'asino!) (Ringraziamo Sasaia per la segnalazione)

Curri curri: scarafaggio (Es.: cassaddu, c'esti unu curri curri nein su lettu de nonna rua. Dadessi bessiu de sa ucca?; prendilo, c'è uno scarafaggio nel letto della tua povera nonna. Le sarà venuto fuori dalla bocca?) (Segnalazione di Libre)

Curri, dimmoniu!: corri demonio! (nel senso di "corri bastardo" ) (es: Stadio S.Elia, curva Sud, partita Cagliari-Cesena, Quagliozzi s'invola sulla fascia, Ziu Lilliccu si alza ed esclama con tutta la sua forza -curri ddimmoniuuu-, dopo di che il generoso centrocampista rossobl¨ ruzzola assieme alla palla oltre la linea di fondo... ) (ringraziamo Zittoman)

Curruru: cornuto (Es.: 'Oh, du scisi che Gigi esti curruru? Anti biu sa pivella all Euro tottu avvinghiata a unu tipu, pori essi de S. Michele'; 'Oh, lo sai che Gigi Ŕ cornuto? Hanno visto la sua fidanzata in atteggiamenti moto intimi, con un tale, magari di S.Michele) (Segnalazione di Saretta)

 

VUOI AGGIUNGERE UNA VOCE?

 

TORNA INDIETRO